Pacchetto Giovani PSR Calabria: 3 misure per sostenere i giovani imprenditori nel settore agricolo

Supportare l’insediamento di giovani agricoltori, fornire contributi per il mantenimento delle aziende e sostenere la creazione di modelli di lavoro a tutela dell’ambiente. Queste le tre azioni racchiuse nel Pacchetto Giovani PSR Calabria.

Sintesi bando “Pacchetto giovani” del PSR Calabria

Area geografica: Calabria

Settore: agricoltura

Dotazione finanziaria: 58 milioni di euro

Obiettivo: sostenere i giovani agricoltori a inserirsi in realtà imprenditoriali e fornire un supporto per rendere competitive le nuove imprese

Beneficiari: giovani agricoltori

Spese ammissibili: acquisti di macchinari e attrezzature

Tipo di finanziamento: premio e contributo pubblico in conto capitale

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 22 ottobre 2018

Approfondimento Bando

Un “Pacchetto Giovani” rivolto ai giovani agricoltori che vogliono costruire nuove realtà imprenditoriali; una serie di interventi per rendere le nuove imprese efficienti e competitive sul mercato. È questa la strategia che la regione Calabria adotta per supportare il settore agricolo ma soprattutto le nuove generazioni. Si tratta, appunto, di una metodologia integrata all’interno della quale il giovane agricoltore può beneficiare di un premio di primo insediamento con la misura 6 (intervento 6.1.1) e di un sostegno economico per mantenere la propria attività imprenditoriale con la misura 4 (intervento 4.1.2). Queste due misure sono obbligatorie all’interno del pacchetto e non possono essere attuate singolarmente; al contrario, l’intervento 4.1.3, che sostiene interventi idrici all’interno dell’azienda, è facoltativo.

Leggi anche:  PSR Liguria Sottomisura 6.1, la Regione sostiene l’insediamento dei giovani agricoltori attraverso la concessione di aiuti economici

Chi può partecipare al Pacchetto Giovani PSR Calabria?

Il Pacchetto Giovani comprende dunque l’intervento 6.1.1 “Aiuto all’avviamento di imprese per giovani agricoltori”, la misura 4.1.2 “Investimenti in aziende agricole in cui si insedia un giovane agricoltore” e l’intervento 4.1.3 (non obbligatoria) “Investimenti per la gestione della risorsa idrica da parte delle aziende agricole”. Possono beneficiare del Pacchetto i giovani agricoltori che:

  • si insediano per la prima volta in un’azienda agricola (sotto forma di ditta individuale o società);
  • abbiano un’età compresa tra i 18 e 40 anni.

Possono partecipare al bando anche coloro che hanno presentato richiesta di contributo per il Pacchetto Giovani avviato nel 2016, ma la cui domanda non è stata ritenuta ammissibile.

Quali sono le spese ammissibili del Pacchetto Giovani PSR Calabria?

Interventi ammissibili misura 4.1.2

Per quanto riguarda l’intervento 4.1.2 sono ammissibili, in linea generale, le azioni che migliorano la competitività aziendale e il sistema produttivo, per cui, a titolo esemplificativo:

  • spese che riguardano il miglioramento fondiario come costi per la produzione agricola e zootecnica (costruzione di stalle e ricoveri per animali o conservazione del suolo);
  • acquisto e miglioramento dei fabbricati per lavorazione di prodotti agricoli e dell’allevamento dell’azienda;
  • acquisto di macchinari e attrezzature;
  • acquisto di macchinari di stoccaggio e il trattamento di reflui;
  • acquisizione di hardware per l’avvio dell’e-commerce e per l’adozione di tecnologie dell’informazione e comunicazione (TIC);
  • investimenti per migliorare il consumo di energia e ridurre l’impatto ambientale;
  • acquisto di nuovi terreni.

Interventi ammissibili misura 4.1.3

In linea generale, nell’ambito dell’intervento 4.1.3, sono ritenute ammissibili le azioni che migliorano il sistema idrico alleviando gli effetti dei cambiamenti climatici. Le spese considerate finanziabili riguardano quindi le seguenti voci:

  • investire per cercare fonti idriche alternative rispetto al prelievo di acquee sotterranee;
  • monitorare l’uso idrico e pianificare una serie di azioni per controllare il consumo (recupero e trattamento acquee reflue aziendali, acquisto di sistemi di monitoraggio e controllo, raccolta e stoccaggio delle acquee);
  • acquisto di hardware per avviare sistemi telematici di controllo e monitoraggio dell’uso dell’acqua;
  • spese generali (pagamento fatture e studi di fattibilità).
Leggi anche:  Ricostruzione post-sisma: stanziati nuovi contributi per le imprese della Regione Marche

Intensità e massimali di spesa

La dotazione finanziaria è così suddivisa:

  • misura 6.1.1: 15 milioni di euro
  • misura 4.1.2: 40 milioni di euro
  • misura 4.1.3: 3 milioni di euro

Per quanto riguarda la misura 6.1.1, che supporta l’insediamento del giovane agricoltore, è previsto un premio di 50 mila euro per le aziende collocate in zone montane o svantaggiate, come prevede l’articolo 32 del Regolamento UE 1305/2013; per le altre aree invece l’importo è fissato a 40 mila euro.

Il premio è ripartito in due scaglioni:

  • 60% dell’importo è assegnato a titolo di acconto;
  • 40% del premio è assegnato a saldo, dopo il completamento del piano aziendale e la verifica dell’attuazione dello stesso.

Per gli interventi 4.1.2 e 4.1.3 l’importo ammissibile del piano aziendale è pari a 200 mila euro. L’aiuto economico concesso è assegnato sotto forma di contributo pubblico in conto capitale, calcolato sulla percentuale di spesa ammissibile.

Per la prima misura, 4.1.2 l’aliquota del sostengo è pari:

  • al 70% della spesa ammissibile per gli investimenti effettuati dagli agricoltori in zone montane e svantaggiate;
  • 60% per le altre zone;
  • 50% nel caso di investimenti che prevedono la lavorazione e trasformazione di prodotti agricoli elencati nell’Allegato 1 del Trattamento sul funzionamento dell’Unione Europea (fanno eccezione i prodotti della pesca ritenuti non finanziabili nel PSR).

Qualora il giovane imprenditore decida di attivare anche l’intervento 4.1.3, il contributo è così erogato:

  • 70% sulle spese ammissibili quando realizzate in zone montane o svantaggiate;
  • 60% sulle spese ammissibili quando avviate in altre aree.

Come fare per partecipare al Pacchetto Giovani del PSR Calabria?

I giovani che vogliono beneficiare dei contributi messi a disposizione dal Pacchetto Giovani del PSR Calabria devono inoltrare le loro domande entro il 22 ottobre 2018.
Il tutto deve avvenire in maniera telematica, collegandosi al Sistema Informativo Agricolo Nazionale (portale SIAN) e compilare i moduli tramite un professionista accreditato.

Leggi anche:  Contributi premi assicurativi in agricoltura: pubblicato il bando ministeriale

Scarica il bando relativo al Pacchetto Giovani del PSR Calabria 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Contattaci e un membro del nostro team ti spiegherà come fare




Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativaPolicy e privacy