PSR Veneto misura 4.1.1: finanziamenti per migliorare la produzione agricola

Fino a 600 mila euro per aumentare la redditività dell’impresa

Il settore agricolo vive oggi una fase complessa, in cui le aziende si trovano a far fronte, da un lato, alla crescente competizione di produttori stranieri, e dall’altro alla domanda di prodotti di alta qualità per soddisfare un pubblico sempre più attento ed esigente. In questo quadro la Regione Veneto, con il PSR Veneto misura 4.1.1, ha realizzato il bando pubblico per l’accesso allo stanziamento di importanti finanziamenti allo scopo di favorire la modernizzazione delle aziende ed il ricambio generazionale per assicurare un florido futuro ad uno dei settori strategici del proprio comparto produttivo. Aumentare la produttività, ridurre il ricorso a fonti energetiche costose e ad alto impatto ambientale, migliorare la qualità delle produzioni sono alcune delle possibilità a cui avrete accesso grazie ai fondi messi a disposizione da questa misura.

A chi si rivolge?

Possono accedere ai finanziamenti gli imprenditori agricoli professionali, i coltivatori diretti o le cooperative di produzione agricola attive sul territorio regionale (la cui attività principale è quella della coltivazione del terreno e/o allevamento animali) che posseggano i seguenti requisiti:

  • iscrizione alla C.C.I.A.A come impresa agricola;
  • iscrizione nell’Anagrafe del Settore Primario;
  • dimensione economica di almeno 15 mila euro di Produzione Standard totale (12 mila se in una zona montana);
  • non trovarsi nello stato di impresa in difficoltà.

I coltivatori diretti devono possedere idoneo titolo di studio o aver partecipato ad un corso di formazione riconosciuto di almeno 105 ore; in alternativa devono aver svolto attività di lavoro in impresa agricola per almeno tre anni. Possono partecipare a questo bando anche i giovani agricoltori che partecipano alla sottomisura 6.1.1.

Leggi anche:  Settore vitivinicolo: investire per restare competitivi

Di cosa si tratta?

Con il PSR Veneto misura 4.1.1 la Regione mette a disposizione 40 milioni di euro provenienti del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (Feasr) per il finanziamento di progetti volti al potenziamento economico, l’aumento occupazionale, la riduzione dell’impatto ambientale e il miglioramento della qualità delle produzioni delle proprie aziende agricole.
Ogni singola impresa potrà accedere ad un importo minimo di 8 mila euro nelle zone di montagna e 15 mila euro nelle altre zone per investimenti strutturali, realizzazione di impianti o l’acquisto di attrezzature, hardware e software. Rientrano nelle spese ammissibili:

  • la costruzione, l’acquisto o la ristrutturazione di fabbricati strettamente legati alle attività produttive;
  • interventi volti al miglioramento dei fondi;
  • realizzazione di impianti destinati a ridurre le emissioni di gas serra o di altri fattori di danno ambientale;
  • la produzione di energia da fonti rinnovabili.

Tramite l’accesso a questi fondi, inoltre, sarà possibile aumentare la quota di prodotti certificati -DOP,DOC-IGP- aumentare la produttività, ridurre i costi e quindi massimizzare i profitti.

Come fare?

Le domande di aiuto vanno presentate sul portale dell’Agenzia Veneta per i Pagamenti in Agricoltura (Avepa) entro il 11 aprile 2017; attenzione perché i giovani agricoltori che partecipano al pacchetto giovani, invece, devono inviare la domanda entro il 27 marzo 2017. Alla richiesta va allegato il Piano Aziendale e la documentazione tecnica necessaria, tra cui:

  • copia del bilancio e della documentazione IVA;
  • documentazione a firma di tecnici del settore attestante i miglioramenti di efficienza energetica derivanti dall’intervento;
  • per i fabbricati: permesso di costruire, D.I.A (o S.C.I.A., o C.I.L.) ove prevista, riportanti la destinazione d’uso;
  • planimetrie, elaborati grafici e mappe catastali degli immobili oggetto dell’intervento.
Leggi anche:  L’Agenzia delle Entrate avvisa: irregolarità nella Dichiarazione Iva

Una volta ammessi al finanziamento, il saldo potrà essere richiesto al completamento delle opere finanziate, nei termini di 7 mesi per l’acquisto di attrezzature e di un anno e mezzo o 2 anni per la realizzazione di opere o impianti tecnologici rispettivamente in pianura o in zona montana, allegando il consuntivo dei lavori edili e relazione tecnica sui lavori eseguiti, la copia delle eventuali autorizzazioni previste per legge, le dichiarazioni relative ad impegni ed obblighi previsti dal tipo di intervento.

Con lo stanziamento dei fondi previsti dal PSR Veneto misura 4.1.1. gli agricoltori della regione avranno l’opportunità di aumentare la qualità della propria azienda, ridurre il proprio impatto ambientale e diversificare la produzione aumentando così il profitto. Si tratta di un’opportunità importante da non lasciarsi scappare assolutamente, vi invitiamo quindi a consultare al più presto un professionista per elaborare il piano più adatto alle vostre esigenze.

Fonte: Bando misura 4.1.1

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook