Lombardia, finanziamenti in arrivo per l’agricoltura con la misura 13

Salvaguardare la biodiversità, contrastare forme di abbandono di aree svantaggiate e supportare le piccole imprese. Questi gli obiettivi del nuovo bando promosso dalla Lombardia.

Sintesi bando PSR Lombardia – Misura 13

Area geografica: Lombardia

Settore: agricoltura

Dotazione finanziaria: 13 milioni di euro

Obiettivo: salvaguardare la biodiversità e le attività agricole nelle aree svantaggiate

Beneficiari: agricoltori

Spese ammissibili: non specificate

Tipo di finanziamento: premio annuale per ettaro di superficie agricola ammissibile

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 15 maggio 2019

Approfondimento Bando

Molti agricoltori che operano nelle zone di montagna devono certamente affrontare diverse problematiche, che si riversano in primo luogo nella produzione e nella perdita di guadagni. Ma preservare l’agricoltura in queste aree, e quindi contrastare ogni forma di abbandono, può contribuire a salvaguardare la biodiversità e prevenire i rischi idrogeologici. Ma non solo, continuare a stimolare le attività agricole nelle zone di montagna contribuisce alla protezione dell’ambiente e all’adattamento dei cambiamenti climatici. Insomma, tanti i motivi per la Regione, attraverso la misura 13 del PSR Lombardia 2014-2020, orienta finanziamenti a supporto dell’agricoltura nelle zone montane. Parliamo di risorse economiche, vere e proprie indennità, che compensano la perdita dei guadagni, con l’obiettivo di stimolare le piccole e medie imprese a continuare la loro attività in queste aree svantaggiate.

Chi può accedere ai finanziamenti per l’agricoltura in Lombardia?

Può accedere alla misura 13 l’agricoltore attivo che opera in zone svantaggiate. La lista di queste aree di montagna, per cui la Regione eroga dei contributi, è presente nell’allegato b del Bando, nel quale viene indicato il Codice Istat del Comune, la provincia e la denominazione dello stesso comune.

Leggi anche:  Regione Liguria, al via con il bando turismo per diversificare e migliorare il settore

Anche le aree di montagna per essere soggette di finanziamento devono avere delle caratteristiche ed essere correlati ai seguenti sistemi agricoli:

  • zootecnico estensivo e/o non zootecnico con colture foraggere;
  • seminativi;
  • viticoltura specializzata;
  • frutticoltura specializzata.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Il contributo concesso è un premio annuale per ettaro di superficie gestita dall’agricoltore. Parliamo di un importo che varia sulla base del sistema agricolo aziendale e della tipologia colturale, mentre per pascolo e prato il premio viene calcolato considerando l’incidenza percentuale della superficie delle singole classi di pendenza e/o altitudine.

Viene erogato un contributo per ettaro, fino a un massimo di 232 €/ha per i pascoli, 436 €/ha per i prati permanenti, 174 €/ha per i prati avvicendati, 261 €/ha per i vigneti, frutteti e oliveti e 653 €/ha per i vigneti terrazzati.

Come fare per partecipare alla misura 13 del PSR Lombardia?

Prima di inoltrare la domanda, gli agricoltori devono completare il fascicolo aziendale con delle informazioni necessarie: indirizzo PEC, codice Iban, partita Iva e compilare la consistenza grafica e il piano colturale grafico. Aggiornati questi dati, i richiedenti possono inviare la richiesta di contributo accedendo al Portale delle aziende agricole della Regione Lombardia, Sis.Co. Il termine ultimo per la presentazione della domanda è il 15 maggio 2019.

Scarica il bando della misura 13 del PSR Lombardia 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy