Bando per le aziende agricole in Lombardia: quando la competitività e sostenibilità ambientale si uniscono

Trasformare e commercializzare i prodotti agricoli, capitalizzare le risorse naturali del territorio e mettere in atto una strategia mirata alla sostenibilità ambientale. Questi gli ingredienti del nuovo bando che sostiene le aziende agricole della Lombardia a migliorarsi, puntare sulla forza delle filiere e creare strategie green.

Sintesi bando PSR FEASR Lombardia – Operazione 4.2.01

Area geografica: Lombardia

Settore: agricolo

Dotazione finanziaria: 24 milioni di euro

Obiettivo: sostenere le aziende agricole nella loro crescita, rendendole più competitive e attente alla sostenibilità ambientale

Beneficiari: aziende agricole

Spese ammissibili: spese per l’acquisto di macchinari, impianti e sistemi informativi che possano migliorare l’efficienza energetica, spese di progettazione e acquisto o miglioramento di immobili

Tipo di finanziamento: contributo in conto capitale e finanziamento agevolato

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 4 marzo 2019

Approfondimento Bando

Dalla trasformazione alla commercializzazione dei prodotti agricoli, attraverso strategie che puntino prima di tutto sulla capitalizzazione delle risorse naturali e sulla sostenibilità ambientale. A questo si aggiunge la necessità di rendere le aziende agricole del territorio sempre più competitive, ottenendo non soltanto nuove quote di mercato, ma contribuendo anche alla crescita e allo sviluppo locale. Questi gli obiettivi dell’operazione 4.2.01 del PSR FEASR, promosso dalla Regione Lombardia.

Chi può partecipare al bando rivolto alle aziende agricole della Lombardia?

Possono presentare la domanda di aiuto le aziende agricole che svolgono attività di trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli. Per beneficiare del contributo economico, però, almeno il 60% della materia prima commercializzata e trasformata deve provenire da contesti extra aziendali; in questo caso si punta sul concetto di filiera agroalimentare dove gli attori del settore (produttori agricoli e imprenditori) collaborano insieme per raggiungere lo stesso obiettivo: valorizzare il settore agricolo.

Leggi anche:  Nuovi aiuti agli agricoltori con la misura 13 del PSR Friuli Venezia Giulia

Fanno eccezione le cooperative agricole e le organizzazioni di produttori, che nel loro statuto hanno il vincolo di usufruire delle materie prime erogate da parte delle imprese associate.

Quali sono le spese ammissibili per accedere al bando per le azioni agricole della Lombardia?

Le spese ammissibili dal bando sono:

  • costi per la costruzione o miglioramento di immobili adibiti alla commercializzazione e trasformazione dei prodotti agricoli;
  • costi per l’acquisto di impianti, macchinari o apparecchiature informatiche utilizzare per il miglioramento dell’efficienza energetica;
  • spese generali per la progettazione e il monitoraggio dei lavori;
  • spese relative alla comunicazione, informazione e sensibilizzazione degli interventi previsti dal bando;
  • costi per la costruzione di polizze fideiussorie.

Intensità di aiuto massimali di spesa

Due sono le modalità di concessione del contributo che ricopre il 100% delle spese ammissibili, in particolare:

  • il 20% dell’aiuto è concesso sotto forma di contributo in conto capitale sul totale delle spese ammissibili;
  • il restante 80% è erogato per il 40% a valere su risorse del Fondo Credito (stipulando un contratto con Finlombardia) e per il 60%, invece, tramite Intermediari Finanziari Convenzionati. In quest’ultimo caso i beneficiari sottoscrivono un contratto di finanziamento con i vari enti convenzionati.

Ogni azienda dovrà presentare un’idea progettuale che abbia un massimale di spesa pari a 7 mila euro per domanda e 15 mila euro per l’intero periodo di programmazione 2014-2020. La soglia minima invece è definita a seconda dell’area di riferimento: per le zone di montagna definite svantaggiate, così come previsto dall’allegato B del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020, l’importo è di 1.000 euro; per le altre invece è di 2.500 euro.

Leggi anche:  Al via con i contributi del bando acquacoltura della Regione Lombardia

Come presentare la domanda per partecipare al bando per le aziende agricole in Lombardia?

Entro il 4 marzo 2019 le aziende agricole devono inoltrare le loro domande esclusivamente per via telematica, collegandosi al Sistema Informativo delle Conoscenze della Regione Lombardia, SISCO e compilare tutte le voci richieste.

Scarica il bando dell’operazione 4.2.01 del PSR FEASR Lombardia 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy