PSR Sicilia misura 10: un aiuto concreto per l’ambiente

Aggiornamento del 31 maggio 2019

La Regione Sicilia ha deciso, con avviso protocollato n.25835 del 29 maggio 2019 e avviso protocollato n. 25842 del 29 maggio 2019, di prorogare la scadenza delle sottomisure 10.1.e e 10.1.h al 17 giugno 2019.


La Regione aiuta gli imprenditori sostenibili attraverso diverse operazioni destinate alla salvaguardia e alla valorizzazione delle risorse naturali del territorio.

Agire nel rispetto dell’ambiente è diventata un’esigenza imprescindibile. Frane, alluvioni, inquinamento dei corsi d’acqua, flora e fauna alla mercé delle incurie dell’uomo è la quotidianità dei nostri giorni.

Adesso più di ogni altro momento storico agire per l’equilibrio e la tutela ambientale, nel rispetto della sostenibilità, è un impegno dal quale nessuno può esimersi. In quest’ambito la Regione Sicilia ha attivato la Misura 10 del Piano di Sviluppo Regionale “pagamenti agro-climatico-ambientali” allo scopo di perseguire trasversalmente la salvaguardia dell’ambiente in relazione anche ai cambiamenti climatici grazie a diverse opportunità e progetti finanziabili per gli eco-imprenditori; possono, infatti partecipare al bando, tutti quei soggetti che sono attenti all’ambiente e che nel rispetto di esso adottano pratiche agricole opportune e innovative tecniche di gestione aziendale per realizzare progetti di salvaguardia e valorizzazione delle risorse territoriali: acqua, suolo, aria e biodiversità.

La Misura 10 è suddivisa in diverse aree d’intervento e che inglobano in sé molteplici attività da mettere in campo per tutelare il nostro territorio. Si suddivide in 2 sottomisure, la 10.1 e la 10.2 e in diverse operazioni:

  • sottomisura 10.1.a: Produzione Integrata
  • sottomisura 10.1.b: Metodi di gestione delle aziende eco-sostenibili
  • sottomisura 10.1.c: Conversione e mantenimento dei seminativi in pascoli permanenti
  • sottomisura 10.1.d: Salvaguardia e gestione del paesaggio tradizionale e delle superfici terrazzate per il contrato all’erosione e al dissesto idrogeologico
  • sottomisura 10.1.e: Ritiro delle superfici lungo i corsi d’acqua
  • sottomisura 10.1.f: Adozione di tecniche di agricoltura conservativa
  • sottomisura 10.1.g: Allevamento di razze in pericolo di estinzione
  • sottomisura 10.1.h: mantenimento dei campi degli agricoltori custodi
  • sottomisura 10.2.a: conservazione delle risorse genetiche vegetali in agricoltura
  • sottomisura 10.2.b: conservazione delle risorse genetiche animali in agricoltura

In questo momento sono state attivate le disposizioni attuative relative alle operazioni che vanno dalla 10.1.a alla 10.1.h esclusa la 10.1.d

Direttive comuni per le operazioni del PSR Regione Sicilia

Possono fare richiesta di contributi gli agricoltori sia singoli che associati. Il potenziale beneficiario dovrà dimostrare, al momento della presentazione della domanda, la disponibilità delle superfici per tutto il periodo dell’impegno, documentandone la proprietà o mostrando un contratto d’affitto o di comodato d’uso, da cui si evinca tra l’altro anche la relativa data di scadenza. Questa disponibilità deve essere dimostrata per tutte le operazioni citate sopra (quindi la 10.1.a, 10.1.b, 10.1.c, 10.1.e, 10.1.f, e 10.1.h) ad esclusione dell’operazione 10.1.g.

I beneficiari degli aiuti, inoltre, pena decadenza dei benefici stessi, dovranno garantire impegno e proseguo delle attività nel rispetto del territorio e dell’equilibrio ambientale. Continuare, quindi, nella loro attività agricola e/o di allevamento nelle aree cui si riferisce il sostegno, mantenere condizioni idonee al terreno nel rispetto delle norme comunitarie; usare in modo parsimonioso e nel rispetto delle norme di settore l’uso di fertilizzanti e dei prodotti fitosanitari; mantenere le colture permanenti, garantire la biodiversità, buone condizioni alle piante, sicurezza alimentare, benessere degli animali, prevenire la formazione di potenziali incendi.
Oltre tutto ciò è fondamentale avere costituito il Fascicolo Aziendale.

Queste che vi abbiamo descritto sono le disposizioni comuni delle varie operazioni, le quali poi devono essere attivate tramite il bando, ossia l’atto formale con il quale si stabilisce l’apertura dei termini per la presentazione delle domande e che indica in maniera specifica le modalità di accesso e selezione, i fondi disponibili, le percentuali di contribuzioni e i vincoli e le limitazioni.

In questo momento gli unici bandi emanati riguardano le operazioni 10.1.e, 10.1.h. Di seguito una breve sintesi dei due bandi.

Operazione 10.1.e: “ritiro dei seminativi lungo il corso d’acqua”

Obiettivo è quello di incentivare gli agricoltori a tutelare le risorse idriche del territorio tramite il ritiro dei seminativi lungo i corsi d’acqua. Gli agricoltori, singoli e/o associati, quali beneficiari dell’operazione, dovranno dimostrare la disponibilità delle superfici per tutto il periodo dell’impegno, e cioè 7 anni. Tra gli interventi ammissibili segnaliamo gli investimenti per la sosta della fauna stanziale e migratoria con creazione di siti di nidificazione della fauna selvatica e formazioni vegetali ripariali; recupero, creazione e ripristino di biotopi, habitat naturali e naturalistici terrestri, acquatici e ripariali mediante interventi di riqualificazione ambientale, rinaturalizzazione e antierosivi; strutture funzionali alla diffusione della fauna selvatica come manufatti indirizzati al riparo delle specie selvatiche vertebrate ed invertebrate o passaggi sicuri per la fauna; investimenti di ingegneria naturalistica, necessari per motivi ambientali; creazione di boschetti, macchia mediterranea; ecc.

Il sostegno sarà concesso sotto forma di premio annuale per ettaro di superficie.

Sintesi del bando PSR Sicilia – Operazione 10.1.e

Area geografica: SiciliaSettore: agricoltura

Dotazione finanziaria: 928.600,00 € per il 2019

Obiettivo: tutela delle risorse idriche

Beneficiari: agricoltori

Spese ammissibili: investimenti di ripristino e riparo della fauna, creazione di boschetti, opere di ingegneria naturalistica

Tipo di finanziamento: premio annuale per ettaro di superficie,

Procedura di selezione: non sono previsti criteri di selezione

Scadenza: 15 maggio 2019

Operazione 10.1.h: “mantenimento dei campi degli agricoltori custodi”

Scopo dell’operazione è quella sostenere gli agricoltori custodi che si impegnano a recuperare e salvaguardare le risorse genetiche vegetali; per agricoltori custodi si intende un soggetto privato che eserciti, a qualsiasi titolo, la pratica agricola nell’ambito del territorio regionale e che s’impegni a provvedere alla conservazione di varietà del germoplasma frutticolo siciliano. I beneficiari per poter godere di un sostegno annuale sotto forma di premio ad ettaro, devono mantenere l’impegno per 7 anni consecutivi; l’importo cambia a seconda del metodo di coltivazione convenzionale (1.341 €/ha) o biologico (1.690 €/ha).

Sintesi del bando PSR Sicilia – Operazione 10.1.h

Area geografica: Sicilia

Settore: agricoltura

Dotazione finanziaria: 200 mila euro

Obiettivo: tutela della biodiversità siciliana

Beneficiari: agricoltori custodi

Spese ammissibili: investimenti per la coltivazione e il mantenimento di varietà del germoplasma frutticolo siciliano

Tipo di finanziamento: premio annuale per ettaro di superficie,

Procedura di selezione: non sono previsti criteri di selezione

Scadenza: 15 maggio 2019

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattarci





[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy