PSR Abruzzo sottomisura 8.6.1: incentivi a favore di aziende agricole e forestali

Finanziamenti in conto capitale per ammodernare il settore forestale

Ancora una volta il settore agricolo e forestale si rende protagonista di nuovi finanziamenti. A proporre questa iniziativa stavolta è la Regione Abruzzo che con il PSR Abruzzo sottomisura 8.6 “Investimenti in nuove tecnologie silvicole” intende creare nuovi sbocchi lavorativi per le imprese operanti nel settore conservando e tutelando il territorio naturale, modernizzando le strutture e le produzioni in modo da aumentare il valore patrimoniale aziendale e diminuire i costi di produzione e lavorazione del legno.

A chi è rivolto?

Possono usufruire degli incentivi tutte le aziende operanti nel settore agricolo-forestale sul territorio abruzzese appartenenti alle seguenti tipologie:

  • aziende forestali e agro-forestali in forma individuale o collettiva;
  • cooperative e consorzi forestali;
  • proprietari, titolari e gestori di territori agro silvo-pastorali, in forma individuale o collettiva;
  • micro, piccole e medie imprese che acquistano la materia prima da aziende forestali, agro-forestali, cooperative, consorzi forestali e proprietari di territori agro silvo-pastorali. Queste imprese possono partecipare al bando esclusivamente per realizzare interventi finalizzati alla trasformazione preindustriale di varietà legnose e non legnose.

I soggetti richiedenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • codice ATECO 02.10.00, 02.20.00 oppure 02.30.00;
  • fascicolo aziendale aggiornato;
  • conto corrente dedicato per effettuare tutti i pagamenti delle operazioni previste a progetto;
  • piena disponibilità delle superfici che sono oggetto degli interventi;
  • certificazioni antimafia per le operazioni di importo superiore a 150 mila euro;
  • essere in regola con la posizione contributiva aziendale;
  • nessuna condanna penale;
  • non essere considerati soggetti in difficoltà economica;
  • operare in ambito forestale;

Per quanto riguarda le micro, piccole e medie imprese, queste devono acquistare la materia prima per un quantitativo non inferiore al 50% della capacità produttiva massima.

Leggi anche:  Art bonus: credito d’imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura

Di cosa si tratta?

Per accedere alle agevolazioni occorre presentare un idoneo progetto con gli interventi da realizzare e le spese da sostenere. Le operazioni devono portare una miglioria delle produzioni, limitarsi agli interventi antecedenti la trasformazione industriale dei prodotti legnosi e non legnosi, non devono danneggiare il suolo forestale e per superfici più ampie di 50 ettari devono prevedere un piano di gestione forestale. Le spese possono riguardare:

  • costi per acquistare beni materiali; per questa voce occorre presentare tre diversi preventivi di spesa, indicando qual è la motivazione che ha portato a preferire uno dei tre preventivi;
  • costi per realizzare opere su misura; in questo caso è necessario proporre uno specifico progetto con disegni, relazione tecnica descrittiva delle opere da realizzare e computi metrici, allegare tre diversi preventivi indicanti l’importo da pagare, la stima della tempistica con cui s’intendono completare i lavori e modi e tempi in cui devono essere effettuati i pagamenti;
  • fornitura di beni e servizi senza pagamento destinati esclusivamente alla realizzazione di interventi silvicoli;
  • acquisto di macchinari, attrezzature ed impianti per gestire le varie fasi di lavorazione dalla raccolta del materiale legnoso, alla commercializzazione dei prodotti legnosi e non legnosi;
  • acquisto o rinnovo di immobili da destinare alla raccolta e successive lavorazioni del legno;
  • realizzazione di piattaforme logistiche;
  • spese per investimenti immateriali, riconosciute nella misura massima del 6%.

Tutti i progetti approvati dovranno prevedere il termine di tutte le operazioni progettuali entro 24 mesi dalla data di concessione del finanziamento.
Le risorse finanziarie messe a disposizione dal PSR Abruzzo sono pari a 2 milioni di euro. Gli aiuti sono erogati sotto forma di finanziamento in conto capitale per un importo pari al 40% della spesa totale da sostenere; tutte le spese non possono in alcun modo essere effettuate prima della data di concessione del contributo e dovranno prevedere un importo di spesa minimo di 30 mila euro e massimo di 500 mila euro.

Leggi anche:  Fondo di Garanzia PMI: novità dal FEI e dal Fondo di Garanzia

Come fare?

Per accedere ai contributi stanziati dalla Regione Abruzzo bisogna presentare domanda di partecipazione al bando esclusivamente per via telematica entro il 27 marzo 2017. Le domande devono essere compilate accedendo on line all’area riservata presente sul portale SIAN; bisogna allegare tutta la documentazione richiesta, insieme alle firme da apporre digitalmente e una volta inseriti tutti i dati il sistema rilascerà automaticamente la domanda assegnando un numero di protocollo.
Introdurre nuove tecnologie è una grande opportunità per aumentare il valore patrimoniale aziendale e la qualità delle produzioni. Rivolgiti al tuo commercialista per farti aiutare a preparare la documentazione necessaria per partecipare all’avviso pubblico.

Fonte: Bando intervento 8.6.1

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook