Hai un reddito agricolo? Proteggilo con gli strumenti assicurativi

Come abbiamo visto il settore agricolo in Italia, è sicuramente un settore, che se rivisitato in chiave moderna, può ancora dare tanto, sotto molto punti di vista.

Ricordiamoci però, che il reddito dell’imprenditore agricolo è spesso messo a rischio da molteplici fattori, ed uno di questi, trattandosi di attività svolta prevalentemente all’aperto, è sicuramente il fattore climatico. Infatti eventi climatici particolari possono compromettere seriamente il duro lavoro di una stagione e mettere a rischio i ricavi dell’azienda.

Un altro fattore di rischio, non meno dannoso per l’imprenditore, che potrebbe passare inosservato ad un “occhio meno esperto”, è sicuramente l’andamento sul mercato dei prodotti agricoli.

Come possono fare dunque, gli imprenditori agricoli a difendere il loro reddito da tali fattori?

Sicuramente un valido strumento è la copertura assicurativa, strumento al quale hanno fatto ricorso già più di 85 mila imprenditori, grazie agli incentivi statali a tutela del reddito agricolo. Un sistema che però ha anche diversi “punti deboli”, tra i quali sicuramente:

  • l’elevata concentrazione territoriale dell’intervento (circoscritto per lo più al Nord);
  • la distribuzione settoriale (le polizze sono per lo più limitate ai settori vitivinicolo e delle colture arboree);
  • la dimensione della aziende (netta prevalenza di imprese più grandi).

Con l’obiettivo di superare questi “punti deboli” la Commissione Europea, introduce una nuova politica agricola comune, basata su 3 strumenti operativi fondamentali:

  1. 1. contributi finanziari alle polizze assicurative per avversità atmosferiche, fitopatie, epizoozie, infestazioni parassitarie, emergenze ambientali;
  1. contributi finanziari ai fondi mutualistici per le avversità atmosferiche, fitopatie, epizoozie, emergenze ambientali;
  1. contributi finanziari ai fondi mutualistici per le perdite di reddito.

I tre punti di cui sopra sono i cardini di una serie di norme atte ad incentivare la diffusione degli strumenti assicurativi. Tra le novità c’è anche la stabilizzazione del reddito, denominato Ist (Income stabilization tool), che attraverso i fondi di mutualizzazione è finalizzato a supportare la gestione del rischio per il reddito delle imprese agricole.

Fonte: Ministero Politiche Agricole – Ismea

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy