Por Fesr Liguria 2014-2020, sostegno ad imprese che producono effetti sociale desiderabili e beni pubblici

In arrivo finanziamenti dal Por Fesr Liguria 2014-2020 per piccole e medie imprese nuove o in fase di rilancio per dare una spinta all’economia del territorio e creare nuove opportunità di occupazione.
 
 

Sintesi bando POR FESR Liguria – Azione 3.7.1

Area geografica: Liguria

Settore: industria

Dotazione finanziaria: 4 milioni di euro

Obiettivo: valorizzazione dell’impresa sociale come leva per lo sviluppo economico

Beneficiari: imprese

Spese ammissibili: opere edili, acquisti fabbricati, impianti e macchinari, consulenze e brevetti

Tipo di finanziamento: contributo a fondo perduto

Procedura di selezione: valutativa a sportello

Scadenza: 16 luglio 2018

Approfondimento Bando

La giunta regionale della Regione Liguria ha deliberato il bando relativo all’azione 3.7.1Sostegno all’avvio e rafforzamento di attività imprenditoriali che producono effetti socialmente desiderabili e beni pubblici” con lo scopo di fornire un valido aiuto all’impresa sociale e generare nuove opportunità di produzione ed occupazione nei servizi sociali. Vediamo insieme nel dettaglio in cosa consiste il bando.

Chi può partecipare all’azione 3.7.1 del POR FESR Liguria 2014-2020?

Possono aderire al presente bando le seguenti tipologie di PMI:

  • imprese sociali iscritte nella sezione speciale delle imprese sociali del Registro delle imprese, costituite in forma di società (di persone o di capitali);
  • cooperative sociali e loro consorzi;
  • società cooperative aventi qualifica di ONLUS.

Quali sono le spese ammissibili dell’azione 3.7.1 del POR FESR Liguria?

Sono ammissibili agli incentivi promossi dal bando tutti gli interventi che rispondono alle voci di:

  • progettazione, direzione lavori, oneri per le concessioni edilizie e collaudi di legge, fino ad un valore massimo del 5% del totale degli investimenti ammissibili relativi alle opere civili;
  • acquisto del suolo aziendale e sue sistemazioni, nel limite del 10% del valore degli investimenti ammissibili;
  • acquisto di fabbricati già costruiti, purché non abbiano beneficiato, nel corso dei dieci anni precedenti, di un finanziamento pubblico nazionale o europeo;
  • opere edili ed impiantistiche;
  • acquisto di macchinari, impianti produttivi ed attrezzature varie nuovi di fabbrica.
  • programmi informatici commisurati alle esigenze produttive gestionali dell’impresa, brevetti, licenze e 5 marchi;
  • prestazioni consulenziali, nel limite del 10% del totale degli investimenti ammissibili, per studi di fattibilità e piani d’impresa, per studi di valutazione d’impatto ambientale e per la certificazione di qualità aziendale ed ambientale, compreso le spese di certificazione;
  • spese per l’introduzione di innovazioni del sistema distributivo “e-business” e “e-commerce”.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Gli investimenti devono essere impiegati per la realizzazione di progetti pensati all’interno del territorio della Regione Liguria e devono essere conclusi entro 12 mesi dalla concessione. Il contributo è a fondo perduto nella misura del 50% della spesa ammissibile e l’importo massimo del contributo non può superare i 100 mila euro.

Come partecipare all’azione 3.7.1 del POR FESR Liguria?

Le domande di ammissione per il bando della Regione Liguria devono essere redatte e presentate esclusivamente online. Le richieste vanno presentate dal 2 luglio 2018 al 16 luglio 2018. La procedura informatica sarà disponibile offline dal 30 aprile 2018.

Scarica il bando dell’azione 3.7.1 del POR FESR Liguria 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Contattaci e un membro del nostro team ti spiegherà come fare




Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativaPolicy e privacy