Contributi alle imprese agricole della Lombardia con il bando “Filiere Corte”

Così la Lombardia intende supportare la creazione e lo sviluppo di progetti di Filiera corta, al fine di migliorare la competitività delle imprese agricole e ridurre le fasi di intermediazione commerciale tra produttore e consumatore.

Sintesi bando PSR FEASR Lombardia – Operazione 16.04.01

Area geografica: Lombardia

Settore: agricoltura

Dotazione finanziaria: 1,6 milioni di euro

Obiettivo: favorire la creazione e lo sviluppo di filiere corte

Beneficiari: imprese agricole

Spese ammissibili: costituzione e gestione dell’aggregazione, attività promozionali e di informazione, investimenti materiali e tecnologici

Tipo di finanziamento: contributo in conto capitale

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 20 maggio 2019

Approfondimento Bando

Con questo bando, la Regione Lombardia intende supportare la creazione e lo sviluppo di progetti di Filiera corta, realizzati attraverso un accordo di partnership tra più soggetti (imprese agricole e altri eventuali partner), che mirino allo sviluppo di:

  • cooperazione tra aziende al fine di ridurre i passaggi tra produttori e consumatori;
  • tecnologie che facilitino la vendita attraverso la rete internet (ad esempio attraverso il commercio elettronico, box schemes, vendita a catalogo, etc.);
  • modalità di vendita e promozione che favoriscano il contatto diretto con l’acquirente finale (ad esempio mercati degli agricoltori o farmers market, sistemi di acquisto e consegna a domicilio, vendita in forma itinerante).

A chi si rivolge il bando filiere corte del PSR Lombardia?

Possono presentare domanda le imprese agricole capofila di aggregazioni di nuova costituzione o già costituite, composte in prevalenza numerica da imprese agricole (minimo due) che si organizzano eventualmente con altri soggetti (intermediari commerciali, soggetti che svolgono attività di trasformazione, etc.) al fine di avviare la filiera corta.

Leggi anche:  Bando Love in Umbria: incentivi alla commercializzazione di pacchetti turistici legati alle celebrazioni romantiche

Quali sono le spese ammissibili del bando filiere corte del PSR Lombardia?

Sono ammesse ad agevolazione le seguenti voci di spesa:

  • studi di fattibilità del progetto, animazione, progettazione (es. spese per consulenza tecnico-scientifica, collaborazioni professionali, spese notarili per l’eventuale formalizzazione dell’aggregazione, spese di personale impiegato nella redazione e coordinamento del progetto);
  • costi di esercizio della cooperazione, compresi i costi di personale dedicato al coordinamento dell’attività di progetto, limitatamente ai primi 12 mesi di attività;
  • costi per attività di promozione e informazione, finalizzata a far conoscere ai potenziali clienti la nuova realtà e i vantaggi derivanti dall’acquisto tramite filiera corta (es. realizzazione e stampa opuscoli, gadget, cartellonistica, segnaletica, gestione sito internet, attività di promozione digitale, attività di ufficio stampa, spese sostenute per la partecipazione a eventi, manifestazioni e fiere);
  • costi di investimento, quali ristrutturazione, restauro o risanamento conservativo di fabbricati e spazi aperti esistenti da destinare alla vendita diretta; acquisto di macchine, attrezzature, tecnologie informatiche, distributori automatici per la vendita diretta, veicoli per trasporto, consegna e vendita diretta di prodotti; acquisto di arredi; acquisto di applicazioni e programmi informatici, compresa la predisposizione di siti web;
  • spese generali per progettazione, direzione lavori, collaudi e oneri per la sicurezza (fino a un massimo del 5% del costo degli investimenti) e spese per informazione e pubblicità del contributo fino a un massimo di 200 euro per ogni cartello/targa.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

L’aiuto consiste in un contributo in conto capitale calcolato nelle seguenti percentuali:

  • 50% dell’importo relativo alle spese ammesse per studi di fattibilità del progetto, animazione, progettazione e per i costi di esercizio della cooperazione;
  • 40% dell’importo relativo alle spese ammesse per investimenti, attività di promozione e informazione e spese generali.
Leggi anche:  Bando Fare Lazio, al via con il Fondo Rotazione per agevolare le piccole imprese ad accedere al credito

Le spese ammissibili per progetto non devono superare l’ammontare di 500 mila euro.

Come fare per partecipare al bando filiere corte del PSR Lombardia?

La domanda di contributo deve essere presentata esclusivamente online, dal capofila dell’aggregazione, a partire dal 21 marzo 2019 ed entro il 20 maggio 2019.

Leggi attentamente il bando dell’operazione 16.04.01 del PSR Lombardia 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy