Innovazione nelle aziende agricole? La Regione Sicilia dice sì con la sottomisura 16.2 del PSR Sicilia

Si può innovare e rinnovare uno dei settori più tradizionale della Sicilia programmando, stimolando le aziende a fare rete e ammodernando il loro sistema produttivo e gestionale. Questi gli obiettivi della nuova sottomisura firmata Regione Sicilia.

Sintesi bando PSR Sicilia – Sottomisura 16.2

Area geografica: Sicilia

Settore: agricoltura

Dotazione finanziaria: 4.160.000 euro

Obiettivo: aumentare la competitività delle aziende agricole rendendole innovative

Beneficiari: gruppi di cooperazione, poli e reti tra operatori del settore agricolo, forestale e agroalimentare

Spese ammissibili: costi per gli studi di zona, pianificazione delle strategie, spese per realizzare prototipi, siti web, materiale informativo e seminari

Tipo di finanziamento: contributo in conto capitale a fondo perduto, sotto forma di sovvenzione globale

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: non specificata

Approfondimento Bando

L’agricoltura è il cuore dell’economia siciliana, un settore che ancora oggi rappresenta una delle colonne portanti della Regione e che racchiude tutta la tradizione. Per questo bisogna investire risorse, accompagnare le aziende agricole a rinnovarsi ed essere competitive sul mercato. Su questa linea si muove la sottomisura 16.2Sostegno a progetti pilota e allo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie” del PSR Sicilia 2014-2020, con l’obiettivo di trasferire nelle aziende agricole, forestali e agroalimentari processi innovativi non ancora testati, di capitalizzare le risorse per abbassare i costi di produzione e rafforzare il rapporto tra agricoltura e ricerca. La cooperazione tra i vari soggetti per realizzare obiettivi comuni è il cuore del nuovo bando. Soltanto attraverso il confronto, la contaminazione e la realizzazione di co-progetti si può davvero parlare di innovazione.

Leggi anche:  Lombardia, nuovo bando per promuovere ricerca e innovazione tra le aziende

Chi può partecipare alla sottomisura 16.2 del PSR Sicilia?

Possono partecipare i seguenti soggetti:

  • gruppi di cooperazione tra operatori del settore agricolo, agroalimentare, forestale, cooperative e associazioni di produttori che creano insieme programmi per lo sviluppo rurale;
  • poli di nuova costituzione, dove per “polo” si intende un gruppo di almeno due imprese indipendenti (start-up, piccole, medie imprese e enti di ricerca), creato appunto per stimolare l’attività economica attraverso il “fare rete”, mettendo a disposizione competenze e conoscenza;
  • reti di nuova costituzione, cioè l’insieme di almeno due soggetti che intraprendono attività di carattere più generale.

Cooperazioni, poli e reti per essere ammessi al finanziamento devono:

  • essere formati da almeno due soggetti;
  • impegnarsi a costituirsi, qualora appunto non lo siano già, nelle forme previste dal bando dopo aver ricevuto il finanziamento;
  • presentare un progetto innovativo, descrivendo l’attività da svolgere, la problematica da risolvere con l’azione innovativa, la lista dei partecipanti, il cronoprogramma, il piano finanziario e le procedure da mettere in campo per la diffusione dei risultati (sito web, convegni, pubblicazione a stampa e così via);
  • essere dotati di un regolamento interno per garantire un corretto svolgimento delle attività.

Quali sono le spese ammissibili per la sottomisura 16.2 del PSR Sicilia?

Gli interventi ammissibili sono quelli che riguardano lo studio nel territorio interessato, la realizzazione di strategie e stesura di piani aziendali. E ancora, l’animazione della zona interessata, la programmazione di percorsi formativi, la cooperazione tra i vari soggetti e la realizzazione del progetto innovativo. Su questa linea, i costi ritenuti ammissibili sono quelli per:

  • studi della zona interessata, stesura di piani aziendali e piani di gestione;
  • animazione della zona interessata, ricerca di partner o promozione della formazione tra i membri della rete;
  • costituzione dell’aggregazione (per spese sostenute nei 12 mesi antecedenti alla presentazione della domanda);
  • personale, affitto di locali e attrezzature d’ufficio, hardware e software, realizzazione di volantini, brochure e in generale per il materiale informativo;
  • test e prove necessarie, attrezzature tecnico-scientifiche, investimenti materiali, consulenze esterne, brevetti e licenze, seminari, workshop, sito web.
Leggi anche:  PSR Sicilia 2014-2020: sostegno all'innovazione a favore del territorio isolano

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Il contributo concesso è pari al 100% delle spese ammissibili, che devono essere regolarmente documentate. Il bando finanzia progetti che non superano i 500 mila euro, concedendo un importo massimo di 200 mila euro nell’arco di 3 esercizi finanziari.

Quando il progetto prevede la realizzazione di prototipi, quindi parliamo di investimenti materiali, la sottomisura concede degli anticipi pari al 50% delle spese ammissibili.

Come presentare la domanda per accedere alla sottomisura 16.2 del PSR Sicilia?

Prima di presentare la domanda di sostegno, il legale rappresentante dell’aggregazione deve aggiornare il fascicolo aziendale. Poi, tramite il Sistema Informativo Agricolo Nazionale può inoltrare la domanda utilizzando l’apposito modulo allegato alla documentazione richiesta. La data di scadenza verrà precisata nel bando che verrà pubblicato a breve.

Scarica le disposizioni attuative della sottomisura 16.2 del PSR Sicilia 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy