Con un capitale di 1 euro puoi costituire la tua S.R.L.

È ancora tempo di novità per gli italiani che vogliono investire nel lavoro. Non a caso, con le novità introdotte dal Decreto sulle liberalizzazioni di Monti, è molto più semplice e meno oneroso costituire una Srl (società a responsabilità limitata) semplificata.

In cosa consiste

La Srl semplificata rappresenta a tutti gli effetti un soggetto giuridico al pari di una Srl comune, con la differenza che per la sua costituzione necessita di un capitale minimo simbolico pari ad 1 euro. Il capitale sociale dovrà essere formato solo da denaro non potendo prevedere anche conferimento in natura d’opera o immobili o altro bene/servizio diverso.

Requisiti per aprire una S.R.L. semplificata

Per aprire una Srl semplificata non esistono limiti d’età. Difatti, è tramontata definitivamente la regola per cui questa tipologia di società poteva essere aperta soltanto da soggetti con meno di 35 anni, anche se tuttavia non è possibile avere soci all’interno che abbiano oltre 35 anni.

Come aprire una S.R.L. semplificata

Con la Srl semplificata, si assiste all’abolizione delle previsione dell’atto pubblico per la sua costituzione eliminando così:

  • la richiesta di finanziamento iniziale del capitale;
  • l’onerosa fattura del notaio.

Questo vale anche per le successive modificazioni dello statuto che non necessiteranno più dell’atto pubblico dal notaio, ma di una semplice comunicazione telematica al registro delle imprese mediante la procedura della SCIA oppure attraverso le altre procedure messe a disposizione dal legislatore fiscale e dall’amministrazione finanziaria.

Caratteristiche della S.R.L. semplificata

Vi sono alcune caratteristiche proprie di questo modello societario, volte a favorire l’ingresso dei giovani, e non solo, nel mondo delle imprese:

  • il modello standard non può essere modificato;
  • i conferimenti o il capitale devono essere pari ad almeno 1 euro;
  • il 25% dei conferimenti in denaro non devono essere più fatti presso una banca.

Capitale Sociale: versamento e conferimento

Nonostante sia possibile conferire anche solo 1 euro, sarà comunque necessario aprire un conto corrente intestato alla società.

Il versamento del capitale sociale andrà effettuato all’atto di costituzione della società  e per intero. Non sarà possibile utilizzare assegni bancari, mentre si potranno utilizzare bonifici bancari e contanti nel limite di 1.000 euro.

 

Fonte: Decreto sulle liberalizzazioni di Monti

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattarci





[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy