Innovazione, eco-sostenibilità, competitività: le misure prese dalla Regione Sicilia per sostenere il settore della pesca

La Regione Sicilia e l’Unione Europea collaborano per finanziare attività volte allo sviluppo innovativo dei metodi di pesca e all’accrescimento della competitività delle imprese locali. Il bando Feamp per l’innovazione nel settore della pesca è stato approvato il 17 ottobre 2016 e presenta le disposizioni attuative per le imprese che vogliono usufruire delle agevolazioni messe a disposizione dal Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca.

La concessione di fondi è subordinata all’accettazione dei progetti contenenti attività che introducano miglioramenti o innovazioni nel procedimento produttivo, nella commercializzazione e nei sistemi di pesca delle imprese siciliane finalizzati a limitare l’impatto ambientale delle attività di pesca, nel rispetto degli ecosistemi marini, con particolare attenzione al mantenimento dell’equilibrio del rapporto tra capacità di pesca e possibilità di pesca.
Tra le innovazioni tecnologiche grande importanza è attribuita al potenziamento energetico e alla diffusione di conoscenze in grado di migliorare la produttività; allo stesso modo molto rilievo è stato data anche al capitale umano, perché saranno prese in considerazione le nuove competenze professionali e il sostegno all’apprendimento e verranno valutate le iniziative volte al miglioramento delle condizioni di lavoro per gli addetti al settore, nonché alla tutela della loro salute.

I beneficiari

La principale area interessata dalla sovvenzione è quella della pesca, con le attività connesse, che siano di lavorazione artigianale o di commercializzazione.

La spesa complessiva potrà essere effettuata per l’acquisto di macchinari, tecnologia informatica di gestione, attrezzature, ma anche per ricevere consulenze e approfondire le conoscenze scientifiche legate alle attività marittime e della pesca; la sovvenzione potrà coprire anche spese per la redazione del progetto stesso e, laddove necessario, per le consulenze legali.
Il bando Feamp per l’innovazione nel settore della pesca si applica ai soggetti attivi nelle zone costiere della Regione Sicilia, la dotazione finanziaria messa a disposizione sarà di 1,2 milioni di euro e ogni progetto potrà ricevere un contributo massimo fino a 60 mila euro.

Leggi anche:  PSR Campania sottomisura 4.1.1, sostegno ad investimenti nelle aziende agricole

Tra i soggetti che possono richiedere il sostegno troviamo:

  • organismi scientifici o tecnici riconosciuti dall’Unione;
  • amministrazioni pubbliche in collaborazione con uno dei suddetti organismi;
  • proprietari di imbarcazioni da pesca, in collaborazione con uno degli Organismi riconosciuti;
  • associazioni nel settore della pesca professionale, in collaborazione con uno degli Organismi;
  • pescatori in collaborazione con uno degli Organismi riconosciuti.

I progetti saranno valutati in base ai punteggi ottenuti in fase di controllo, e verranno presi in grande considerazione tutte le attività volte a migliorare le condizioni igieniche di pesca, la diminuzione del pescato indesiderato e le innovazioni nell’ambito delle confezioni per l’imballaggio.

I soggetti richiedenti, oltre a non aver subito condanne penali, dovranno essere in regola con il pagamento dei contributi e con le norme a tutela dei propri dipendenti, mentre le imprese non dovranno trovarsi in stato di fallimento. Saranno inoltre esclusi i soggetti che abbiano commesso violazioni accertate della Politica Comune della Pesca (PCP).
La richiesta (corredata dalla necessaria documentazione) dovrà essere firmata dal legale del soggetto richiedente e consegnata per mezzo posta raccomandata o a mano entro le ore 14,30 del 19 dicembre 2016 presso il Dipartimento Regionale della Pesca Mediterranea a Palermo; il timbro apposto dall’Ufficio Protocollo del Dipartimento farà fede per la data di presentazione della domanda.

Di seguito sono elencati alcuni dei documenti richiesti, e necessari alla considerazione della domanda:

  • piano finanziario;
  • copia conforme della licenza di pesca;
  • competenze certificate dall’Organismo Scientifico a supporto del piano;
  • elenco delle imbarcazioni regolarmente registrate presso gli uffici marittimi.

La documentazione complessiva richiesta è visualizzabile nel testo integrale del bando.

Le richieste saranno protocollate dall’Amministrazione entro 60 giorni dalla scadenza dei termini, compatibilmente con il numero delle domande, saranno valutate da un’apposita Commissione istituita dall’Amministrazione.
Le richieste viziate da irregolarità (mancato rispetto della scadenza, documentazione incompleta, ecc.) non verranno ammesse alla fase istruttoria e non esiste il diritto di replica, mentre i soggetti ammessi saranno inseriti in graduatoria per il ricevimento dei fondi.

Leggi anche:  Prestito vitalizio ipotecario per gli over 60

La Regione Sicilia sostiene il miglioramento delle attività di pesca legate al suo patrimonio marittimo, incentivando il rispetto dell’ecosistema, per preservare la ricchezza e la bellezza che caratterizzano le coste dell’isola; con il bando Feamp per l’innovazione nel settore della pesca si consente, alle imprese attive sul territorio, di sviluppare una produzione eco-sostenibile, che si traduce anche in una maggiore competitività sul mercato, grazie alle innovazioni tecnologiche introdotte e alla limitazione degli sprechi.

Info: Bando di attuazione della misura 1.26

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook