PSR Toscana sottomisura 3.2: contributi per la promozione di prodotti di qualità

Valorizzazione e promozione anche oltralpe dei prodotti toscani nel settore delle produzioni Dop e Igp, dei vini Doc, Docg e Igt, del bio e dell’Agriqualità.
 
 
 

Sintesi bando PSR Toscana Sottomisura 3.2

Area geografica: Toscana

Settore: agroalimentare

Dotazione finanziaria: 1 milione e 80 mila euro

Obiettivo: sviluppo delle produzioni di qualità a livello nazionale ed internazionale

Beneficiari: associazioni di produttori

Spese ammissibili: attività di comunicazione, promozione ed informazione

Tipo di finanziamento: contributo a fondo perduto

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 30 novembre 2018

Approfondimento bando

Con la Sottomisura 3.2 “Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno” la regione Toscana vuole dare una spinta al proprio mercato di prodotti di qualità. Finalità del bando è infatti sostenere economicamente attività di promozione, comunicazione ed informazione di quelle associazioni di produttori che operano nei mercati delle produzioni Dop e Igp, dei vini Doc, Docg e Igt, del bio e dell’Agriqualità. In questo modo si cerca di rafforzare la conoscenza delle produzioni di qualità della Toscana partendo dal mercato interno, passando da quello nazionale fino ad arrivare a quello europeo, dove i prodotti regionali sono ancora poco affermati.

A chi si rivolge la sottomisura 3.2 del PSR Toscana?

Possono partecipare al bando le associazioni di produttori, iscritte alla Camere di commercio, che partecipano attivamente ad uno o più sistemi di qualità alimentare previsti dal bando e la cui area di produzione ricade tutta o in parte in Toscana.

Leggi anche:  Finanziamenti per liberi professionisti in Emilia Romagna

Per poter accedere ai contributi è necessario che i potenziali richiedenti siano in regola con tutta la normativa contributiva e previdenziale, ma soprattutto siano in regola nei confronti della legge civile e penale (non devono essere stati condannati per reati o non devono essere in stato di fallimento, ecc..).

Quali sono le spese finanziate dal bando PSR Toscana sottomisura 3.2?

Possono essere finanziate le spese per:

  • organizzazione e partecipazione a fiere di settore;
  • attività di informazione e di comunicazione;
  • attività di comunicazione presso punti vendita al dettaglio (Gdo, discount, ecc.);
  • attività di promozione a carattere pubblicitario attraverso i canali della comunicazione;
  • spese generali.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Il budget che la sottomisura 3.2 della Regione Toscana mette a disposizione ammonta a 1 milione e 80 mila euro.

L’importo massimo del contributo concedibile per ogni istanza e di 200 mila euro, mentre la soglia minima è fissata a 30 mila euro.

La percentuale di contribuzione è fissata al 70% per tutte le tipologie di interventi, incluse le spese generali.

Quando e come può essere presentata la domanda?

La domanda deve essere presentata sul portale di Artea entro il 30 novembre 2018.

Scarica il bando della sottomisura 3.2 del PSR Toscana 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Contattaci e un membro del nostro team ti spiegherà come fare




Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativaPolicy e privacy