Bando PSR Sicilia sottomisura 4.3: investimenti per lo sviluppo e l’ammodernamento nel settore agricolo

Il bando PSR Sicilia sottomisura 4.3 dell’anno 2016

Il settore agricolo siciliano è pronto ad evolversi grazie al bando PSR Sicilia 2016 che mira all’ammodernamento e adeguamento delle infrastrutture viarie per una connessione più veloce ed agevole di tutto il comparto.

Gli interventi del bando PSR Sicilia

Il settore agricolo siciliano, secondo i politici siciliani ed in particolare modo dell’assessore dell’Agricoltura Antonello Cracolici, sta vivendo un periodo non roseo anche a causa delle pessime condizioni di terreni e infrastrutture che collegano le varie zone agricole. Questa problematica non fa altro che rendere impossibile un corretto sviluppo del settore sul suolo siciliano e proprio per tale motivo la Regione ha deciso di creare questo bando che punta al miglioramento sia dei collegamenti tra le varie aziende agricole, inteso ovviamente come strade vere e proprie, sia al sviluppo di infrastrutture presenti sul suolo siciliano.
I finanziamenti, secondo quanto detto dai rappresentanti della Regione stessa, saranno pari a € 76.000.000 per il settore agricolo, 11 dei quali sono riservati al settore forestale, che verranno erogati periodicamente fino all’anno 2020.

Le aziende che potranno sfruttare il bando

Il bando è destinato a dei beneficiari ben precisi:

  1. agricoltori o silvicoltori associati che dimostrino di essere operativi e soprattutto in grado di svolgere lavori di ammodernamento, ristrutturazione e manutenzione di strade interaziendali agro-silvo-pastorali, oltre ad essere iscritte nell’apposito registro delle imprese che operano in questo particolare settore.
  2. enti pubblici, i comuni anche consorziati tra di loro e l’Assessorato Regionale dell’Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea.

Come saranno suddivisi i fondi

I fondi saranno distribuiti come conto capitale a fondo pubblico, e saranno utilizzati per coprire i diversi lavori, un aiuto che sarà del 90% per agricoltori associati e del 100% per gli enti pubblici.
Le aziende saranno tenute ad inviare una domanda di partecipazione al bando con i dettagli del progetto relativo alla lavorazione che deve essere svolta, spetterà poi alla stessa regione valutare se la somma di denaro stabilita sarà idonea oppure se risulterà necessario cercare di ridurre il budget per poter effettuare l’intervento.

Leggi anche:  Incentivi per collegare l'Europa

Come le aziende possono partecipare al bando

Per poter partecipare al bando PSR Sicilia 2016 le aziende dovranno scaricare la domanda direttamente dal sito web di SIAN. L’imprenditore deve effettuare la compilazione manuale della domanda, inserendo tutti i dati relativi all’azienda ed allo stesso tempo il tipo di intervento che si intende effettuare; svolta tale procedura sarà possibile caricare la domanda stessa sempre sul sito web di SIAN insieme a tutta la documentazione relativa al progetto. Oltre quella online deve essere presentata anche una domanda cartacea che deve essere consegnata a mano o per mezzo di posta raccomandata con avviso di ricevimento entro 15 giorni dalla presentazione di quella telematica  presso gli Uffici Servizi per il Territorio del Dipartimento Regionale dello Sviluppo Rurale e Territoriale (UST).
Il termine iniziale per inviare le domande risulta essere quello del primo novembre 2016, mentre l’ultimo giorno utile è il venti dicembre 2016: ogni tipo di domanda inviata dopo quella data sarà automaticamente scartata.
Il settore agricolo potrà quindi vivere una nuova vita grazie a questo particolare bando PSR Sicilia, che permette di creare dei progetti in grado di migliorare il settore siciliano e garantire lavoro alle aziende che effettueranno l’intervento.

Info: Bando

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook