Garanzia Lavoro Abruzzo: incentivi alle assunzioni a tempo indeterminato

Stanziati 12 milioni di euro, per l’erogazione di contributi forfettari in favore dei datori di lavoro che assumano lavoratori a tempo indeterminato o trasformino in contratti stabili le assunzioni a termine già in essere.

Sintesi bando Garanzia Lavoro Abruzzo

Area geografica: Abruzzo

Settore: lavoro

Dotazione finanziaria: € 6.970.000 (Avviso A), € 5.000.000 (Avviso B)

Obiettivo: favorire l’occupazione e la stabilizzazione delle assunzioni

Beneficiari: datori di lavoro del settore privato

Spese ammissibili: costo salariale delle assunzioni e di accompagnamento al lavoro

Tipo di finanziamento: contributo

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 1 aprile 2019

Approfondimento Bando

Pubblicati dalla Regione Abruzzo due nuovi bandi (Avviso A e Avviso B), volti ad aumentare il tasso di occupazione regionale ed a favorire l’occupazione stabile a tempo indeterminato attraverso lo strumento dell’incentivazione economica. Particolare riguardo è riservato alle assunzioni di over 50 e di donne, al fine di agevolare l’inserimento lavorativo dei disoccupati di lunga durata e dei soggetti con maggiore difficoltà e svantaggio.

A chi si rivolge il bando Garanzia Lavoro Abruzzo?

Entrambi gli Avvisi si rivolgono a tutti i datori di lavoro del settore privato (imprese, studi professionali, associazioni, fondazioni, altre forme di azienda) con sede operativa in Abruzzo, che procedano all’assunzione di soggetti con le seguenti caratteristiche:

  1. 18° anno di età compiuto;
  2. residenza in uno dei comuni abruzzesi;
  3. stato di disoccupazione;
  4. se stranieri, possesso di regolare permesso di soggiorno in corso di validità e che consenta l’esercizio di un’attività lavorativa.
Leggi anche:  In Sardegna, contributi alle aziende vitivinicole con il bando “Ristrutturazione e riconversione dei vigneti”

I due bandi si rivolgono, rispettivamente, ad imprese che si trovino in regime “de minimis” (Avviso A) e ad imprese che possano richiedere il regime degli “aiuti in esenzione” (Avviso B).

Quali sono le spese ammissibili al bando Garanzia Lavoro Abruzzo?

Sono ammessi ad incentivo di cui all’Avviso A i seguenti interventi:

  1. assunzione a tempo indeterminato, anche part-time;
  2. trasformazione di un contratto da tempo determinato a tempo indeterminato;
  3. attività di accompagnamento al lavoro svolta da Centri per l’Impiego (CPI) e dai Soggetti privati accreditati ai servizi per il lavoro (APL).

Sono, inoltre, ammesse a contributo, fino ad un massimo di 400 euro, le spese sostenute per la stipula di polizza fideiussoria, qualora l’impresa opti per la richiesta di anticipazione del contributo.

Sono, invece, ammessi ad incentivo di cui all’Avviso B i seguenti interventi:

  1. assunzione a tempo indeterminato, anche part-time;
  2. attività di accompagnamento al lavoro svolta da CPI e APL.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Il contributo, in caso di assunzione a tempo indeterminato (o trasformazione del contratto), è determinato forfettariamente nella seguente misura:

  • 8 mila euro per assunzioni disposte in favore di lavoratori uomini dai 18 ai 49 anni (nel limite massimo 40% del costo salariale annuale);
  • 10 mila euro per assunzioni disposte in favore di tutte le lavoratrici donne e di lavoratori uomini over 50 (nel limite massimo del 50% del costo salariale annuale);

Per le attività di accompagnamento al lavoro, gli importi riconosciuti a risultato per l’attività di accompagnamento al lavoro sono i seguenti:

  • 2,5 mila euro per le assunzioni a tempo indeterminato per le imprese con sede operativa nei comuni dell’Area di Crisi Complessa Vibrata-Tronto Piceno;
  • 2 mila euro per le assunzioni a tempo indeterminato per le imprese con sede operativa in tutti gli altri Comuni.
Leggi anche:  Bando Resto al Sud esteso anche a professionisti e under 46

Le Imprese che siano beneficiarie di incentivi economici per il programma Garanzia Giovani, Garanzia Over o altri incentivi all’assunzione di natura economica o contributiva, non possono usufruire dei benefici qui delineati per lo stesso lavoratore.

Come fare per partecipare al bando Garanzia Lavoro Abruzzo?

Le domande di contributi, presentate direttamente dal datore di lavoro o indirettamente dal lavoratore per il tramite dei Centri per l’impiego o alle Agenzie del lavoro accreditate, devono essere inviate esclusivamente online entro il 1° aprile 2019.

Leggi attentamente i bandi Garanzia Lavoro Abruzzo: Avviso A – Avviso B.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy