Bando Umbria Charme: ecco di cosa si tratta

Agevolazioni per promuovere le località turistiche umbre.

Il settore turistico è uno dei campi più colpiti dalla forte crisi economica che stiamo vivendo in questi anni. Per un’attività ricettiva è fondamentale promuovere il turismo territoriale per invogliare i viaggiatori a recarsi presso la propria struttura e per andare incontro ad un settore già gravemente colpito la regione Umbria emette un’iniziativa di sostegno a favore degli interventi di promo-commercializzazione dei prodotti turistici locali.

A chi si rivolge?

Possono partecipare al bando le imprese costituite da almeno 5 imprese in aggregazioni, sotto forma di consorzi, associazioni temporanee di imprese e raggruppamenti di piccole e medie imprese, o da costituire entro 30 giorni dalla data di pubblicazione della graduatoria nel bollettino ufficiale, operanti nel settore turistico umbro, e le singole piccole medie imprese appartenenti ad una delle seguenti categorie:

  • le imprese titolari di strutture ricettive alberghiere classificate 4 e 5 stelle, di strutture classificate country house e di strutture classificate residenza d’epoca a carattere imprenditoriale;
  • le imprese che intendono realizzare strutture ricettive alberghiere da classificare 4 e 5 stelle;
  • le agenzie di viaggio e turismo che commercializzano il turismo umbro.

Per poter accedere agli incentivi per il turismo in Umbria le imprese proponenti devono possedere i seguenti requisiti:

  • essere costituite come piccole e medie imprese e avere sede operativa in Umbria;
  • essere regolarmente costituite ed iscritte nel registro delle imprese della camera di commercio competente;
  • essere attività ricettive autonome;
  • non trovarsi in una situazione di difficoltà economica ed essere in regola con la posizione contributiva;
  • rispettare le norme in materia di prevenzione della sicurezza e degli infortuni sui luoghi di lavoro e delle malattie professionali, dei contratti collettivi di lavoro e delle normative relative alla tutela dell’ambiente;
  • non rientrare tra quelle imprese che hanno precedentemente ottenuto e poi non rimborsato aiuti individuati dalla commissione Europea come incompatibili od illegali.
Leggi anche:  Contributi alle imprese agricole della Lombardia con il bando “Filiere Corte”

Di cosa si tratta?

Gli incentivi per il turismo in Umbria hanno come obiettivo quello di sostenere i processi di aggregazione tra imprese per la costituzione e la promo-commercializzazione del prodotto turistico Umbria Charme, nelle destinazioni turistiche regionali, per offrire un soggiorno indimenticabile all’insegna del benessere, dando priorità alle principali zone di attrazione della regione.
Le risorse economiche a disposizione sono pari a 2,6 milioni di euro, di cui 200 mila euro destinati a progetti di promo-commercializzazione, ed i restanti 2,4 milioni di euro rivolti a progetti provenienti dalle strutture ricettive 4 o 5 stelle funzionali alla promo-commercializzazione del prodotto Umbria Charme.
Le proposte progettuali devono:

  • prevedere spese ammissibili comprese tra 1,1 milioni di euro e 9,9 milioni di euro per ogni aggregazione, di cui un importo compreso tra 50 mila e 100 mila euro deve essere destinato ad interventi di promo-commercializzazione;
  • devono prevedere spese ammissibili, comprese tra 200 mila euro e 3 milioni di euro per i progetti presentati dalle singole imprese, finalizzate alla realizzazione di nuove strutture ricettive da classificare 4 e 5 stelle e all’ampliamento ed innalzamento degli standard qualitativi delle strutture ricettive 4 e 5 stelle, delle country house e delle residenze d’epoca;
  • devono prevedere l’inizio delle operazioni entro 6 mesi ed il termine entro 24 mesi dalla data di pubblicazione della graduatoria nel Bollettino regionale.

I progetti presentati dalle aggregazioni di strutture ricettive devono aumentare la competitività sul mercato delle imprese partenariate, diminuire i costi e favorire lo scambio di informazioni organizzative e di servizio tra le varie imprese.
Le spese ammissibili devono riguardare:

  • la promozione e la pubblicità collegati al progetto;
  • l’organizzazione;
  • spese di viaggio, massimo due persone, per partecipare a manifestazioni di promozione del turismo.
Leggi anche:  Bando Fermenti: contributi per progetti e iniziative sociali, culturali e ambientali

Per i progetti delle singole imprese sono previste le spese per interventi edilizi, arredi e attrezzature funzionali al progetto.
Il contributo a fondo perduto emesso per ogni singolo progetto è pari al 50% della spesa totale ammissibile, mentre per i progetti di promo-commercializzazione l’incentivo è concesso in regime de minimis nella misura del 70% della spesa totale ammissibile.

Come fare?

Le domande di agevolazione per accedere agli incentivi previsti per il turismo in Umbria dovranno essere prima compilate attraverso lo sportello telematico dedicato, sul sito della regione che sarà aperto dalle ore 10 del 1 dicembre 2016 fino alle ore 12 del 30 gennaio 2017. Alla domanda di richiesta del contributo si dovrà allegare la scheda tecnica firmata digitalmente dall’impresa capofila, le dichiarazioni firmate digitalmente dai rappresentanti di tutte le imprese appartenenti all’aggregazione, e gli altri allegati richiesti.

Unisci la tua struttura ricettiva turistica alle altre presenti sul territorio e promuovi il tuo meraviglioso territorio approfittando degli incentivi messi a disposizione dalla regione.

Fonte: Bando Umbria Charme

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy