Impresa

Bando start-up innovative: far crescere le imprese italiane all’estero

bando-start-up-innovative-imprese-italiane-allestero
CIRINO CRISTALDI
Scritto da CIRINO CRISTALDI

Fissato per il 26 febbraio il termine per presentare le domande di partecipazione

Come previsto dalle recenti misure messe in atto dal Governo, il bando InnovAzione consiste in una serie di agevolazioni studiate per incentivare lo sviluppo delle start-up innovative, con un occhio di riguardo al mercato estero.

Era il 24 marzo 2015 quando veniva approvata la legge Investment Compact, che di fatto dava vita alle start-up innovative in Italia e prevedeva un particolare sostegno fiscale mirato allo sviluppo dell’innovazione del cosiddetto Made in Italy.

È passato quasi un anno da allora, il numero delle piccole e medie imprese dell’innovazione è cresciuto in maniera importante e adesso è di nuovo tempo di agevolazioni con il bando InnovAzione, pensato in particolare per incentivare lo sviluppo delle start-up innovative nel mercato estero.

Start-up innovative, che cosa sono?

Come previsto dalla legge, una start-up innovativa è una società di capitali (anche in forma cooperativa) le cui azioni o quote non sono quotate su un mercato regolamentato o su un sistema di negoziazione multilaterale.
Per essere definita tale, l’impresa innovativa deve soddisfare i seguenti requisiti:

  • avere come obiettivo sociale esclusivo o prevalente, lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti/servizi innovativi ad alto valore tecnologico;
  • avere sede in Italia o in uno degli stati membri dell’Unione Europea o in Stati aderenti all’Accordo sullo spazio economico europeo (in questo caso deve avere una sede produttiva o una filiale in Italia);
  • essere costituita e deve operare da non più di 5 anni;
  • l’ammontare totale del valore della produzione annua, a partire dal secondo anno di attività, non può superare i 5 milioni di euro;
  • la maggioranza del capitale sociale e dei diritti di voto nell’assemblea ordinaria deve essere detenuto da persone fisiche al momento della costituzione e per i successivi 24 mesi;
  • non deve distribuire o aver distribuito utili;
  • non deve essere stata costituita a seguito di una fusione, scissione societaria o a seguito di cessione di azienda o di ramo di azienda.
Leggi anche:  Super ammortamento: l'agenzia delle entrate fornisce alcuni chiarimenti

Start-up innovative: il bando InnovAzione

Il progetto InnovAzione – Assistenza allo Sviluppo Internazionale di start-up innovative, è stato realizzato da Assocamerestero e dalle Camere di Commercio italiane all’estero (in collaborazione con ICE-Agenzia e con il supporto finanziario del Ministero dello Sviluppo Economico) per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle aziende italiane.
Nello specifico, possono partecipare al bando i soggetti pubblici e/o privati che erogano da almeno 12 mesi programmi di accelerazione di start-up in Italia o all’estero (supporto periodico, formazione, ecc.) e che nel medesimo periodo abbiano collaborato all’attivazione di almeno 3 start-up.

Le start-up innovative candidate dovranno possedere i seguenti requisiti:

  • aver già introdotto sul mercato, da almeno 6 mesi dalla data di pubblicazione del bando, il prodotto/servizio offerto (anche in forma di “prodotto minimo funzionante”);
  • essere iscritte, alla data di scadenza del presente bando, nella sezione speciale del Registro delle Imprese;
  • essere in regola con la Disciplina antiriciclaggio e con la normativa antimafia;
  • essere in regola con il DURC (Documento Unico di Regolarità Contributiva);
  • non essere in stato di fallimento, di liquidazione (anche volontaria), di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente;
  • non aver subito condanne per reati che incidano sulla moralità di impresa;
  • rispettare le norme dell’ordinamento giuridico italiano in materia di infortuni sui luoghi di lavoro e delle malattie professionali, della sicurezza sui luoghi di lavoro, dei contratti collettivi di lavoro e delle normative relative alla tutela ambientale.

Dopo la scadenza del termine di accettazione delle domande, saranno selezionate 20 start-up da inserire in un percorso di collegamento e apertura al mercato estero.

Start-up innovative: presentazione delle domande

I soggetti interessati dovranno presentare le domande di partecipazione entro e non oltre le ore 16:00 del 26 febbraio 2016 tramite posta raccomandata del servizio delle Poste Italiane S.p.A. (agenzia di recapito autorizzata) indirizzata a: Assocamerestero – Associazione delle Camere di Commercio Italiane all’Estero, Via Sardegna, 17 – 00187 Roma. Sulla busta andrà indicata la dicitura “Progetto InnovAzione”.

Leggi anche:  Microcredito in Sardegna: importanti incentivi per attività imprenditoriali

 

Info: Assocamerestero 

Copyright 2015 - Magevola srl. | P.I. 05238870876 - Tutti i diritti riservati. Editore: Magevola srl, via Acquicella porto 6 - 95121 Catania (CT).
Powered by SOIM

Magevola