Bando PROSPEX Lazio: contributi a fondo perduto alle PMI per la promozione dell’export

AGGIORNAMENTO DEL 02 novembre 2017

La Regione Lazio  ha deciso di prolungare i termini per la presentazione dei Progetti per la formazione del 3° Catalogo PROSPEX al 15 novembre 2017. Leggi la proroga 

POR FESR Lazio, aperta la seconda finestra temporale per l’adesione ai PROSPEX inclusi nel Secondo Catalogo Regionale, a favore dell’internazionalizzazione delle PMI.

Negli ultimi anni, la domanda estera ha svolto un ruolo fondamentale nel sostenere, almeno in parte, l’attività produttiva delle aziende italiane. A fronte di un deterioramento della domanda interna, che ha comportato una forte caduta delle importazioni, il contributo alla crescita del PIL da parte delle esportazioni è stato invece molto elevato. L’inserimento di un’impresa in un contesto estero non è, tuttavia, un’operazione da sottovalutare; al contrario, tale attività deve essere analiticamente pianificata, oltre che supportata da una discreta disponibilità finanziaria.

Deve allora segnalarsi la recente approvazione da parte della Regione Lazio del Secondo Catalogo Regionale di “Progetti Strutturati di Promozione dell’Export, con servizi e tariffe predefinite” (c.d. PROSPEX), in riferimento all’Avviso Pubblico emanato ad attuazione dell’Azione 3.4.1 “Progetti di promozione dell’export destinati a imprese e loro forme aggregate individuate su base territoriale o settoriale”, di cui al POR FESR Lazio 2014/2020.

La Regione Lazio, attraverso il presente Avviso, mira a rafforzare la competitività del sistema produttivo laziale attraverso la concessione di aiuti a fondo perduto per l’adesione ai suddetti Progetti. I PROSPEX inclusi a Catalogo costituiscono, infatti, progetti complessi (ma di facile accesso anche per le imprese meno strutturate) aventi ad oggetto l’acquisizione di servizi per l’internazionalizzazione, realizzati da parte di operatori specializzati (c.d. «Promotori») in coerenza con una strategia complessiva di promozione territoriale e/o settoriale, e sono volti a promuovere i sistemi produttivi regionali e le filiere ad essi connesse, in coerenza con il Programma di interventi per l’Internazionalizzazione 2016-17 e con la Smart Specialization Strategy (S3) regionale.

Leggi anche:  Bando contributi per l’internazionalizzazione delle imprese: puntare ai mercati esteri per essere competitivi

La dotazione destinata all’erogazione di contributi ammonta complessivamente a 6 milioni di euro, ripartita fra tre finestre temporali distinte (2 milioni per ciascuna finestra, salvo residui delle precedenti). L’approvazione del Secondo Catalogo Regionale PROSPEX, è stata pertanto propedeutica all’apertura della seconda finestra temporale, che ha a oggetto i PROSPEX da avviare nel periodo compreso fra il 1° febbraio e il 31 maggio 2018.

Ogni PMI può presentare, per ciascuna finestra, una sola richiesta di contributo. È fatta comunque salva la possibilità di presentare una nuova richiesta in occasione delle finestre successive. A questa seconda finestra, seguirà infatti l’apertura della terza che avrà riguardo ai PROSPEX da avviare nel periodo compreso fra il 1° giugno e il 30 settembre 2018.

A chi si rivolge il bando PROSPEX Lazio?

Possono aderire ai PROSPEX approvati, le PMI (inclusi i liberi professionisti), che abbiano almeno una sede operativa in territorio regionale (o che si impegnino ad averne una) e che siano:

  • iscritti al Registro delle Imprese o avere una partita iva (in caso i potenziali beneficiari siano liberi professionisti);
  • non operare nelle attività settore della produzione primaria di prodotti agricoli, della pesca, dell’acquacoltura e dell’industria carboniera, nelle attività finanziarie e assicurative (Sez. K ATECO), nelle attività immobiliari (Sez. L ATECO) e quelli riguardanti attività considerate non etiche dalla Regione (fabbricazione, lavorazione o distribuzione del tabacco, pornografia, gioco d’azzardo, ricerca sulla clonazione umana e fabbricazione o distribuzione di beni o servizi per scopi bellici);
  • non trovarsi in stato di fallimento o liquidazione coatta o aver riportato condanne;
  • non essere imprese in difficoltà.

Di cosa tratta il bando PROSPEX Lazio?

Gli aiuti messi a bando concernono la partecipazione del beneficiario a uno dei PROSPEX inclusi nel Secondo Catalogo regionale, che svolga attività coerenti con gli obiettivi aziendali di internazionalizzazione indicati in sede di presentazione della domanda. Gli aiuti verranno erogati sotto forma di contributo a fondo perduto (in regime “de minimis”).

Leggi anche:  Impresa sostenibile con giovani idee

Le spese ammissibili sono quelle relative alle attività che compongono il PROSPEX prescelto e che risultino giustificate da fatture o altri documenti contabili equivalenti, emessi dal Promotore, e dai quali risultino esplicitamente ed inequivocabilmente i servizi che sono stati forniti.

L’intensità dell’aiuto è pari al 50% del costo totale del PROSPEX fatturato dal Promotore alla PMI Beneficiaria (imponibile), restando a carico della PMI Beneficiaria la restante quota dell’imponibile oltre l’IVA.

Ogni PROSPEX indica il numero minimo di imprese cui si rivolge. La Regione Lazio si riserva, dunque, la mancata attivazione del Progetto prescelto, ove non raggiunga il numero minimo di imprese aderenti richiesto dal Promotore.

Come fare domanda per il bando PROSPEX Lazio?

I termini per la presentazione della richiesta di adesione ad uno dei PROSPEX inclusi nel Secondo Catalogo regionale, relativi alla seconda finestra temporale, si chiuderanno il 31 ottobre 2017.

Le richieste devono essere presentate esclusivamente per via telematica compilando il Formulario disponibile on-line nella piattaforma GeCoWEB4 (v. fac simile, allegato A al bando). Compilato il Formulario ed allegate le relative Dichiarazioni e gli altri documenti richiesti, sarà generato dal sistema un file contenente la Domanda, la quale dovrà essere inviata a mezzo PEC all’indirizzo incentivi@pec.lazioinnova.it entro e non oltre 10 giorni dalla data di presentazione della richiesta.

L’iter procedimentale della richiesta di agevolazione seguirà la procedura “a sportello”.

Un bando certamente ostico, per i non addetti ai lavori, vista la moltitudine di tecnicismi e di documentazione richiesta ai fini di adesione, ma che tuttavia costituisce un’ottima opportunità per tutte le PMI e liberi professionisti della Regione Lazio che intendano affacciarsi ed affermarsi nel mercato estero.
Consulta dunque un Professionista, scegli il PROSPEX che meglio si adatta ai tuoi obiettivi aziendali e presenta la tua richiesta di adesione entro i termini indicati.

Leggi anche:  Agevolazioni disabili: approvato il disegno di legge "Dopo di noi"

Approfondisci il Bando Prospex della Regione Lazio.

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook