Finanziamenti a fondo perduto in Sicilia per il ripristino di terreni agricoli danneggiati

Pubblicate le disposizioni attuative della misura 5.2 PSR Sicilia 2014/20, con cui si intende supportare gli imprenditori agricoli nel ripristino del patrimonio rurale danneggiato da avversità e calamità naturali.
 
 

Sintesi del bando PSR Sicilia Sottomisura 5.2

Area geografica: Sicilia

Settore: agricolo

Dotazione finanziaria: 7 milioni e 500 mila euro

Obiettivo: ripristino di terreni e del potenziale produttivo danneggiati

Beneficiari: agricoltori e loro associazioni, enti pubblici

Spese ammissibili: costo degli interventi di ripristino del patrimonio rurale danneggiato

Tipo di finanziamento: contributo in conto capitale

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 10 gennaio 2019

Approfondimento Bando

Con la presente misura, la Regione Sicilia concede agli agricoltori finanziamenti a fondo perduto volti al ripristino dei terreni agricoli e del potenziale produttivo, danneggiati da avversità abiotiche (calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici) o biotiche (calamità naturali da fitopatie o epizoozie), al fine di riequilibrare il livello di competitività per quelle imprese che devono far fronte alle conseguenze derivanti da tali avversità.

A chi si rivolge la sottomisura 5.2 del PSR Sicilia?

Può richiedere i finanziamenti a fondo perduto l’imprenditore agricolo, solo o in associazione; possono partecipare al bando anche gli Enti pubblici ma solo per gli interventi relativi al ripristino delle infrastrutture danneggiate a servizio delle aziende agricole.

Ai fini di ammissibilità, l’azienda agricola oggetto dell’intervento deve essere ubicata all’interno della zona territoriale riconosciuta dalle Autorità competenti come colpita da un’avversità naturale; mentre i danni determinati dall’avversità devono aver causato la distruzione di almeno il 30% del potenziale produttivo.

Leggi anche:  Contributi alle imprese, così l’Emilia Romagna spinge la produttività delle aziende

Inoltre, i richiedenti dovranno dimostrare l’esistenza di un nesso di causalità fra gli eventi calamitosi ed il danno subito, nonché che le strutture danneggiate fossero efficienti e funzionali prima dell’evento e che lo stesso non sia stato causato dalla mancata manutenzione.

Quali sono le spese ammissibili per la sottomisura 5.2 del PSR Sicilia?

I finanziamenti a fondo perduto coprono le spese sostenute per la realizzazione di interventi quali:

  • ripristino di beni immobili ed infrastrutture ad uso aziendale, invasi ed impianti irrigui e della viabilità rurale;
  • ricostruzione/riparazione di impianti e macchine a servizio dell’attività agricola;
  • ricostituzione di colture pluriennali;
  • ricostituzione del patrimonio zootecnico danneggiato;
  • estirpo, distruzione dei residui infetti e reimpianto di colture affette da fitopatie.

Gli interventi di ripristino e ricostituzione del patrimonio rurale danneggiato devono essere, più in particolare, finalizzati a riportare la struttura nelle condizioni di efficienza nelle quali si trovava prima del verificarsi dell’evento.

Ammesse anche, nel limite massimo del 12% sulla spesa netta complessiva, le spese generali (studi di fattibilità, valutazioni d’impatto ambientale, etc.).

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Il finanziamento viene erogato sotto forma di contributo in conto capitale fino al 100% delle spese ammissibili.

La spesa minima ammissibile è pari a 10 mila euro (6 mila nel caso di fitopatie), mentre quella massima ammonta a 150 mila euro nel caso di avversità atmosferica assimilabile ad una calamità naturale e ad euro 400 mila nel caso di calamità naturale o evento catastrofico.

Nel quantificare l’ammontare del contributo concesso, si dovrà tener conto di tutti gli interventi compensativi di indennizzo ed assicurativi privati, riconosciuti per le stesse finalità da altre norme a livello nazionale e comunitario, che dovranno essere detratti dall’importo concedibile accertato.

Leggi anche:  Contributi apicoltura Abruzzo annualità 2018/2019

Come fare per partecipare alla sottomisura 5.2 del PSR Sicilia?

Le domande dovranno essere presentate online sul portale SIAN dal 10 agosto 2018 al 10 gennaio 2019, dopodiché si hanno a disposizione 10 giorni per presentare tutta la documentazione in formato cartaceo all’Ispettorato dell’agricoltura competente per territorio.

Scarica le disposizioni attuative della sottomisura 5.2 del PSR Sicilia 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Contattaci e un membro del nostro team ti spiegherà come fare




Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativaPolicy e privacy