In arrivo nuovi contributi a sostegno di attività forestali con il PSR Trento 2014-2020

Ben cinque i bandi aperti a sostegno di specifici interventi per lo sviluppo e la salvaguardia del patrimonio forestale, con contributi dal 35 al 100% delle spese ammissibili, richiedibili dai proprietari forestali, sia pubblici che privati, e dalle ditte boschive entro il 30 aprile 2018.
 

Sintesi del bando PSR Trento – Attività forestali

Area geografica: Provincia Autonoma di Trento

Settore: forestale

Dotazione finanziaria: 6,1 milioni circa complessivi

Obiettivo: promuovere lo sviluppo, la salvaguardia e la valorizzazione delle foreste

Beneficiari: proprietari e gestori di terreni, pubblici e privati

Spese ammissibili: varie, a seconda dell’operazione prescelta

Tipo di finanziamento: contributo in conto capitale/fianziamento

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 30 aprile 2018

Approfondimento Bando

Al fine di promuovere lo sviluppo, la salvaguardia e la valorizzazione delle foreste, la Provincia Autonoma di Trento ha pubblicato, nell’ambito del PSR Trento 2014/2020, ben 5 bandi di finanziamento, volti a sostenere i seguenti interventi:

  1. Operazione 4.3.2: Viabilità forestale (dotazione finanziaria 1,7 milioni di euro circa);
  2. Operazione 4.4.1: Recupero habitat in fase regressiva (dotazione finanziaria 1 milione di euro);
  3. Operazione 4.4.2: Recinzioni tradizionali in legno, risanamento di recinzioni in pietra, prevenzione di danni da lupo e da orso (dotazione finanziaria 900 mila euro);
  4. Operazione 8.5.1: Interventi selvicolturali di miglioramento strutturale e compositivo non remunerativi (dotazione finanziaria 1,9 milioni di euro circa);
  5. Operazione 8.6.1: Sostegno agli investimenti per l’acquisto di mezzi e attrezzature forestali (dotazione finanziaria 530 mila euro circa).

In relazione a ciascun bando, vediamo quali sono gli interventi ammissibili a contributo e i soggetti legittimati a richiederli, precisando sin da adesso come essi siano realizzabili anche cumulativamente.

A chi si rivolge il PSR Trento – Attività forestali?

Possono beneficiare dei contributi:

  • Operazione 4.3.2 – Viabilità forestale:
    1. i Comuni, le Amministrazione separate di beni di uso civico e le proprietà collettive a uso pubblico;
    2. le proprietà collettive private, associazioni, consorzi ed ogni altra tipologia di gestori di infrastrutture, purché siano a uso pubblico.
  • Operazione 4.4.1 – Recupero habitat in fase regressiva:
    1. i proprietari dei terreni e loro associazioni;
    2. i titolari della gestione dei terreni (sulla base di atto scritto);
    3. i consorzi di miglioramento fondiario.
  • Operazione 4.4.2 – Recinzioni:
    1. proprietari di superfici silvopastorali e loro associazioni;
    2. i titolari della gestione dei terreni (sulla base di atto scritto);
    3. i consorzi di miglioramento fondiario;
    4. apicoltori.
  • Operazione 8.5.1 – Interventi selvicolturali non remunerativi:
    1. proprietari di terreni e loro associazioni;
    2. i titolari della gestione dei terreni (sulla base di atto scritto);
    3. i consorzi di miglioramento fondiario;
  • Operazione 8.6.1 – Sostegno agli investimenti:
    1. silvicoltori privati o comuni e loro associazioni;
    2. piccole e medie imprese iscritte all’elenco provinciale delle imprese forestali istituto presso la CCIA di Trento;
    3. piccole e medie imprese specializzate professionalmente nella manutenzione del patrimonio silvopastorale.
Leggi anche:  PSR Sardegna Sottomisura 16.4: in arrivo finanziamenti per lo sviluppo delle filiere corte

Quali sono le spese ammissibili al PSR Trento – Attività forestali?

Sono ammesse al contributo previsto dall’Operazione 4.3.2 – Viabilità forestale i seguenti interventi:

  • adeguamento della viabilità forestale esistente e classificata, che porti ad un significativo miglioramento dell’intera strada sia in termini di sicurezza del transito che di tempi di percorrenza dei mezzi;
  • costruzione di nuova viabilità forestale;
  • adeguamento e sistemazione del piano viabile di sentieri forestali esistenti, compreso il consolidamento di relative rampe, preferibilmente con tecniche di bio ingegneria, esclusi i sentieri SAT;
  • ampliamento o nuova realizzazione di piazzali forestali e di altre strutture fisse per l’esbosco.

L’Operazione 4.4.1 – Recupero habitat in fase regressiva ammette a contributo i seguenti interventi:

  • interventi per il recupero di habitat in fase regressiva in ambienti pascolivi attraverso operazioni di trinciatura, sfalcio, decespugliamento, pareggiamento di superfici, spietramento, semina con specie locali e taglio alberi;
  • interventi per la conservazione e l’aumento della biodiversità di aree di valenza naturalistica mediante il restauro o la realizzazione di piccole aree umide anche ai fini dell’abbeveraggio degli animali e della fitodepurazione dell’acqua;
  • interventi accessori a quelli del primo punto, quali: sistemazioni di brevi tratti di sentiero, interventi di dendrochirurgia su piante monumentali, recupero di muretti a secco, ritenuti funzionali e necessari alla realizzazione ottimale dell’intervento, purché documentati, nel limite massimo del 15% del totale degli investimenti di cui al punto a.

L’ Operazione 4.4.2 – Recinzioni ammette a contributo le seguenti attività:

  • realizzazione di recinzioni tradizionali in legno;
  • risanamento conservativo di recinzioni in pietra;
  • realizzazione di recinzioni e “Bienenhaus”, a difesa delle arnie dall’orso;
  • acquisto di sistemi elettrici per la difesa dal lupo e dall’orso, applicati alla recinzione tradizionale.
Leggi anche:  La Regione Lombardia propone finanziamenti per progetti di ricerca in campo agricolo

L’Operazione 8.5.1 – Interventi selvicolturali non remunerativi prevede, invece, interventi selvicolturali non renumerativi, in aree boscate, finalizzati al miglioramento della resilienza e della biodiversità dei popolamenti forestali, ammettendo a contributo i seguenti interventi:

  • contrassegnatura delle piante oggetto di intervento;
  • taglio selettivo delle piante;
  • allestimento o trinciatura delle piante oggetto di taglio;
  • decespugliamento di vegetazione invasiva;
  • impianti localizzati di specie con pregio ecologico ambientale.

L’ Operazione 8.6.1 – Sostegno agli investimenti prevede, infine, i seguenti interventi ammissibili a contributo:

  • acquisto di nuove macchine, attrezzature, allestimenti e dispositivi specifici impiegati nelle operazioni di taglio, allestimento, esbosco, movimentazione, scortecciatura e misurazione del materiale legnoso;
  • acquisto di macchine e attrezzature per la lavorazione nel bosco della legna da ardere come spaccalegna, pese, stampi mobili, container di carico;
  • acquisto di attrezzature per l’essiccazione di legna e/o cippato forestale;
  • acquisto di impianti di segagione mobili;
  • acquisto di transporter e relativi allestimenti;
  • acquisto di trattori agricoli di potenza superiore a 50 Kw;
  • acquisto di trince forestali e mezzi specialistici con testata trinciante.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Per gli interventi di Viabilità forestale (Operazione 4.3.2) l’importo minimo di spesa non può essere inferiore a 10 mila euro. Il limite massimo di spesa ammissibile è, invece, fissato in 250 mila euro per beneficiario. L’intensità del contributo erogabile è pari: al 60% della spesa ammissibile per gli interventi di adeguamento di strade, sentieri e piazze già esistenti; al 50% della spesa ammissibile per gli interventi di costruzione di nuova viabilità forestale.

Per gli interventi di Recupero habitat in fase regressiva (Operazione 4.4.1) la spesa ammissibile deve essere pari o superiore a 3 mila euro. Il limite massimo di spesa ammissibile ammonta, invece, a 30 mila euro per beneficiario (innalzato a 80 mila per domande presentate da Associazioni forestali). L’intensità del contributo erogabile ammonta al 100% della spesa ammissibile.

Leggi anche:  POR Calabria FESR-FSE 2014/2020: bando per l’internazionalizzazione della Calabria

Per gli interventi previsti in materia di Recinzioni (Operazione 4.4.2), per essere ammessa a contributo la spesa non deve essere inferiore a: 10 mila euro, relativamente agli interventi di realizzazione di recinzioni tradizionali in legno e di risanamento conservativo di recinzioni in pietra; 3 mila euro per gli interventi di realizzazione di recinzioni a difesa delle arnie dall’orso e di acquisto di sistemi elettrici da applicare alla recinzione tradizionale. Il limite massimo di spesa ammissibile ammonta, invece, a 50 mila euro per beneficiario (innalzato a 80 mila per domande presentate da Associazioni forestali).

Quanto all’intensità del contributo erogabile essa è pari: al 60% della spesa ammissibile per interventi di realizzazione di recinzioni tradizionali in legno e di risanamento conservativo di recinzioni in pietra; al 70% della spesa ammissibile per interventi di realizzazione di recinzioni a difesa delle arnie dall’orso e di acquisto di sistemi elettrici da applicare alla recinzione tradizionale.

Per gli interventi previsti dall’ Operazione 8.5.1 (Interventi selvicolturali non remunerativi), è previsto solo il limite massimo di spesa ammissibile contributo, pari a 50 mila euro per beneficiario (innalzato a 80 mila per gli interventi proposti da associazioni in relazione a una superficie boscata superiore a 5 mila ettari). L’intensità del contributo erogabile ammonta, invece, al 100% della spesa ammissibile.

Infine, per gli interventi ammessi all’Operazione 8.6.1 (Sostegno agli investimenti,) l’importo di spesa ammissibile a contributo non può essere inferiore a 10 mila euro, né superiore a 250 mila euro per beneficiario. Il contributo erogabile ammonta al 35% della spesa ammissibile (innalzato al 40% nel caso in cui i macchinari di nuovo acquisto utilizzino olii idraulici biodegradabili).

Come fare per partecipare al PSR Trento – Attività forestali?

Le domande di contributo, in relazione a tutte le operazioni sopra delineate, devono essere presentate esclusivamente online entro il 30 aprile 2018.

Leggi attentamente i bandi PSR Trento – Attività Forestali.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Contattaci e un membro del nostro team ti spiegherà come fare




Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativaPolicy e privacy