La Disponibilità immediata al lavoro: come richiederla Online

Dal 1° dicembre 2017 la dichiarazione di immediata disponibilità potrà essere rilasciata utilizzando esclusivamente la procedura online.

Visto che lo JOBS ACT ha previsto che  saranno considerati disoccupati i soggetti privi di impiego che dichiareranno, in forma telematica, la propria immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa, si è reso necessario l’intervento dell’ANPAL (Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro) che, con la Circolare n. 1 del 28 settembre 2017, ha fornito le istruzioni operative per richiedere la DID sul portale nazionale delle politiche del lavoro.

Cosa è la DID?

Per chi non lo sapesse, la Dichiarazione di Immediata Disponibilità (DID) è la comunicazione con cui il cittadino conferma al Centro per l’Impiego la propria disponibilità a svolgere un’attività lavorativa o di partecipare alle misure di politica attiva organizzate e concordate con lo stesso.

A cosa serve la DID?

La DID serve al cittadino per acquisire o confermare, in generale, lo stato di disoccupazione, utile a sua volta per intraprendere un percorso formativo di riqualificazione professionale o per richiedere il riconoscimento di prestazioni socio-sanitarie o di sostegno al reddito.

Per le prestazioni di sostegno al reddito come l’indennità di mobilità, NASPI o DIS-coll non è necessario richiedere la DID sul portale Anpal, perché la presentazione all’Inps delle domande equivale ad aver dichiarato la propria immediata disponibilità al lavoro presso i servizi per l’impiego.

Come richiedere la DID online?

Il cittadino può richiedere la DID tramite:

  • registrazione autonoma sul Portale Nazionale per le politiche del lavoro;
  • registrazione sul Portale Nazionale per le politiche del lavoro da parte di un operatore del Centro per l’impiego, che aiuti il cittadino nel rilascio della DID;
  • inserimento sui Sistemi informativi del lavoro Regionali, con trasmissione della DID, tramite cooperazione applicativa, al Nodo di Coordinamento Nazionale (NCN).
Leggi anche:  Contributi per il settore olivicolo: aiuti alle reti d'impresa di tutta Italia

Al termine della procedura telematica, ad ogni richiedente viene assegnato un identificativo univoco della DID rilasciata che viene poi riportato all’interno della scheda anagrafica personale (SAP). Verranno rilasciate, infine, tutte le informazioni utili a contattare il Centro per l’Impiego di riferimento, al fine di confermare lo stato di disoccupazione e di sottoscrivere il patto di servizio.

Quando la necessità di snellire gli interminabili iter burocratici collima con quella di rendere il cittadino sempre più autonomo nella gestione delle sue pratiche, i benefici supereranno sempre di gran lunga i sacrifici.

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook