Umbria, pubblicata la misura 16 del PSR in favore della creazione di filiere per la trasformazione di biomassa in energia

Cooperazione, innovazione e sostenibilità. Questi i 3 elementi del nuovo bando promosso dalla Regione Umbria, con l’obiettivo di stimolare la nascita di filiere che si occupino di trasformare biomasse agricole e/o forestali in energia.

Sintesi bando PSR Umbria – Intervento 16.6.1

Area geografica: Umbria

Settore: agricolo e/o forestale

Dotazione finanziaria: 2 milioni di euro

Obiettivo: promuovere la nascita di filiere verticali tra produttori di biomassa agricola e/o forestale in un’ottica di trasformazione in energie

Beneficiari: aggregazioni tra imprese, produttori di biomasse, soggetti che si occupano di supporto tecnico e commercializzazione

Spese ammissibili: costi per acquisto di macchinari, attrezzature, spese per il personale dipendente, studi di fattibilità, realizzazione della comunicazione del progetto con costi relativi alla pubblicità e ai materiali grafici

Tipo di finanziamento: contributo in conto capitale

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 15 settembre 2019

Approfondimento Bando

La cooperazione al centro della misura 16 del Programma di Sviluppo Rurale, PSR Umbria 2014-2020, promosso con i fondi europei. In sostanza, l’obiettivo del bando è quello di stimolare l’aggregazione tra i produttori del territorio, che si occupano di trasformare biomasse di natura forestale e/o agricola per l’utilizzo energetico, costruendo così vere e proprie filiere verticali in grado di valorizzare le risorse locali. Una strategia operativa, dunque, che vuole rafforzare l’economia del territorio in un’ottica di crescita, innovazione e cooperazione. È certamente fondamentale che gli attori individuati dal bando possano collaborare sinergicamente affinché il settore agricolo e forestale, considerato ancora oggi come il cuore dell’economia della Regione, sia in grado di fornire risposte concrete a quel bisogno di futuro del territorio. Tutto questo naturalmente nel rispetto dell’ambiente e dei valori green.

Leggi anche:  In Campania si incentiva l’efficienza energetica e l’utilizzo delle fonti di energia rinnovabile per le imprese regionali

Chi può accedere alla misura 16 del PSR Umbria?

Come abbiamo già anticipato, il bando vuole favorire la cooperazione tra produttori di biomassa, in un’ottica di trasformazione della stessa in energia.

Le aggregazioni devono comprendere due o più soggetti che rappresentino le seguenti categorie:

  • produttori di biomassa;
  • ditte di utilizzazione forestale e/o terzisti;
  • soggetti che operano la trasformazione (es. pellet, cippato, legna da ardere, bricchetti),
  • soggetti che coordinano l’attività di organizzazione (compresa l’attività di animazione) e gestione della filiera;
  • soggetti che si occupano della commercializzazione dell’energia;
  • soggetti che forniscono supporto tecnico;
  • soggetti che erogano il servizio di aggiornamento agli operatori della filiera.

I primi tre soggetti devono avere sede legale e/o operativa in Umbria, la tipologia di aggregazione può riguardare la costituzione di Consorzi, Associazioni, Associazioni temporanee. Qualora l’aggregazione non abbia una personalità giuridica, i soggetti beneficiari devono individuare un capofila che si faccia carico degli impegni e costi da mettere in atto per rispondere all’obiettivo del bando.

L’aggregazione dovrà inoltre essere costituita subito dopo l’inoltro della domanda di partecipazione al bando o nei 3 mesi precedenti dalla presentazione della stessa. Qualora non sia stata individuata la forma giuridica della compagine alla data di presentazione della domanda, questa procedura dovrà avvenire entro 60 giorni dalla data di ricezione della concessione del contributo.

Quali sono le spese ammissibili dalla misura 16 del PSR Umbria?

Come abbiamo già detto, l’obiettivo del bando è stimolare la creazione di filiere verticali per la valorizzazione e uso energetico di biomasse agricole e/o forestali. A titolo meramente esemplificativo, ecco alcune tra le voci ritenute spese ammissibili dal bando:

  • costituzione della forma associativa (spese per consulenze, spese notarili e imposte e tasse);
  • redazione del Piano di Attività;
  • redazione di studi di fattibilità, piani aziendali e di approvvigionamento e piani di gestione forestale;
  • animazione della zona interessata per rendere fattibile il progetto di integrazione e delle successive attività promozionali: (spese per consulenze, acquisto o noleggio attrezzature necessarie alle attività di animazione, affitto locali per le attività di animazione, spese di pubblicizzazione del progetto, spese per personale e spese per trasferte);
  • avvio ed esercizio della cooperazione (spese per personale, acquisto o noleggio di attrezzature informatiche funzionali all’esercizio dell’aggregazione e affitto locali).
Leggi anche:  La Sicilia offre voucher formativi grazie al Progetto Giovani 4.0

Intensità e massimali di spesa

Ogni domanda non potrà presentare una voce di spesa superiore a 500 mila euro. Per quanto riguarda l’intensità di aiuto concessa, il bando individua diverse percentuali. È concesso un aiuto pari al 100% dei costi sostenuti per la costituzione del soggetto aggregato, la redazione del Piano di Attività, i costi di animazione iniziale e le successive attività promozionali.

Per le spese relative all’avvio e all’esercizio dell’attività di cooperazione sono previste le seguenti aliquote di aiuto:

  • 80% dei costi sostenuti nel primo anno di esercizio;
  • 60% dei costi sostenuti nel secondo anno di esercizio;
  • 40% dei costi sostenuti nel terzo anno di esercizio.

Come presentare la domanda per accedere alla misura 16 del PSR Umbria?

La prima fase di inoltro della domanda prevede la compilazione di un modulo di adesione, reperibile sul portale del Sistema Informativo Agricolo Nazionale, SIAN; la seconda, invece, prevede l’invio delle domande rilasciate dal portale all’indirizzo [email protected] Questo secondo passaggio dovrà essere effettuato a mezzo PEC. La scadenza è fissata per il 15 settembre 2019.

Scarica il bando dell’Intervento 16.6.1 del PSR Umbria 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy