Regione Marche: al via la seconda edizione del bando creazione di impresa

Previsti 6 milioni di euro nel biennio 2018-2019 per la creazione di circa 200 nuove imprese.

La Regione Marche, sull’onda dei positivi risultati economici che nel 2017 ha ottenuto finanziando la costituzione di nuove imprese, ha deciso di reintrodurre per il biennio 2018-2019 la stessa famiglia di contributi.

Il bando di cui parliamo fa parte del POR Marche FSE 2014-2020 e riguarda appunto la concessione di incentivi per il sostegno alla creazione di impresa RA 8.5.

L’obiettivo del bando è di creare nuove attività economiche e, di conseguenza, nuova occupazione.

A chi si rivolge il bando creazione d’impresa della Regione Marche?

Possono fare domanda di finanziamento Imprese (individuali, società di persone e società di capitali, cooperative), Studi Professionali, Singoli, Associati e Liberi professionisti.

Condizione necessaria per tutti questi soggetti economici è che la loro costituzione (quindi anche l’eventuale apertura di partita Iva) avvenga dopo la pubblicazione del bando sul Burm e dopo l’invio della domanda di finanziamento, che abbiano sede legale ed operativa nella Regione Marche e che siano composte da persone fisiche.

Per quanto riguarda i soggetti che possono presentare la domanda viene richiesta la maggiore età, la residenza o il domicilio nella Regione Marche e la registrazione come disoccupati presso i Centri per l’Impiego, l’Orientamento e la Formazione (CIOF).

Di cosa tratta il bando creazione d’impresa della Regione Marche?

La Regione, analogamente al 2017, ha stanziato 6 milioni di euro che verranno suddivisi in 2 milioni per il 2018 e 4 milioni per il 2019.

Leggi anche:  La Regione Campania punta sull'occupazione di qualità

I contributi sono concessi fino ad un importo di 30 mila euro (con un progetto che deve prevedere almeno 10 mila euro di spese).

I contributi riconducibili alle spese ammissibili al FSE (spese di costituzione, fideiussione, consulenze tecniche, attività formative, attrezzature e beni mobili, affitto immobili, pubblicità, canoni di leasing, acquisto hardware e software, acquisto di brevetti e licenze d’uso) sono consentiti fino al 100%, fatta eccezione per i voucher formativi che possono essere concessi fino ad un importo massimo dell’80% della spesa.

I contributi riconducibili alle spese nell’ambito FESR (infrastrutture, terreni e beni immobili) sono consentiti fino ad un massimo del 50% del contributo concesso.

Come fare per partecipare al bando creazione d’impresa della Regione Marche?

Le domande possono essere presentate entro il 12 aprile 2018, esclusivamente dal soggetto richiedente per via telematica utilizzando il formulario presente nel sistema informatico SIFORM2.

Per accedere al sistema informatico SIFORM2 l’utente deve disporre di apposite credenziali di tipo “forte”, ovvero di credenziali nominative rilasciate previo riconoscimento di persona con documento di identità. Sono supportate le seguenti modalità: SPID, CNS – Carta nazionale dei servizi e Pin Cohesion.

Un’occasione da non perdere e, per tutti coloro che vogliono approfittarne, consigliamo di affidarsi ad un valido professionista per avviare al meglio tutta la procedura.

Approfondisci il bando sulla creazione d’impresa della Regione Marche.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Contattaci e un membro del nostro team ti spiegherà come fare




Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativaPolicy e privacy