Regione Toscana, incentivi per la promozione sui mercati dei prodotti di qualità

La Regione Toscana ha pubblicato un bando attuativo della sottomisura 3.2 finalizzato al sostegno delle attività di informazione e promozione dei prodotti alimentari di qualità. Lo scopo è quello di sostenere le associazioni di agricoltori che svolgono attività di informazione e promozione nell’ambito del mercato dell’UE, per incrementare la conoscenza dei prodotti DOP ed IGP, dei vini DOC, DOCG ed IGT, dell’agricoltura biologica e dell’agriqualità.

La sottomisura 3.2 ha inoltre lo scopo di rafforzare la partecipazione degli operatori agricoli alle filiere, organizzando campagne promozionali unitarie che consentano l’accesso anche delle piccole e medie imprese.
Nel caso di denominazione di origine, il presente bando sosterrà le attività di informazione che si focalizzeranno sul legame dei prodotti con il territorio di origine, evidenziando inoltre i costi sostenuti dagli agricoltori per mantenere precisi standard qualitativi, come disciplinato dalla normativa UE.

Beneficiari

La sottomisura 3.2 è rivolta alle Associazioni di Produttori che raggruppano più operatori che operano in determinati ambiti di intervento; possono presentare domanda tutte le organizzazioni con qualsiasi forma giuridica che esercitano nella regione Toscana.
In particolare possono essere ammessi:

  • consorzi di tutela rappresentativi di un prodotto registrato ai sensi del Regolamento dell’ Unione Europea n. 1151/2012;
  • associazioni di imprese costituite a qualsiasi titolo, rappresentative di un prodotto registrato;
  • consorzio di tutela per i vini tutelati ai sensi del Regolamento dell’Unione Europea n. 1308/2013;
  • in mancanza di consorzio di tutela per i vini, possono partecipare le associazioni di imprese a qualsiasi titolo costituite;
  • associazioni di imprese con almeno 10 operatori iscritti nell’elenco della Regione Toscana come operatori biologici;
  • associazioni di imprese con almeno uno dei concessionari in possesso del marchio di Agriqualità.
Leggi anche:  Pacchetto giovani Molise: aiuti per l'insediamento al settore agricolo con la sottomisura 6.1

Termini

La domanda per il finanziamento deve essere compilata sulla piattaforma gestionale “Anagrafe Artea” presente sul sito www.artea.toscana.it e deve essere inviata esclusivamente attraverso la procedura informatizzata. La domanda può essere presentata sin dal giorno successivo alla pubblicazione del bando e non oltre le 13.00 del 30 Novembre 2016.

Interventi

Gli incentivi della Regione Toscana sono destinati a:

  • organizzazione e partecipazione a fiere (affitto di spazi espositivi, allestimento stand e progettazione)
  • attività di informazione (materiale informativo, distribuzione e progettazione, cartellonistica ed affissioni)
  • comunicazione presso i punti vendita (realizzazione gadget ed oggetti)
  • noleggio attrezzature;
  • spese di trasporto;
  • sviluppo siti web, pagine dei social network;
  • sviluppo applicazioni informatiche;
  • progettazione e realizzazione video pubblicitari.

Tutti gli interventi di promozione per essere finanziati devono essere svolti all’interno del territorio dell’Unione Europea.

Durata degli interventi

L’attività finanziata deve iniziare il giorno successivo alla ricezione della domanda, e con ciò si intendono tutte le attività dimostrabili che verranno effettuate per realizzare il progetto, come ad esempio acquisto attrezzature, spese di trasporto, etc.
Le attività di informazione devono essere programmate per un periodo non inferiore ai 18 mesi e devono concludersi entro il termine stabilito dal Contratto per l’assegnazione dei contributi.

Dotazione finanziaria

La regione Toscana per le attività di informazione e promozione dei prodotti alimentari di qualità ha stanziato un milione di euro per l’anno 2016. Per ogni domanda di aiuto è previsto un contributo minimo di 30 mila euro fino ad un massimo di 200 mila euro.

Contratto per l’assegnazione

Dopo l’invio della domanda sarà stilata una graduatoria di priorità, che si baserà sui punteggi ottenuti secondo i criteri stabiliti all’interno del bando.
A seguito di una valutazione positiva della domanda di sostegno verrà predisposto un Contratto per l’assegnazione dei contributi che deve contenere tassativamente alcuni elementi:

  • importo e descrizione degli investimenti;
  • dati del beneficiario;
  • importo del contributo assegnato;
  • informazioni riguardanti le spese sostenute e l’avanzamento dei lavori;
  • indicazione dei termini e delle modalità per richiedere delle varianti o proroghe al progetto;
  • indicazione del termine per la presentazione della domanda di pagamento.
Leggi anche:  Compensi lavoro occasionale: nuove causali contributo per il Modello F24

La Regione Toscana ha deciso di concedere questo incentivo alle associazioni di agricoltori per aiutarli a sostenere campagne informative e promozionali e valorizzare così i propri prodotti alimentari di qualità.

Info: Bando

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook