Formazione in azienda: bando per le imprese in Abruzzo che vogliono innovarsi e investire sul personale

Dal 2008 al 2013 30 mila persone hanno perso il lavoro. Per sconfiggere la depressione economica nelle aziende, la Regione Abruzzo mette a disposizione dei fondi per la formazione di neoassunti e per il potenziamento di competenze manageriali.

Nel momento in cui i lavoratori sembrano essere semplicemente dei numeri, tutti uguali, e delle pedine da assumere, spostare e licenziare, arriva finalmente in Abruzzo un bando rivolto alle imprese che vogliono puntare sulla formazione in azienda del personale. I lavoratori, dunque, devono essere considerati come il cuore della società, e per tale motivo è necessario investire su una preparazione che vada di pari passo con le esigenze del mercato; il focus è contrastare la crisi aziendale e salvaguardare i livelli occupazionali attraverso la formazione dei lavoratori.

A chi si rivolge il bando sulla formazione in azienda?

Possono partecipare al bando le micro, piccole e medie imprese del settore privato, comprese le cooperative, che hanno la sede legale e operativa in Abruzzo. Le aziende con sede legale fuori dalla regione possono presentare la domanda purché abbiano una sede operativa all’interno del territorio abruzzese.

Per accedere ai finanziamenti, le aziende devono avere i seguenti requisiti:

  • essere iscritte alla Camera di Commercio prima dell’avvio delle attività formative e risultare attive nel territorio regionale;
  • non trovarsi nello stato di impresa in difficoltà;
  • esercitare un’attività compatibile con le norme previste dal regime di aiuto prescelto.

Di cosa tratta il bando sugli investimenti alla formazione in azienda?

Le risorse economiche a disposizione sono più di 2 milioni di euro e derivano da un fondo pubblico e dai finanziamenti stanziati dalla Regione Abruzzo. Le aziende dovranno presentare dettagliatamente tutti i costi sostenuti per la realizzazione dei programmi formativi. La percentuale massima di rimborso a carico della Regione dipende dalla tipologia di aiuto scelto dall’azienda e oscilla da un 60 a un 70 per cento. Il finanziamento pubblico, invece, destinato a ogni singola impresa varia da un minimo di 100 mila a un massimo di 500 mila euro.

Le risorse economiche saranno suddivise in due aree di intervento specifiche. La prima riguarda la formazione dei neoassunti (a partire dal 6 dicembre 2016, sia a tempo determinato che indeterminato) al fine di garantire la loro permanenza sul mercato, o di soggetti che verranno ingaggiati prima dell’avvio del Progetto formativo. Saranno considerati prima di tutti i lavoratori assunti con il Programma Garanzia Over, chi al momento dell’assunzione abbia compiuto 45 anni o chi proviene da contesti lavorativi particolarmente toccati dalla crisi.
La seconda linea, invece, mira al potenziamento di competenze manageriali per rinnovare l’azienda, lanciare nuovi prodotti e creare nuove strategie di mercato. I fruitori sono i manager aziendali, indipendentemente dal tipo di contratto, il titolare, i soci non dipendenti, gli amministratori e i consiglieri.

La formazione dovrà svolgersi all’interno della regione Abruzzo, non potrà protrarsi oltre gli 8 mesi (solo in casi eccezionali è prevista una proroga di 30 giorni) e deve essere coerente con le strategie di sviluppo aziendale, quindi, ad esempio, adattamento dei lavoratori a nuovi macchinari, nuovi mercati, nuovi strumenti, oppure miglioramento delle strategie organizzative dell’azienda.

Come partecipare al bando sui finanziamenti per la formazione in azienda?

Le candidature devono essere presentate online a partire dal 27 aprile 2017. Occorre collegarsi sul sito della Regione e compilare il dossier di candidatura seguendo le indicazioni riportate sul sito. L’avviso non ha scadenza e le domande saranno valutate ogni 15 giorni.

Se hai una micro, piccola o media azienda non perdere l’occasione di accedere ai finanziamenti che permettono di rinnovarti come impresa e formare i tuoi dipendenti attraverso delle strategie di sviluppo concrete. Consulta il bando, rivolgiti a uno specialistica e invia la candidatura.

Fonte: Bando azione 8.6.1

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattarci





[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy