PSR Sicilia 6.4.c: la Regione Sicilia sostiene lo sviluppo di attività extra agricole

Grazie all’operazione 6.4.c del PSR Sicilia, la Regione finanzia con 30 milioni di euro le attività extra agricole nei settori commercio, artigianato, turismo, servizi e innovazione tecnologica.

In Italia le zone rurali sono quelle che hanno subito maggiormente gli effetti della recessione: chiusura delle attività, perdita di posti di lavoro e calo della competitività dei prodotti locali sono state solo alcune delle conseguenze che gli abitanti di questi territori, già per loro natura ostili, hanno dovuto subire.

A dare sostegno alle zone rurali ci ha pensato il PSR (Programma di Sviluppo Rurale), le cui risorse sono state destinate proprio a favorire la diversificazione, la creazione e lo sviluppo di piccole imprese e la creazione di posti di lavoro. La Regione Sicilia sfruttando le risorse messe a disposizione dal fondo, ha messo in campo l’operazione 6.4.cSostegno per la creazione o sviluppo di imprese extra agricole nei settori commercio – artigianale – turistico – servizi – innovazione tecnologica”. Obiettivo: sostenere tutte quelle attività che possano in qualche modo diversificare l’economia delle zone rurali, che dipendono fortemente dall’agricoltura, attraverso servizi che possano valorizzare le peculiarità culturali, geografiche, enogastronomiche dell’isola.

A chi è destinato il bando per lo sviluppo di attività extra agricole?

Possono partecipare gli imprenditori agricoli e i coadiuvanti familiari (ossia i familiari che lavorano nell’azienda), persone fisiche e micro e piccole imprese.

Per poter presentare domanda è necessario essere dotati di determinati requisiti:

  • possedere il fascicolo aziendale, anche anagrafico;
  • presentare un Piano di Sviluppo Aziendale che dovrà dimostrare la sostenibilità economica e finanziaria del progetto;
  • essere iscritti alla Camera di Commercio.

In che cosa consiste l’operazione 6.4.c del PSR Sicilia?

L’operazione 6.4.c del PSR Sicilia incentiva e sostiene attività extra agricole utili ad incrementare turismo e conseguente occupazione, ponendo particolare attenzione ai servizi alla persona e ad attività innovative che siano in grado di contrastare lo spopolamento dei territori rurali. I finanziamenti sono ammissibili esclusivamente nelle zone rurali C e D, e rispettive sotto categorie.

Leggi anche:  Bonus commercianti: tornano gli incentivi per la rottamazione

Per poter finanziare questo tipo di attività sono stati stanziati 20 milioni di euro, che saranno utilizzati per progetti di:

  • attività di B&B;
  • valorizzazione di prodotti artigianali e industriali;
  • interventi per creazione e lo sviluppo di attività commerciali;
  • servizi turistici, servizi ricreativi, di intrattenimento, servizi per l’integrazione sociale in genere servizi di manutenzione ambientale, per la fruizione di aree naturali quali Natura 2000, Parchi o Riserve.

Tra le spese considerate ammissibili (dopo la presentazione della domanda) troviamo, ad esempio, quelle per realizzare opere ed interventi ristrutturazione e riqualificazione di immobili destinati alle attività di B&B e altre attività previste per le imprese extra agricole, quelle per realizzare prodotti artigianali ed industriali, quelle per servizi di guida ed informazione per musei e beni culturali, riserve, parchi.
Gli aiuti previsti sono del 75% delle spese ammissibili per un valore massimo per singolo progetto di 200 mila euro in 3 anni; l’importo minimo concedibile invece è del valore di 30 mila euro a progetto.

A seconda del tipo di intervento ci sono dei massimali di spesa ammissibili:

  • per gli immobili è di 520 euro per ogni mc. di fabbricato interessato all’intervento;
  • per B&B arredi e corredi per ogni camera doppia l’importo è di 7,5 mila euro, da decurtare del 20% nel caso di camera singola o da incrementare del 15% per ogni letto aggiunto;
  • per l’acquisto di biciclette per cicloturismo è previsto un massimo di 10 biciclette al costo non superiore a 200 euro caduna;
  • per l’acquisto di veicoli per il trasporto delle persone, l’importo è di 35 mila euro complessivi.

Come si presenta la domanda del Bando per lo sviluppo di attività extra agricole?

La domanda dovrà essere redatta online tramite il portale SIAN dal 27 ottobre 2017 al 20 febbraio 2018, stampata, sottoscritta e inviata, entro i 10 giorni successivi alla data di rilascio informatico, all’Assessorato dell’Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea – Dipartimento Agricoltura – Ispettorato dell’Agricoltura provinciale competente per territorio, in base alla localizzazione dell’immobile oggetto dell’intervento. La spedizione potrà avvenire a mezzo raccomandata, corriere o a mano. Tra i documenti da allegare alla domanda vi sono:

  • copia del documento d’identità;
  • autorizzazione del proprietario/comproprietario del fondo o immobile ad effettuare l’investimento;
  • dichiarazione attestante l’iscrizione al Registro delle Imprese;
  • dichiarazione di non aver beneficiato di altri aiuti in regime de minimis;
  • scheda di validazione del fascicolo aziendale aggiornata;
  • relazione tecnica analitica relativa a tutte le opere di progetto;
  • piano di sviluppo aziendale;
  • elaborati grafici delle opere da realizzare.
Leggi anche:  In Friuli Venezia Giulia, contributi per la rimozione dell’amianto dagli edifici di imprese

Accedere ai fondi che il bando mette a disposizione non è semplice: molti sono i documenti da presentare, e sopratutto quelli di natura tecnica necessitano l’assoluta presenza di un supporto specialistico. Chi è interessato a mettersi in gioco può consultare uno specialista per avere la possibilità di sviluppare nuove attività che possono permettere la crescita, non solo personale, ma anche del proprio territorio.

Approfondisci l’operazione 6.4.c del PSR Sicilia.

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook