Un’opportunità da cogliere al volo per i giovani laziali: la Regione approva il nuovo bando “Torno Subito 2019”

Sulla rampa di lancio l’edizione 2019 del bando “Torno Subito”, indetto dalla Regione Lazio. Stanziati 9 milioni di euro per offrire ai giovani la possibilità di ottenere una borsa di studio per realizzare un’esperienza di apprendimento innovativa.

Sintesi del bando Torno subito 2019

Area geografica: Lazio

Settore: formazione e lavoro

Dotazione finanziaria: 13,5 milioni di euro

Obiettivo: favorire l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro laziale, reimpiegando in territorio regionale le competenze acquisite dal beneficiario nella Fase 1 del progetto

Beneficiari: giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni

Spese ammissibili: acquisto dei corsi di formazione e spese complementari

Tipo di finanziamento: borsa di studio

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 21 giugno 2019

Approfondimento Bando

Dopo il boom di partecipazioni registrate nelle edizioni precedenti, la Regione Lazio anche quest’anno ripropone il Programma Torno Subito, riservato ai giovani under 35 residenti nel territorio regionale. Per i destinatari i cui progetti verranno considerati più meritevoli è in palio un’opportunità unica, finanziariamente non accessibile a tutti: realizzare un’esperienza integrata di formazione o lavoro fuori e dentro i confini regionali. La Regione punta quindi a favorire la mobilità dei propri giovani su scala nazionale e internazionale, per poi “riappropriarsi” degli stessi agevolando il loro inserimento occupazionale nel tessuto produttivo del Lazio.

A chi è rivolto il bando Torno Subito 2019?

Possono presentare domanda di partecipazione i cittadini italiani e stranieri, privi di una occupazione lavorativa e residenti nella Regione Lazio da almeno 6 mesi. I destinatari devono avere un’età compresa tra i 18 e i 35 anni e devono essere in possesso di uno dei seguenti requisiti:

  • essere studenti universitari;
  • essere laureati;
  • essere studenti e diplomati delle scuole ad alta specializzazione tecnologica riconosciute come “Istituti Tecnici Superiori”;
  • essere diplomati, ma solo se il progetto presentato dal destinatario verte su uno dei seguenti ambiti: professioni del cinema, professioni della cucina e dell’enogastronomia;
  • aver concluso negli anni 2016, 2017, 2018 il percorso triennale di IeFP (Istruzione e Formazione Professionale) con la qualifica di “Operatore addetto alla ristorazione” specializzato in “Preparazione pasti” o “Servizi sala e bar”, realizzato presso istituti con sede nella Regione Lazio se il partecipante presenta un progetto relativo al settore delle professioni della cucina e dell’enogastronomia.
Leggi anche:  Sì ai regimi di qualità per le aziende agricole: pubblicata la sottomisura 3.1 del PSR Sardegna

I suddetti requisiti devono essere posseduti, a pena di esclusione, al momento della presentazione della domanda.

Quali sono le spese ammissibili per il bando Torno Subito 2019?

Il progetto è diviso in due fasi: nella fase 1 i beneficiari devono frequentare dei corsi di formazione o master universitari (minimo 30 giorni e massimo 180 giorni) fuori dalla regione Lazio; la fase 2, invece, prevede un’attività di work experience o accompagnamento all’autoimprenditorialità per un periodo che va dai 3 ai 6 mesi da svolgere all’interno della Regione.

Saranno finanziate le seguenti spese:

FASE 1 – Corsi di formazione (fuori dalla Regione Lazio):

    1. Acquisto documentato di corsi di formazione e, nello specifico:
      • Max 3,5 mila euro per corsi di formazione di durata compresa tra 30 e 90 giorni;
      • Max 7 mila euro per corsi di formazione di durata superiore ai 91 giorni
    2. Indennità mensile per esperienze di lavoro fuori dalla Regione Lazio per un importo massimo di 800 euro lordi mensili;
    3. Assicurazione sanitaria rimborsata sulla base di un costo massimo pari a 500 euro (obbligatoria per chi svolge la Fase 1 in paesi extraeuropei);
    4. Polizza fideiussoria fino al 3% dell’importo garantito rilasciata da banche, assicurazioni o intermediari finanziari iscritti negli elenchi previsti dal D. Lgs 385/1993;
    5. Rimborso delle spese di viaggio, vitto e alloggio.

FASE 2 – Attività di Work Experience (all’interno della Regione Lazio):

  1. indennità mensile per esperienza lavorativa, per un massimo di 800 euro lordi;
  2. per chi svolge attività presso un coworking, indennità mensile per le attività di accompagnamento all’autoimprenditorialità per un importo massimo di 800 euro lordi.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Il contributo è concesso sotto forma di borsa di studio. In particolare, sarà erogato un acconto iniziale comprensivo di tutti i costi inerenti la permanenza fuori dalla Regione Lazio nella Fase 1, ed un rimborso trimestrale per le esperienze lavorative effettuate nella Fase 2.

Leggi anche:  Regione Sardegna, dal Fondo Social Impact Investing nuovi contributi per promuovere l’inclusione lavorativa e potenziare la lotta alla povertà

Come partecipare al bando torno Subito 2019?

I progetti possono essere presentati esclusivamente attraverso la compilazione del formulario online disponibile sul sito, all’interno della sezione “Bando 2019”, dal 6 maggio 2019 sino al 21 giugno 2019.

Scarica il bando Torno Subito 2019 della Regione Lazio.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy