PSR Calabria sottomisura 5.1.1, al via il bando di sviluppo rurale

Pubblicato il bando PSR Calabria per lo sviluppo rurale

La regione Calabria ha deciso di investire sul settore rurale con una serie di interventi che garantiranno uno sviluppo migliore dell’agricoltura e la prevenzione di situazioni negative per la stessa.

Il bando rurale PSR nella regione Calabria

Il bando PSR Calabria è caratterizzato da una vasta serie di interventi di prevenzione mirati ad evitare che i mutamenti climatici degli ultimi decenni, con conseguenti alluvioni, esondazioni, frane e altre calamità naturali, non siano causa della perdita di patrimonio da parte delle azione agricole.

Le imprese destinatarie del bando

Il bando è riservato solo ed esclusivamente a tutte quelle imprese che operano sul territorio calabrese e che sono riconosciute, dalla legge, come consorzi di bonifica; questo requisito risulta essere l’unico richiesto dalla regione Calabria per erogare i capitali che verranno investiti nelle varie opere di miglioramento dei diversi terreni agricoli presenti sul suolo regionale.
Le imprese che possono accedere di diritto alla graduatoria non devono avere un minimo di tempo di costituzione; queste devono presentare dei progetti, che dovranno essere allegati alla domanda di partecipazione al bando, sostanzialmente con la descrizione di tutti i rischi che quella particolare area potrebbe subire in assenza di un intervento di bonifica, il tipo di operazione che si vuole svolgere su quel determinato terreno e la specifica dei costi relativi all’intera operazione.
Nel progetto devono essere riportati anche tutti i benefici che si potranno trarre da quel determinato tipo di lavoro effettuato col rispetto di tutte le direttive in materia di sicurezza ambientale.

Domanda, lavori ammessi e fondi del bando PSR Calabria

Per quanto riguarda l’invio della domanda del bando PSR Calabria, le aziende di bonifica dovranno compilare l’allegato 1 M.5.1.1, che descrive appunto il progetto e tutti i suoi aspetti, e recapitarlo presso la sede della regione entro il 7 novembre.
I fondi verranno erogati come contributo pubblico conto capitale: ogni singolo intervento sarà caratterizzato da una somma di denaro non superiore ai cinquecento mila euro.
I lavori autorizzati sono:

  • la realizzazione di scavi sul terreno per il deflusso delle acque;
  • la realizzazione di reti di scolo sul terreno;
  • creazione di sponde per la protezione del terreno in caso di allagamento;
  • realizzazione di casse di espansione;
  • altre spese che riguardano ulteriori lavorazioni collegate a quelle di investimento per un totale massimo del nove percento.
Leggi anche:  Finanziamenti esteri per imprese italiane: l'Agenzia delle Entrate chiarisce

Le spese di ordinaria e straordinaria manutenzione invece non saranno coperte dal bando, e lo stesso vale per i solchi acquai temporanei.
Verranno premiati i progetti migliori a cui verrà assegnato un punteggio minimo di venti punti attraverso dei criteri che sono spiegati all’interno dello stesso bando.

Il bando PSR Calabria avrà quindi lo scopo di permettere alle aziende di bonifica di effettuare delle lavorazioni precise sul terreno ed allo stesso tempo garantisce, alle imprese agricole, di poter operare in condizioni di massima sicurezza anche quando la situazione climatica potrebbe rappresentare una potenziale minaccia.

Info: Bando Calabria

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook