Coltivatore diretto

    Chi è il coltivatore diretto?

    Imprenditore agricolo che si dedica direttamente e abitualmente alla manuale coltivazione dei terreni, in qualità di proprietario, affittuario, usufruttuario, enfiteuta, e/o all’allevamento del bestiame ed attività connesse (artt. 1 e 2 L. 1047/57, come integrati e modificati dalla L. 9/63).
    ovvero 
    Si tratta di un lavoratore autonomo impegnato nella coltivazione diretta di un terreno agricolo; Il fondo non deve essere necessariamente di proprietà ma può essere anche affittato. La normativa comprende anche le attività di allevamento.
    Il coltivatore diretto deve rispettare obbligatoriamente rispettare i seguenti requisiti:
    • essere iscritto all’elenco dei coltivatori diretti dell’I.N.P.S. presentando un apposito modello chiamato CD1 (dichiarazione aziendale relativa alla conduzione d’impresa diretto coltivatrice  entro 90 giorni dalla data d’inizio attività.;
    • impiegare un minimo di 104 giorni lavorativi all’attività che deve essere prevalente rispetto a qualsiasi altro lavoro e deve essere svolta in maniera abituale;
    • deve assicurare, da solo o con l’aiuto del proprio nucleo familiare, almeno un terzo della forza lavoro complessiva richiesta dalla normale conduzione dell’azienda agricola.

     

    Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
    Chiedi ad un esperto.

    Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
    Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

    Per visualizzare il contenuto o Registrati.


    Vuoi rimanere sempre aggiornato?
    Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook

    CONDIVIDI
    Articolo precedenteULA
    Prossimo articoloImprenditore agricolo professionale