Esonero tasse universitarie, come ottenerlo

Ecco le classi di studenti esonerate dal pagamento delle tasse universitarie

Le tasse universitarie rappresentano, per molte famiglie, una vera e propri spesa eccessiva che potrebbe andare ad incidere, in maniera negativa, sulle finanze famigliari.
Ecco chi è previsto, secondo la legge, all’esonero tasse universitarie e come accedervi.

Cosa sono e come vengono calcolate le tasse universitarie

Ogni anno, ad inizio corso di laurea, una delle spese che deve essere ovviamente sostenuta è quella relativa alle tasse universitarie.
Questo costo dovrà essere sostenuto sia che si parli di un’università italiana che di una estera, pubblica o privata: per poter riuscire a conoscere l’importo delle tasse, l’università richiede il reddito ISEE della famiglia dello studente in maniera tale che, l’importo, possa essere calcolato.
Fortunatamente esistono delle categorie di studenti che rientrano nell’esonero tasse universitarie: ma di cosa si tratta e soprattutto come è possibile poter riuscire a sfruttare tale tipologia di agevolazione.

In cosa consiste l’esonero tasse universitarie e a chi esso è rivolto?

L’esonero tasse universitarie è un tipo di incentivo che, ogni singolo Ateneo, può decidere di rinnovare il suddetto tipo di vantaggio economico.
Bisogna ovviamente sottolineare come, ogni università potrebbe decidere di modificare qualche aspetto dell’esonero stesso: tutte le diverse informazioni saranno comunque comunicate agli studenti, che dovranno cercare di attivarsi immediatamente prima che scada il termine massimo di presentazione della domanda di esonero.
Le varie tipologie di esonero possono essere parziali o totali e sono vincolate a ben tre categorie di studenti, ovvero meritevoli, invalidi oppure per reddito.
In tutti e tre i casi, gli studenti devono rispettare determinati requisiti per poter riuscire ad ottenere tale obiettivo.

Leggi anche:  Lavoratori infortunati e tecnopatici: nuovo regolamento Inail per la continuità lavorativa

L’esonero tasse universitarie per invalidi

Il primo gruppo di studenti, che ha diritto all’esonero, risulta essere quella rappresentata dagli invalidi.
Attenzione però: la percentuale d’invalidità deve essere compresa tra i trentatré ed i sessantacinque punti.
Inoltre è bene sottolineare come, lo studente, potrebbe essere soggetto da invalidità temporanea: anno dopo anno, chi è affetto da patologie invalidanti curabili, possono presentare il certificato medico nel quale deve essere riportata quella percentuale minima per accedere all’esonero.
Importante sottolineare come, l’esonero, sarà parziale se il reddito ISEE supera la soglia massima prevista per quello parziale.
Inoltre, questo esonero sarà rivolto anche agli studenti che hanno vinto concorsi di matematica e borse di studio oppure quelli che hanno perso i genitori a causa di un attentato terroristico oppure per mano della criminalità organizzata.
Gli studenti, o i loro rappresentanti, dovranno consegnare il certificato medico che attesta l’invalidità ed anche il documento del reddito ISEE.

L’esonero tasse universitarie per merito

L’esonero tasse universitarie per merito, come suggerisce il nome stesso, viene riservato agli studenti che hanno conseguito particolari obiettivi, definiti come merito.
Il requisito essenziale è quello che consiste nell’essersi diplomati con un punteggio non inferiore al cento.
Bisogna mettere in risalto anche come, l’esonero, vede protagonisti anche gli studenti che hanno conseguito il numero di crediti minimo richiesto dall’università.
Pertanto, gli studenti che riescono a distinguersi per particolari meriti, potranno ottenere l’esonero tasse universitarie anche durante gli anni successivi del corso selezionato.
Esso deve essere pari ad almeno tre anni: in tutti gli altri casi, non sarà possibile poter riuscire ad ottenere l’esonero stesso.
Diversa invece la formula del corso di studi che ha una formula 3+2: in questo caso sarà possibile poter ottenere l’esonero tasse universitarie, nel biennio, qualora i meriti ed i requisiti prima citati risultino essere presenti.
In questo caso, per poter ottenere l’esonero, sarà necessario portare, nella segreteria dell’Ateneo, il documento del diploma e conseguire gli obiettivi prefissati dalla stessa università.

Leggi anche:  Stage formativi Retribuiti, candidati subito

L’esonero tasse universitarie per reddito

L’esonero tasse universitarie per reddito rappresenta il terzo tipo di riduzione delle tasse.
Bisogna sottolineare come, in questo caso, il reddito ISEE non deve superare i diciotto mila euro annui e quello ISPE di trentamila.
Inoltre è importante che, lo studente, consegua dei meriti, cosa che gli permetterà di poter ottenere l’esonero stesso.
Bisogna sottolineare inoltre che, maggiore sarà la distanza dell’abitazione dello studente, maggiore sarà l’esonero che potrà ottenere.
Ovviamente, qualora il reddito dovesse subire un aumento nel corso dell’anno successivo, lo studente non potrà più sfruttare al massimo tale tipologia di riduzione delle tasse.

Info: Ministero dell’Istruzione

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook