PSR Toscana sottomisura 3.2: contributi per la promozione di prodotti di qualità

Valorizzazione e promozione anche oltralpe dei prodotti toscani nel settore delle produzioni Dop e Igp, dei vini Doc, Docg e Igt, del bio e dell’Agriqualità.
 
 
 

Sintesi bando PSR Toscana Sottomisura 3.2

Area geografica: Toscana

Settore: agroalimentare

Dotazione finanziaria: 1 milione e 80 mila euro

Obiettivo: sviluppo delle produzioni di qualità a livello nazionale ed internazionale

Beneficiari: associazioni di produttori

Spese ammissibili: attività di comunicazione, promozione ed informazione

Tipo di finanziamento: contributo a fondo perduto

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 30 novembre 2018

Approfondimento bando

Con la Sottomisura 3.2 “Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno” la regione Toscana vuole dare una spinta al proprio mercato di prodotti di qualità. Finalità del bando è infatti sostenere economicamente attività di promozione, comunicazione ed informazione di quelle associazioni di produttori che operano nei mercati delle produzioni Dop e Igp, dei vini Doc, Docg e Igt, del bio e dell’Agriqualità. In questo modo si cerca di rafforzare la conoscenza delle produzioni di qualità della Toscana partendo dal mercato interno, passando da quello nazionale fino ad arrivare a quello europeo, dove i prodotti regionali sono ancora poco affermati.

A chi si rivolge la sottomisura 3.2 del PSR Toscana?

Possono partecipare al bando le associazioni di produttori, iscritte alla Camere di commercio, che partecipano attivamente ad uno o più sistemi di qualità alimentare previsti dal bando e la cui area di produzione ricade tutta o in parte in Toscana.

Per poter accedere ai contributi è necessario che i potenziali richiedenti siano in regola con tutta la normativa contributiva e previdenziale, ma soprattutto siano in regola nei confronti della legge civile e penale (non devono essere stati condannati per reati o non devono essere in stato di fallimento, ecc..).

Leggi anche:  Bando Fare Lazio, al via con il Fondo Rotazione per agevolare le piccole imprese ad accedere al credito

Quali sono le spese finanziate dal bando PSR Toscana sottomisura 3.2?

Possono essere finanziate le spese per:

  • organizzazione e partecipazione a fiere di settore;
  • attività di informazione e di comunicazione;
  • attività di comunicazione presso punti vendita al dettaglio (Gdo, discount, ecc.);
  • attività di promozione a carattere pubblicitario attraverso i canali della comunicazione;
  • spese generali.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Il budget che la sottomisura 3.2 della Regione Toscana mette a disposizione ammonta a 1 milione e 80 mila euro.

L’importo massimo del contributo concedibile per ogni istanza e di 200 mila euro, mentre la soglia minima è fissata a 30 mila euro.

La percentuale di contribuzione è fissata al 70% per tutte le tipologie di interventi, incluse le spese generali.

Quando e come può essere presentata la domanda?

La domanda deve essere presentata sul portale di Artea entro il 30 novembre 2018.

Scarica il bando della sottomisura 3.2 del PSR Toscana 2014-2020.