Finanziamenti energie rinnovabili, l’Emilia Romagna stanzia 11 milioni

11 milioni per le imprese romagnole che produrranno energia rinnovabile. Le energie rinnovabili saranno l’oggetto del finanziamento approvato dalla regione Emilia Romagna e che vedrà protagoniste le aziende che opereranno nel settore agricolo. La domanda dovrà essere inoltrata dalle stesse entro e non oltre l’ 8 novembre 2016.

Piccole e medie imprese pronte a produrre energie rinnovabili

Le piccole e medie imprese, che operano principalmente nel settore agricolo, saranno chiamate a rispondere al bando che riguarda i finanziamenti energie rinnovabili.
Si tratta di un’iniziativa che avrà luogo sul territorio dell’Emilia Romagna e che è stato approvato dal Consiglio Regionale..
Il bando servirà anche per fare in modo che, le aziende agricole, possano vivere una nuova era di prosperità nella quale si spera che, le stesse, possano restarci a lungo.

Il bando energia rinnovabile e le aziende dell’Emilia Romagna

I finanziamenti energie rinnovabili avranno, come oggetto, un fondo di undici milioni di euro che sarà distribuito a quelle imprese che riusciranno ad entrare in graduatoria.
Per poter entrare nella suddetta, le imprese agricole devono rispettare un requisito fondamentale, ovvero essere operative sul suolo regionale dell’Emilia Romagna.
Il bando non sarà solo ed esclusivamente valido per le imprese: esso potrà essere sfruttato anche dai singoli produttori e dagli associati e cooperative, a patto che esse operino sul suolo regionale.
Le domande potranno essere scaricate attraverso il sito web della Regione nel quale è appunto possibile poter trovare la domanda, la quale dovrà essere compilata sul sito web stesso.
Per poter compiere tale tipologia di operazione sarà necessario che, l’azienda o il piccolo imprenditore, siano riconosciuti dal sistema stesso di certificazione presente sulla piattaforma stessa.

Leggi anche:  Giovani talenti: Nuove opportunità di lavoro

Gli interventi ammessi dai finanziamenti energie rinnovabili

Saranno diversi i tipi di interventi che sono stati ammessi da questo particolare bando proposto dall’Emilia Romagna.
Il primo di essi consiste nella realizzazione di impianti adatti per la lavorazione degli scarti agricoli, come radici e fogliame, che verranno modificati in modo tale da essere convertiti come combustibili per la produzione di energie rinnovabili.
Oltre alla realizzazione dell’impianto, i finanziamenti energia verde copre anche tutte quelle opere edilizie che serviranno per apportare delle modifiche alle strutture aziendali in modo tale che, le suddette, possano ospitare i nuovi impianti senza che vi possano essere problemi di ogni genere.
L’acquisto di sistemi informatici, intesi sia fisici come computer oppure virtuali quali software per poter inviare e ricevere le comunicazioni con le aziende alle quali viene venduta l’energia elettrica, sono un altro tipo di strumento che viene accettato dalla domanda del bando per la produzione di energie rinnovabili.

Inoltre, la realizzazione di reti di comunicazione e trasporto dell’energia elettrica, nonché delle sostanze utili per la produzione della suddetta, potranno essere coperte dai finanziamenti previsti dalla domanda stessa.
Anche gli impianti per la produzione di energie elettrica che deriva dallo sfruttamento delle fonti rinnovabili quali sole, acqua e vento, potranno essere oggetto dei finanziamenti stessi.
Ovviamente, le aziende devono essere in grado di produrre una quantità di energia elettrica che risulti essere pari a circa il doppio rispetto a quella che viene utilizzata dall’azienda stessa.
Per quanto riguarda gli elementi che l’azienda sfrutta per la produzione dell’energie rinnovabili, ovvero tutti gli scarti agricoli quali radici ed altri, dovranno essere prodotti dalla medesima.
I finanziamenti energie rinnovabili dell’Emilia Romagna prevedono anche che, gli scarti, possano essere prodotti da una filiale dell’azienda stessa o da un loro partner, a patto che questo rientri nel raggio di 70 chilometri rispetto all’azienda che si dedicherà alla produzione dell’energia elettrica green.

Leggi anche:  Scadenze fiscali di fine anno: per alcune imposte é l'ultimo versamento

Cosa non è ammesso dal bando energia verde

Per quanto riguarda le esclusioni, una di esse riguarda la produzione dell’azienda agricola: se essa è specializzata nella coltivazione dei prodotti che verranno utilizzati per la produzione dell’energia elettrica, la stessa impresa non potrà ottenere i finanziamenti energia verde.
Inoltre è bene sottolineare come, se la stessa azienda dovesse avere dei partner o filiali oltre i 70 chilometri di distanza, questa non potrà partecipare al bando, a patto che non inizi a produrre autonomamente prodotti agricoli e sfruttare gli scarti per la produzione di energia elettrica verde.

A quanto ammontano i finanziamenti energia elettrica verde

I finanziamenti energia elettrica verde saranno pari ad un minimo del 20% fino ad un massimo del 50% della somma investita per la realizzazione dei suddetti impianti. Queste sono quindi tutte le caratteristiche che contraddistinguono i finanziamenti energia verde, la cui domanda dovrà essere inviata entro il giorno 8 novembre 2016.
Le graduatorie verranno poi stilate e rese pubbliche sul sito ufficiale dal quale è possibile poter reperire la domanda stessa.

Info: Regione Emilia Romagna

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook