Agevolazioni ai settori agricolo ed agroalimentare dalla Sabatini Bis

Buone notizie per gli imprenditori dei settori agrario e agroalimentare, giungono dal MiSE, con una circolare recante la disciplina dei finanziamenti per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature da parte di piccole e medie imprese.

Nella precedente versione della legge (nota come Sabatini), infatti, l’avvio degli investimenti relativi al settore agricolo era vincolato al provvedimento di concessione degli aiuti, mentre ad esempio per i settori manifatturiero e dei servizi, non esisteva tale vincolo. Con tale rettifica in via di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, il MiSE allinea la normativa a quanto previsto dal regolamento europeo, chiarendo inoltre alcuni aspetti, tra i quali le tempistiche per le richieste, l’erogazione ed il calcolo del contributo.

Tempistiche per le richieste

L’impresa può richiedere l’erogazione del contributo per l’acquisto di macchinari o beni strumentali entro 60 giorni dalla data di conclusione dell’investimento

Erogazione del contributo

Le richieste di erogazione del contributo, sono evase entro un termine di 30 giorni dalla data di ricezione della domanda completa e conforme a quanto indicato nella circolare, fatti salvi i tempi necessari per l’acquisizione delle certificazioni rilasciate da altri soggetti pubblici. Si ricorda anche che l’investimento deve essere concluso entro il periodo di preammortamento o di pre-locazione della durata massima di 12 mesi dalla data di stipula del finanziamento/contratto di leasing.

Calcolo del contributo

Il contributo è erogato dal Ministero secondo il piano temporale riportato nel decreto di concessione, che si esaurisce entro il sesto anno dalla data di ultimazione dell’investimento, ed è ripartito in quote annuali. Il Ministero ricorda che è reperibile un utile foglio di calcolo per il calcolo del contributo, alla pagina riportata al seguente link:

http://www.mise.gov.it/index.php/it/incentivi/impresa/beni-strumentali-nuova-sabatini/presentazione-domande

Ricordiamo inoltre per quanto concerne la tempistica per richiedere l’erogazione delle quote di contributo successive alla prima che il MiSE rende noto che ciascuna richiesta di erogazione successiva alla prima, potrà essere inoltrata, annualmente, solo se decorsi 12 mesi dalla richiesta di erogazione precedente, nel rispetto del piano temporale riportato nel decreto di concessione.

Fonte: MiSE

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattarci





[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy