Bando per le Cooperative di Comunità: premi e agevolazioni per i migliori progetti di sviluppo locale di interesse generale

Fondosviluppo mette sul piatto 500 mila euro per sostenere e dare un forte impulso alle Cooperative di Comunità, neo costituite o già attive, e loro consorzi. Al via il bando che valorizza l’operato delle imprese cooperative nelle aree più disagiate nel nostro Paese.

In un’epoca in cui l’offerta dei servizi pubblici viene spesso modulata in funzione della densità abitativa del territorio, lo spopolamento delle zone periferiche del Paese è una conseguenza quasi inevitabile. Per arginare il fenomeno e migliorare la qualità della vita nelle aree interne, occorre puntare tutto su efficienza dei servizi e promozione dell’identità del territorio. È questa la scommessa delle Cooperative sociali.

A chi è rivolto il bando per le Cooperative di Comunità?

Possono presentare domanda di partecipazione al bando le Cooperative di Comunità, neo costituite o già attive, e loro consorzi, che risultino:

  • avere sede o operare in un’area interna o in altra area connotata da documentate condizioni di spopolamento e impoverimento (si visiti, a tal riguardo, il sito dedicato);
  • svolgere più attività produttive intersettoriali;
  • avere una base sociale composta in prevalenza da persone (fisiche o giuridiche) che presentino un forte collegamento con il territorio;
  • perseguire finalità di promozione e sviluppo della comunità territoriale di riferimento.

Ai fini della partecipazione al bando, le Cooperative in possesso dei suddetti requisiti devono altresì presentare un progetto di sviluppo locale, redatto secondo il modello di business plan scaricabile dal sito del Fondo Sviluppo che sia in possesso delle seguenti caratteristiche:

  • diversificazione delle attività produttive e dei benefici ai soci, con la valorizzazione delle risorse presenti nel territorio;
  • declinazione operativa delle finalità di promozione e sviluppo della comunità territoriale;
  • servizi rivolti anche all’esterno della comunità, i cui guadagni sia poi investiti in favore della comunità e in attività socialmente utili alla stessa;
  • mix tra attività produttive e attività utili per la comunità;
  • indicatori di impatto sociale ed incremento occupazionale;
  • possesso di documentazione relativa ai rapporti con gli enti locali e partenariati pubblici e privati.
Leggi anche:  PSR Basilicata sottomisura 16.2, al via il bando che sostiene la realizzazione di progetti sperimentali nel settore agricolo, forestale e rurale

Cosa prevede il bando per le Cooperative di Comunità?

Le Cooperative di Comunità che saranno ammesse alla graduatoria finale potranno beneficiare di uno o più premi ed agevolazioni qui di seguito descritti, sino ad esaurimento delle risorse finanziarie disponibili. Segnatamente, i premi consistono in:

a) contributi ed interventi economici:

  • la somma di 5 mila euro quale premio di nascita per le Cooperative costituitesi nei 2 anni antecedenti la presentazione della domanda di adesione al bando;
  • l’abbattimento totale degli interessi applicati dalla Banca di Credito Cooperativo locale su un finanziamento non superiore a 30 mila euro per investimenti materiali e tecnologici e per richieste di circolante, oppure concessione di un mutuo di 30 mila euro da parte di Fondosviluppo, a condizioni agevolate;
  • contributo ai costi per servizi di consulenza e accompagnamento per la costituzione e gestione, entro un massimo di 2 mila euro annui per la durata massima di 3 anni.

b) messa a disposizione di una piattaforma condivisa delle buone pratiche alla quale partecipare attraverso la community Confcooperative;

c) affiancamento di un TUTOR dedicato, individuato tra gli agenti di sviluppo locale referenti delle Unioni territoriali.

La dotazione finanziaria stanziata a tal fine da Fondosviluppo ammonta a 500 mila euro.

Cosa fare per partecipare al bando per le Cooperative di Comunità?

Le Cooperative di Comunità potranno partecipare al bando esclusivamente attraverso la procedura di invio telematico inviando le domande all’indirizzo email [email protected], allegandovi tutta la documentazione richiesta sino al 31 marzo 2018.

L’iniziativa sopra delineata dà un concreto sostegno alle Cooperative di Comunità, il cui indiscutibile contributo nello sviluppo e valorizzazione del territorio rende più appetibile vivere nelle periferie d’Italia. Facendovi aiutare da un esperto in materia, assicuratevi di possedere tutti i requisiti necessari per la partecipazione al bando.

Leggi anche:  Bando OCM Vino Toscana 2018: contributi alla promozione internazionale del vino toscano

Approfondisci il bando per le Cooperative di Comunità.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Contattaci e un membro del nostro team ti spiegherà come fare




[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy