PSR Marche, sottomisura 13.1: nuovi aiuti agli agricoltori delle zone montane

Indennità agli agricoltori che, nonostante le difficili condizioni dovute a vincoli naturali o specifici, si impegnano a coltivare superfici agricole di minor ricavo ma che permettono una maggiore biodiversità.

Sintesi bando PSR Marche – Sottomisura 13.1

Area geografica: Marche

Settore: agricoltura

Dotazione finanziaria: 15, 5 milioni di euro

Obiettivo: compensare gli agricoltori delle zone montane per i ricavi minori dovuti a vincoli naturali o specifici

Beneficiari: agricoltori

Spese ammissibili: spese per colture specifiche

Tipo di finanziamento: premio annuale per ettaro di superficie agricola utilizzata

Procedura di selezione: non prevista

Scadenza: 15 maggio 2019

Approfondimento Bando

La presenza costante degli agricoltori nelle aree montane e svantaggiate, garantisce una custodia del territorio, indispensabile per il mantenimento sia del paesaggio che di sistemi sostenibili di produzione agricola. Le condizioni difficili del territorio, però non favoriscono la produttività ed è per questo che la Regione Marche, attraverso la sottomisura 13, aiuta gli agricoltori grazie ad un contributo in grado di compensare i ricavi minori, permettendo così, di mantenere una grande varietà biotica sul territorio.

Chi sono i beneficiari della sottomisura 13.1 del PSR Marche?

Possono presentare domanda gli agricoltori, singolarmente o in associazione, che possiedono la qualifica di “agricoltore in attività”. Le superfici oggetto della domanda devono essere situate nelle zone montane descritte nell’Allegato A (archivio dei dati catastali Comuni interamente o parzialmente delimitati) nell’Allegato B (Elenco dei fogli e delle particelle ricadenti in zona svantaggiata comune di Staffolo) e nell’Allegato C (Elenco dei comuni svantaggiati).

Leggi anche:  PSR Lazio Misura 14: avviso domanda di pagamento contributi agli allevatori del Lazio per il 2019

Oltre ciò l’agricoltore deve possedere almeno 2 ettari di SAU (Superficie Agricola Utilizzata) che deve essere condotta in base alle diverse tipologie di titoli di conduzione ammessi e devono risultare di proprietà o in dotazione alla data del 15 maggio 2019.

Quali sono le spese ammissibili per la sottomisura 13.1 del PSR Marche?

Il contributo viene erogato solamente se si mantiene l’obbligo delle coltivazioni per un anno, quindi fino al 15 maggio 2020, e si svolge l’attività minima sulle superfici agricole mantenute naturalmente in uno stato idoneo al pascolo o alla coltivazione. L’importo del premio euro/ettaro viene corrisposto alle colture indicate nell’Allegato n. 1.

Massimali di spesa e intensità di aiuto

Il contributo è pari a 200 €/ettaro di SAU. Il premio minimo erogabile per beneficiario è pari a 400 euro. Le indennità corrisposte sono così stabilite:

  • 100% dell’indennità calcolata sui primi 30 ettari di SAU;
  • 50% dell’indennità calcolata sui successivi ettari di SAU e fino ad un massimo di 60 ettari;
  • nessuna indennità sulla SAU eccedente.

Come fare per partecipare alla sottomisura 13.1 del PSR Marche?

La domanda deve essere presentata esclusivamente online tramite il Portale SIAN entro il 15 maggio 2019.

Scarica il bando della sottomisura 13.1 del PSR Marche 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy