Bando Wonderfood and Wine: in Lombardia contributi a fondo perduto per le imprese promotrici del turismo enogastronomico

Fino a 75 mila euro a supporto della realizzazione di progetti di rilievo regionale, nazionale e internazionale nell’ambito del progetto “Sapore in Lombardia”.

L’offerta enogastronomica italiana è tra le più apprezzate al mondo. Non è un mistero che gran parte del turismo nel nostro Paese sia legato ad essa. Il nostro è, inoltre, un territorio ricco di varietà naturali, che rendono ogni Regione custode dei propri tesori enogastronomici, i quali a loro volta finiscono per caratterizzarla, per darle un’identità, e ne garantiscono – assai spesso – anche il successo a livello turistico nazionale e internazionale.

Alla finalità di favorire questo processo di integrazione tra turismo e prodotti enogastronomici, si ispira il Bando Wonderfood and Wine. Trattasi di un bando regionale, emesso dalla Regione Lombardia in collaborazione con Unioncamere Lombardia, che ha ad oggetto il finanziamento di progetti di rilievo regionale, nazionale e internazionale di promozione turistica legata all’offerta enogastronomica lombarda nell’ambito del progetto regionale “Sapore in Lombardia”.

Le risorse stanziate a supporto del bando ammontano a 1 milione e 258 mila euro.

A chi si rivolge il bando Wonderfood and Wine?

I beneficiari possono essere divisi in due grandi categorie di soggetti: quelli che presentano domanda in forma singola e quelli che presentano domanda in forma aggregata.

Possono presentare domanda in forma singola:

  1. consorzi e imprese consortili;
  2. fondazioni;
  3. associazioni di categoria, tra imprese e di professionisti.

Possono presentare domanda in forma aggregata, gruppi composti da almeno 3 soggetti tra:

  1. consorzi e imprese consortili;
  2. fondazioni;
  3. associazioni di categoria, tra imprese e di professionisti;
  4. quartieri fieristici e organizzatori fieristici;
  5. soggetti pubblici e privati che si occupano di comunicazione e promozione turistica e del territorio.

Non sono ammessi i soggetti che si trovano in stato di fallimento, di liquidazione (anche volontaria), di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa statale vigente. Inoltre tutti i soggetti devono dimostrare di avere un’esperienza pregressa in tema di promozione turistica e del territorio.

Leggi anche:  Visite fiscali INPS: nuove regole con il Polo Unico

Di cosa tratta il bando Wonderfood and Wine?

Il bando ha ad oggetto l’erogazione di un contributo a fondo perduto ai soggetti beneficiari attuatori degli interventi ammissibili. Sono finanziabili i progetti che presentino le seguenti caratteristiche:

  • riguardano la filiera del turismo enogastronomico;
  • prevedano un programma di eventi e/o iniziative e/o attività di promozione in grado di attrarre flussi turistici e generare ritorno sui media in termini di visibilità;
  • prevedano azioni di promozione in Lombardia e Italia e/o estero;
  • non abbiano mai ricevuto in precedenza finanziamenti dalla Regione Lombardia e Unioncamere.

Le spese ammissibili devono essere riconducibili esclusivamente alle seguenti tipologie:

  • spese di comunicazione direttamente funzionali al progetto;
  • spese per consulenza direttamente funzionali al progetto;
  • noleggio di hardware e software;
  • noleggio di materiali, attrezzatture e servizi;
  • affitto spazi.

Il contributo concesso non potrà essere superiore a 50 mila euro per i soggetti in forma singola, e 75 mila euro per quelli in forma aggregata. L’aiuto è pari al 70% della spesa ammissibile L’investimento minimo deve, per tutti, essere pari o superiore a 50 mila euro.

Come presentare domanda per il bando Wonderfood and Wine?

Le domanda di partecipazione dovrà essere presentata online dal 5 giugno 2017 al 30 giugno 2017. Sul sito Unioncamere Lombardia, sarà reso disponibile il manuale di supporto alla registrazione per la compilazione della domanda.

Approfitta dell’opportunità offerta dal bando, pensa ad un progetto da realizzare: chiedi supporto a un professionista che sappia assisterti nella procedura di partecipazione e presenta la tua domanda, potresti ottenere un contributo a fondo perduto fino a 75 mila euro per promuovere la tua attività e con essa il turismo locale.

Leggi anche:  Incentivi assunzioni: arriva la proroga di FIxO

Fonte: Bando

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook