Nuovi contributi alle start up del Piemonte con l’Azione I.1b.4.1

Un fondo strategico messo a disposizione da Finpiemonte per aiutare le start up regionali a crescere e svilupparsi sul mercato.

Sintesi bando POR FESR Piemonte – Azione I.1b.4.1

Area geografica: Piemonte

Settore: imprenditoria

Dotazione finanziaria: 10 milioni di euro

Obiettivo: realizzazione di progetti di sviluppo delle start up nelle loro fasi di consolidamento e crescita

Beneficiari: imprese

Spese ammissibili: progetti di sviluppo contenuti nel business plan

Tipo di finanziamento: contributo a fondo perduto

Procedura di selezione: valutativa a sportello

Scadenza: non specificata

Approfondimento Bando

Dato che in Piemonte si registra una relativa concentrazione di start up iscritte all’apposita sezione speciale del Registro delle Imprese (quinto posto tra le regioni italiane), ma con una posizione di retroguardia se si considera il quoziente di densità rispetto alla popolazione, la Regione intende supportarne la crescita attraverso l’azione I.1b.4.1 Supporto ai programmi di consolidamento e crescita delle startup, in modo da facilitarne lo sviluppo nel mercato e in termini di organizzazione e fatturato.

Chi sono i beneficiari dell’azione I.1b.4.1 del POR FESR Piemonte?

Possono presentare la domanda le piccole imprese che si configurino come start up ai sensi dell’art 22 del Reg. (UE) 651/2014 e che posseggano i requisiti di impresa innovativa ai sensi del D.L. 179/2012 e s.m.i.  Il calcolo della dimensione d’impresa verrà effettuato includendo nelle verifiche l’impegno complessivo di investimento dei soci/investitori

Quali sono le spese ammissibili per l’azione I.1b.4.1 del POR FESR Piemonte?

Sono ammissibili i progetti di sviluppo presentati dalle start up e contenuti in un business plan, a condizione che la start up prospetti versamenti di capitale funzionali alla realizzazione del business plan, destinati a soci e/o investitori terzi per un importo almeno pari al 100% del contributo richiesto. Nell’ambito del business plan le attività del progetto di sviluppo per le quali viene richiesto il contributo devono essere separate da quelle che invece devono essere finanziate dai soci e/o investitori. Il business plan potrà durare al massimo 3 anni. I progetti dovranno essere coerenti con la S3 regionale, sia per quanto riguarda i settori di specializzazione che gli ambiti tecnologici relativi alle traiettorie trasversali, allo scopo di promuovere nuovi ambiti imprenditoriali che possano rappresentare occasioni ad alto potenziale di sviluppo.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Il contributo a fondo perduto va da un minimo di 150 mila euro e un massimo di 500 mila euro, soldi che possono coprire fino al 100% le spese ammissibili; il fondo è concesso solo se presente un investimento di capitale da parte di uno o più soci/investitori in misura almeno pari al contributo richiesto.

Come fare per partecipare ai contributi start up del Piemonte?

La domanda di agevolazione dovrà essere presentata nei tempi e con le modalità indicate nel bando di prossima pubblicazione.

Scarica la scheda tecnica dell’azione I.1b.4.1 del POR FESR Piemonte 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy