Bando MiSE Agrifood, Fabbrica Intelligente e Scienze della vita: contributi alla Ricerca e Sviluppo

Dal 27 novembre sarà possibile inviare le proposte progettuali finalizzate alla realizzazione di progetti di ricerca e sviluppo industriale, promossi nell’ambito delle 3 aree tecnologiche indicate.

Sintesi bando MiSE Agrifood – Fabbrica Intelligente e Scienze della vita

Area geografica: Italia

Settore: ricerca e sviluppo

Dotazione finanziaria: 562,7 milioni di euro

Obiettivo: promuovere la capacità competitiva delle imprese in Italia e all’estero

Beneficiari: imprese industriali, agroindustriali, artigiane e Centri di ricerca

Spese ammissibili: personale, attrezzature, materiali, licenze, brevetti, consulenze

Tipo di finanziamento: contributo diretto con eventuale finanziamento agevolato

Procedura di selezione: valutativa a sportello e negoziale

Scadenza: non specificata

Approfondimento Bando

Con decreto direttoriale 27 settembre 2018, il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) ha finalmente reso noti i termini e le modalità di presentazione delle proposte progettuali relative alla procedura negoziale (v. Accordi per l’innovazione di cui al DM 5 marzo 2018 del MiSE), in favore dei progetti di ricerca e sviluppo promossi nell’ambito delle aree tecnologiche “Fabbrica intelligente”, “Agrifood” e “Scienze della vita”.

A chi si rivolge il Bando MiSE Agrifood, Fabbrica Intelligente e Scienze della vita?

Possono partecipare, in forma singola o associata, le imprese di qualsiasi dimensione che esercitano attività industriali, agroindustriali, artigiane, di servizi all’industria, e i centri di ricerca.

Per i soli progetti presentati in forma associata, sono ammessi a partecipare anche gli Organismi di ricerca e, per i progetti del settore applicativo “Agrifood”, anche le imprese agricole.

Leggi anche:  Emilia Romagna, nuovi contributi per l'internazionalizzazione dei Consorzi

Quali sono le spese ammissibili al Bando del MiSE?

Sono ammessi ad agevolazione i progetti volti ad attività di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale, finalizzate alla realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o al miglioramento di prodotti, processi o servizi esistenti, coerenti con la Strategia nazionale di specializzazione intelligente (SNSI), tramite lo sviluppo delle tecnologie abilitanti fondamentali nell’ambito dei seguenti settori applicativi:

  • Agrifood: tecnologie alimentari innovative; packaging alimentare; processi industriali intelligenti e adattativi; processi industriali “verdi”; riduzione di scarti; valorizzazione dei sottoprodotti;
  • Scienze della vita: e-health, diagnostica avanzata e mini invasività; medicina rigenerativa, predittiva; medicina personalizzata; biotecnologie, bioinformatica; sviluppo farmaceutico; nutraceutica, nutrigenomica, alimenti funzionali;
  • Fabbrica Intelligente: sistemi produttivi per la produzione personalizzata; strategie, modelli e strumenti per la sostenibilità industriale; sistemi per la valorizzazione delle persone nelle fabbriche; processi produttivi innovativi e sistemi di produzione evolutivi; strategie e management per i sistemi produttivi di prossima generazione.

Tra le spese ammissibili a contributo sono ricomprese:

  • le spese per il personale dipendente del soggetto proponente o in rapporto di collaborazione o di somministrazione lavoro ovvero titolare di specifico assegno di ricerca, ad esclusione del personale con mansioni amministrative, contabili o commerciali;
  • gli strumenti e le attrezzature di nuova fabbricazione, nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto di ricerca e sviluppo;
  • i materiali utilizzati per lo svolgimento del progetto;
  • i servizi di consulenza e gli altri servizi utilizzati per l’attività del progetto di ricerca;
  • le spese generali calcolate su base forfettaria nella misura del 25% dei costi diretti ammissibili del progetto.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Sono ammissibili i progetti che prevedano spese e costi ammissibili superiori a 5 milioni di euro e fino a 40 milioni.

Leggi anche:  POR FESR 2014-2020 Emilia Romagna: dall'azione 1.4.1 quasi 2 milioni e mezzo di euro a sostegno delle start up innovative

Le agevolazioni sono concedibili nella forma del contributo diretto alla spesa, eventualmente integrato dal finanziamento agevolato, per un importo definito nell’ambito della fase di negoziazione.

Il finanziamento agevolato ha durata compresa tra 1 e 8 anni, oltre un periodo di preammortamento fino all’ultimazione del progetto e, comunque, nel limite massimo di 3 anni decorrenti dalla data del decreto di concessione. Il tasso agevolato di finanziamento è pari al 20% del tasso di riferimento vigente alla data di concessione delle agevolazioni.

Nel caso degli organismi di ricerca, al posto dell’eventuale finanziamento agevolato previsto dall’Accordo, è concesso un contributo diretto alla spesa per una percentuale nominale delle spese e dei costi ammissibili complessivi nel limite del 3%.

Come fare per partecipare al Bando MiSE Agrifood, Fabbrica Intelligente e Scienze della vita?

Le proposte progettuali devono essere inviate online a partire dal 27 novembre 2018 e fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Le domande di agevolazione invece dovranno essere presentate per ciascun progetto, sempre online, nei termini stabiliti dall’Accordo stesso.

Approfondisci il bando MiSE Agrifood, Fabbrica Intelligente e Scienze della Vita.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Contattaci e un membro del nostro team ti spiegherà come fare




[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy