Celiachia: ti hanno detto che…

Se la celiachia ha fatto ingresso nella vostra vita, o in quella dei vostri figli, il nostro Sistema Nazionale Sanitario prevede degli aiuti di vario genere:

  • esenzione dal ticket, per tutti i controlli che riguardano in modo specifico la patologia;
  • richiesta di cibi privi di glutine, nelle mense scolastiche o nei luoghi di lavoro;
  • erogazione gratuita di alimenti privi di glutine (a seconda dell’età, del sesso e della residenza dell’assistito) per un tetto massimo di spesa così come di seguito indicato:
Età Tetto massimo di spesa (donne) Tetto massimo di spesa (uomini)
6 mesi-1 anno Euro 45 Euro 45
Fino a 3-5 anni Euro 62 Euro 62
Fino a 10 anni Euro 94 Euro 94
Età adulta Euro 99 Euro 140

Per accedere alle agevolazioni di cui sopra, occorrono:

  • certificazione della diagnosi rilasciata da un ente competente e autorizzato;
  • autorizzazione rilasciata dall’Azienda Sanitaria locale a beneficiare dei cibi privi di glutine.

Si è parlato tanto della classificazione della malattia, che resta ancora inclusa tra quelle rare e non croniche e di conseguenza ci si chiede fino a dove possono arrivare gli aiuti: una pensione di invalidità è possibile? Al momento no, perché nella grande maggioranza dei casi la malattia non è invalidante. Fanno eccezione alcune situazioni in cui la dieta prevista non è risolutiva dei disturbi (che rimangano invariati, come se si continuasse a mangiare il glutine), infatti per questi può essere riconosciuto un indennizzo.

Molti enti, come l’INPS, si stanno interessando al fenomeno, sempre più presente tra la popolazione e tra i lavoratori, dunque il dibattito è ancora accesso e potrebbe portare a dei cambiamenti nel breve periodo.

Info: Ministero della Salute

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattarci





[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy