Formazione strategica, così la Toscana supporta l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro

Dal settore della moda a quello nautico passando per la valorizzazione della riconversione professionale, necessaria per rendere la forza lavoro adeguata alle esigenze attuali delle imprese. Così la Regione Toscana punta su tre aspetti: formazione, crescita e aumento dell’occupazione, per stimolare quei progetti formativi in grado di spingere lo sviluppo territoriale.

La Regione Toscana ha pubblicato 6 bandi all’interno Por Fse 2014-2020, cofinanziati dal fondo europeo e in particolare dalle risorse assegnate per incentivare la crescita e l’occupazione. Si tratta di una manovra che rientra nel progetto Giovanisì, cioè l’iniziativa messa in atto dalla Toscana per sostenere l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro.

Parliamo di 5 bandi che incoraggiano la realizzazione di progetti di formazione strategica sulle filiere produttive toscane (moda, nautica e logistica, Information communication technologies, chimica-farmaceutica e multifiliera) e un avviso pubblicato per incentivare la riconversione professionale. I percorsi dovranno essere realizzati per formare tecnici o responsabili in aree previste dal Repertorio Regionale delle Figure Professionali (RRFP) e finalizzati al conseguimento di una certificazione o attestato.

Ecco in sintesi i sei bandi promossi dalla Regione Toscana.

  • Finanziamenti per la formazione nella filiera Moda. Un ambito che ha subito profondi cambiamenti, dovuti anche all’effetto della globalizzazione, e che oggi deve cercare di incastrare i mutamenti culturali con gli strumenti innovativi della tecnologia e i valori per la tradizione, che si ritrovano nella classica dimensione della manifatturiera. Un processo quindi che richiede figure altamente qualificate, in grado di apportare la propria competenza per favorire l’estensione dei prodotti oltre i confini territoriali e/o nazionali. Sono tre le macro aree di intervento individuate dal bando: tessile, abbigliamento, calzature e pelli; lavorazioni orafe e gioielleria; sistema casa e arredamento. La dotazione finanziaria per questo bando è di 2 milioni 960 mila euro.
  • Finanziamenti per la formazione nella filiera Nautica e Logistica. Il presente bando ha lo scopo di formare figure che possano inserirsi all’interno delle due sotto-filiere produttive, Nautica diporto e Sistema portuale/logistica, che sono in Toscana ambiti ad alto contenuto strategico. La prima area è in grado di fornire risultati d’eccellenza nella produzione artigianale e industriale della cantieristica navale, con particolare attenzione al segmento dei mega-yachts e con un forte orientamento all’innovazione e allo sviluppo. La seconda, invece, ha lo scopo di fornire servizi efficienti di accoglienza in porto e a terra. A tal proposito, diventa stratetico formare e aggiornare il capitale umano operante in tale settore. La dotazione finanziaria per questo bando è di 740 mila euro.
  • Finanziamenti per la formazione nella filiera Information communication technologies (ICT). Il settore dell’Information communication technologies rappresenta in Toscana uno dei settori a più alto contenuto strategico, poiché fornisce, dopo un processo di trasformazione, prodotti e servizi al settore economico. L’obiettivo del bando è formare personale in grado di saper integrare le esigenze del comparto industriale già esistente con lo sviluppo e l’internazionalizzazione del settore, grazie anche all’innovazione e l’incremento della competitività. La dotazione finanziaria per questo bando è di 3 milioni e 700 mila euro.
  • Finanziamenti per la formazione nella filiera Chimica e Farmaceutica. Il settore chimico e farmaceutico è per l’economia locale un’area di punta, che unisce l’innovazione delle imprese farmaceutiche e la tradizione manifatturiera del comparto chimico, i quali prodotti trovano impiego nei vari settori industriali e del made in Italy. Questa è il motivo per cui la Toscana si pone l’obiettivo di finanziare progetti in grado di formare capitale umano da impiegare nel settore. La dotazione finanziaria per questo bando è di 1 milione e 160 mila euro.
  • Finanziamenti per progetti formativi strategici Mutifiliera. Il presente bando intende finanziare progetti in grado di formare capitale umano da inserire nei vari contesti aziendali. In particolare, l’obiettivo è sviluppare personale, le cui competenze siano in grado di rispondere alle necessità del settore manifatturiero locale, così da renderlo espandibile oltre i confini locali e capace di allinearsi con i paradigmi dell’industria 4.0. Le filiere sono quelle del: Agribusiness, Marmo, Meccanica ed Energia, Turismo e Cultura, Trasversale. La dotazione finanziaria per questo bando è di 2 milioni e 960 mila euro.
  • Finanziamenti per progetti formativi di riconversione professionale. Essere in grado di rispondere alle esigenze del mercato attuale, che ha subito e continua a subire cambiamenti innovativi, economici e tecnologici. Per far questo, dunque, anche la forza lavoro deve essere in grado di adattarsi alle necessità, formarsi costantemente e conoscere le dinamiche e gli aspetti strategici dei vari settori produttivi. Ritornare in aula, studiare e apprendere non deve essere visto come una forma di fallimento, ma come un modo per valorizzare il sapere e applicarlo all’esigenza dell’economia odierna. Questo è l’obiettivo del bando, che mira a formare Tecnici e Responsabili con un attestato che ne certifichi le competenze. La dotazione finanziaria per questo bando è di 1 milione e 480 mila euro.
Leggi anche:  La Regione Campania punta sull'occupazione di qualità

 

Sintesi dei bandi POR FSE Toscana 2014-2020 sulla formazione strategica

Area geografica: Toscana

Settore: formazione nell’ambito della moda, nautica e logistica, Information communication technologies, chimica-farmaceutica e multifiliera

Dotazione finanziaria: varia a seconda dei bandi

Obiettivo: formare figure altamente qualificate in grado di rispondere alle esigenze dei diversi settori

Beneficiari: associazioni temporanee di imprese o di scopo, composte da massimo 5 soggetti. All’interno dell’aggregazione deve esserci almeno un organo formativo accreditato e un’impresa che sia presente sul territorio toscano. Il partenariato può essere facoltativamente integrato da Istituti di Istruzione Superiore, Università e Fondazioni ITS, aventi sede nel territorio regionale e Associazioni di categoria, in coerenza con la filiera considerata

Spese ammissibili: spese per la realizzazione della formazione strategica

Tipo di finanziamento: anticipo di una quota pari al 40% all’avvio del progetto; successivi rimborsi del 90% e saldo a conclusione del progetto

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 15 giugno 2018

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Contattaci e un membro del nostro team ti spiegherà come fare




[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy