Bando Psr Emilia Romagna sottomisura 6.4.1 per la creazione e lo sviluppo di agriturismi

La regione Emilia Romagna ha emesso un bando con il quale ha dato la possibilità a tutti coloro che hanno intenzione di aprire un agriturismo o una fattoria didattica di poter godere di cospicui contributi economici. Gli interessati avranno la possibilità di partecipare al bando fino al prossimo 23 settembre e c’è da scommettere che le adesioni non mancheranno affatto. Ma vediamo di scoprire qualche dettaglio in più in merito al bando in questione.

Bando Agriturismi e fattorie didattiche: in arrivo i finanziamenti da parte della regione Emilia Romagna

Come anticipato, la regione Emilia Romagna ha deciso di incentivare gli imprenditori ad investire negli agriturismi e nelle fattorie didattiche. Il bando fa parte del Programma di sviluppo rurale 2014-2020 nel quale sono contenute specifiche misure per consentire alle imprese agricole di svilupparsi. Lo scopo del bando, pertanto, è chiaro: permettere alle imprese agroindustriali e agricole di diversificarsi e di potenziarsi. Ma chi ha il diritto di beneficiare dei finanziamenti messi a disposizione dalla regione Emilia Romagna? A poter beneficiare di tali finanziamenti sono tutti gli imprenditori del settore agricolo o, in alternativa, le aziende agricole che abbiano i requisiti seguenti:

  • persone fisiche con cittadinanza italiana o, comunque, di uno dei Paesi appartenenti all’Unione europea;
  • imprenditori agricoli regolarmente iscritti ai relativi elenchi;
  • imprese che hanno sede legale o in Italia o, comunque, in uno dei Paesi appartenenti all’Unione europea.

In merito alle imprese che possono accedere ai finanziamenti messi a disposizione dalla regione Emilia Romagna è necessario fare un’ulteriore precisazione. Queste aziende, infatti, devono essere in possesso di questi requisiti:

  • avere come oggetto sociale, appunto, l’esercizio di attività agricole;
  • dimostrare di essere regolarmente iscritte presso i registri della C.C.I.A.A. nell’apposita sezione dedicata alle imprese agricole;
  • dimostrare di essere iscritte regolarmente all’anagrafe della regione Emilia Romagna delle aziende agricole e che la posizione sia stata opportunamente validata e aggiornata;
  • nell’eventualità in cui si tratti di una società, dimostrare di essere in possesso di un contratto con una durata almeno pari a quella stabilita per la realizzazione delle opere;
  • essere un’azienda medio piccola (meno di dieci dipendenti, con un fatturato annuo che non supera i 2 milioni di euro o meno di 50 persone con un fatturato annuo che non supera i 10 milioni di euro);
  • essere in regola sotto il profilo previdenziale.
Leggi anche:  Bonus neomamme nelle isole minori siciliane: chi ne ha diritto e come richiederlo

Bando agriturismi e fattorie didattiche: come utilizzare il denaro messo a disposizione dalla regione Emilia Romagna

Le persone fisiche e/o le aziende agricole che intendono prendere parte al bando avranno, dunque, la possibilità di dare seguito a varie tipologie di intervento. Tra questi vi è, ad esempio, la possibilità di adeguare la propria azienda agricola per creare ex novo o potenziare l’attività agrituristica. In questo caso, al bando possono accedere solo coloro che risultano essere regolarmente iscritti all’elenco degli operatori agrituristici.
Tra gli interventi previsti vi è, poi, la possibilità di investire per adeguare a propria azienda agricola e creare ex novo o potenziare l’attività di fattoria didattica. In questo caso, ad avere la possibilità di accedere al bando sono coloro che risultano essere regolarmente iscritti ai registri degli operatori cosiddetti di fattoria didattica.

Come è facile immaginare, gli investimenti previsti nel bando sono davvero moltissimi e tra questi vi è, ad esempio:

  • la ristrutturazione di fabbricati e/o il recupero di edifici esistenti;
  • la creazione di camere, di sale per la ristorazione, di cucine e di tutti i locali necessari per svolgere l’attività agrituristica;
  • l’acquisto di tutti i macchinari necessari per svolgere le attività didattiche.

Bando agricoltura e fattorie didattiche: a quanto ammontano i finanziamenti

Il budget totale messo a disposizione della regione Emilia Romagna è di 15.684.33,56 euro e viene concesso sotto forma di contributo. Ogni impresa non può ottenere più di 200.000 euro e l’importo erogato dovrà corrispondere al 50% delle spese per interventi che devono essere effettuati nelle aree rurali che presentano problemi di sviluppo, al 45% nelle aree cosiddette intermedie e al 40% nelle restanti aree (ad agricoltura specializzata e intensiva o periurbane e urbane).

Leggi anche:  Impianti condominiali centralizzati: conta solo il consumo effettivo

Bando per la creazione e lo sviluppo di agriturismi e fattorie didattiche: come presentare la domanda

Le domande per prendere parte al bando per la creazione e lo sviluppo di agriturismi e fattorie didattiche devono essere consegnate entro il 23 settembre 2016 presso il Servizio territoriale agricoltura, caccia e pesca della regione Emilia Romagna. La consegna deve essere effettuata attraverso il AGREA, il nuovo sistema informativo ed è necessario seguire una procedura ben precisa: deve prima essere compilato elettronicamente il modulo e deve essere protocollato e, solo in seguito, deve essere effettuata la compilazione cosiddetta semi-elettronica da protocollare al Servizio territoriale agricoltura, caccia e pesca della regione Emilia Romagna. Tutte le domande presentate devono essere accompagnate da tutte le documentazioni espressamente richieste nel bando.

Info: Regione Emilia Romagna

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook