Legge di bilancio 2018: in arrivo le novità su aliquote IVA 2018

La legge di bilancio 2018 entrerà in vigore dal 1 gennaio 2018. Sono diverse le novità in materia IVA che riguardano il mantenimento delle aliquote e l’estensione dello split payment a tutte le società controllate dalla Pubblica Amministrazione.

Come ben sappiamo, l’IVA è l’imposta basata sul consumo per il soddisfare i bisogni della persona e incide sul consumatore finale. Storicamente è stato creato un obbligo di versamento mensile o trimestrale, con variazioni in aumento delle aliquote.
Anche la Legge di Bilancio 2018 ha studiato l’argomento IVA e le novità entreranno in vigore a partire dal 1 gennaio 2018.
I destinatari delle novità IVA 2018 sono gli imprenditori, i lavoratori autonomi e soprattutto i consumatori finali, che non hanno diritto di recuperare l’imposta.
Alcuni punti della legge di bilancio sono rimasti invariati, altri adempimenti sono state approvate delle modifiche rispetto all’anno 2017. Ad esempio quest’anno lo Spesometro 2018 è stato approvato con delle modifiche rispetto all’anno precedente.

Sterilizzazione incremento IVA e accise

Non ci saranno aumenti nel 2018 delle aliquote dell’Iva ordinaria e agevolata, delle accise, delle aliquote dei tributi e delle addizionali regionali e degli enti locali, ma in maniera progressiva dal 1 gennaio 2019 fino al 2021 l’Iva ordinaria passerà dal 22% al 25% mentre l’aliquota agevolata aumenterà al 13% dal 2020.

Novità 2018 nel Settore Agricoltura

Tra le novità IVA 2018 sono previste nuove percentuali di compensazioni dal 1 gennaio 2018 da parte dei produttori agricoli in regime speciale IVA. Viene innalzata la percentuale di compensazione IVA per le carni vive bovine e suine prevedendo che sia stabilita in misura non superiore, rispettivamente, al 7,7 % e all’8% per ciascuna annualità 2018, 2019, 2020. In base a tale meccanismo, quanto più sono elevate le percentuali di compensazione e quanto più esse si avvicinano all’aliquota IVA applicata ai singoli prodotti, tanto maggiore è il beneficio che ne deriva al produttore agricolo che vende i suoi prodotti.

Novità IVA Cultura e Spettacolo 2018

In materia di spettacolo teatrale, si estende l’aliquota IVA ridotta al 10% ai contratti di scrittura relativi a tutti gli spettacoli teatrali, ai concerti, alle attività circensi e di spettacolo viaggiante e si prevede che la stessa aliquota ridotta si applichi anche nei casi in cui le relative prestazioni siano condotte da intermediari (articolo 39, comma 13 DDL 2018).

Split payment IVA 2018 Pubblica Amministrazione

Lo spilt payment, è la cosiddetta scissione dei pagamenti, per cui i fornitori della Pubblica Amministrazione emettono fattura ma non incassano l’IVA, che la PA versa direttamente al fisco. Ciò significa che sono le stesse Pubbliche Amministrazioni a dover liquidare l’IVA sugli acquisti senza che debbano provvedere i loro fornitori.
La manovra correttiva del 2018 prevede una novità che riguarda l’estensione dello split payment a tutte le società controllate dalla Pubblica Amministrazione.

La novità introduce l’obbligatorietà del versamento dell’IVA non solo per i rapporti tra PA e privati ma viene estesa ad altri soggetti quali lo Stato, organi statali benché dotati di personalità giuridica, enti pubblici territoriali e dei consorzi tra essi costituiti, Camere di Commercio, Istituti Universitari, ASL e degli enti ospedalieri, le fondazioni partecipate da amministrazioni pubbliche, le società controllate direttamente o indirettamente da qualsiasi tipo di amministrazione pubblica e quelle partecipate per una quota non inferiore al 70% da qualsiasi amministrazione pubblica o società assoggettata allo split payment.
In questo modo non ci sarà più la distinzione tra controllo diretto e controllo indiretto che aveva creato molta confusione nell’applicazione dell’imposta.

Le novità in materia IVA sono diverse contenute nella manovra, molte delle quali interessano cittadini e aziende. Se ritenete che alcune di queste novità possono interessare direttamente la vostra attività o la vostra posizione e nel frattempo per non ritrovarsi in difficoltà con i controlli dell’Agenzia delle Entrate non esitate a contattare un commercialista, che sicuramente vi dirà come comportarvi.

Approfondisci la legge di bilancio 2018.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattarci





[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy