Zone forestali Natura 2000, contributi in arrivo con la sottomisura 12.2 del PSR Umbria

Dal divieto di tagliare alcuni habitat forestali a quello di creare nuove piste per esbosco. Le zone forestali inserite nel circuito dei siti Natura 2000, per la loro caratteristica unica, sono soggette a dei vincoli che possono creare delle perdite di guadagno.

Sintesi bando PSR Umbria – Sottomisura 12.2

Area geografica: Umbria

Settore: agricoltura

Dotazione finanziaria: 500 mila euro

Obiettivo: rispondere alle perdite causate dai vincoli a cui sono oggetti le zone forestali inserite nel circuito dei siti Natura 2000

Beneficiari: soggetti privati o detentori di superfici forestali

Spese ammissibili: non specificate

Tipo di finanziamento: indennità annuale

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 15 maggio 2019

Approfondimento Bando

Dei contributi economici da erogare per tutti i proprietari di superfici forestali inserite nei siti Natura 2000 della Regione Umbria, che a causa di obblighi e limiti possono certamente riscontrare delle perdite significative nel loro guadagno. Questo l’obiettivo principale della sottomisura 12.2 del PSR Umbria, che vuole dare risposte concrete ai possessori di queste superfici. Ma facciamo un passo indietro, scopo principale dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000 è quello di proteggere la biodiversità e conservare i sistemi naturali, nell’ottica di uno sviluppo tanto economico quanto sociale.

In sostanza, il vincolo imposto a tutti i proprietari dei boschi dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000 è quello di mantenere il loro habitat naturale e dunque vietare il taglio in alcune zone di interesse comunitario.

Leggi anche:  Contributi e finanziamenti agevolati con il bando per l’Energia Rinnovabile alle imprese liguri

Chi sono i beneficiari della sottomisura 12.2 del PSR Umbria?

Possono accedere ai contributi messi a disposizione dal bando i soggetti privati detentori di superfici forestali o le associazioni, che hanno l’obbligo di rispettare alcuni impegni, quali:

  • fornire tutta la documentazione richiesta dal bando utile non soltanto per l’ammissibilità alla sottomisura ma anche per effettuare il monitoraggio;
  • comunicare tempestivamente eventuali variazioni rispetto a quello dichiarato nella domanda;
  • rispettare tutte le norme per la corretta gestione delle superficie gestite;
  • mantenere per un anno tutti i requisiti previsti dal bando;
  • rispettare per un anno le normative relative l’aspetto contrattuale del personale dipendente impiegato nell’azienda;
  • lasciare il libero accesso ai funzionari incaricati per le attività di ispezione e controllo.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Per quanto riguarda il contributo, come abbiamo già specificato, viene concesso per compensare le perdite economiche che scaturiscono dall’obbligo di rispettare alcune condizioni legate a determinate superfici. Per la sottomisura 12.2 parliamo di un’indennità annuale che per i primi 5 anni non supera i 500 euro per ettaro/anno; successivamente l’importo non potrà essere maggiore di 200 euro l’anno.

La sottomisura 12.2 prevede inoltre due linee di intervento specifiche: 12.2.1, in cui viene concessa un’indennità per il mancato taglio di alcuni habitat forestali; la tipologia 12.2.2, che invece riguarda il divieto di creare nuove piste per esbosco negli habitat forestali previsti sempre nei siti Natura 2000.

Fatta questa premessa, ecco la lista delle indennità concesse.

Tipologia 12.2.1

  • Boschi a prevalenza di faggio 283,87 €/ha/anno;
  • boschi di cerro 130,03 €/ha/anno;
  • boschi i misti mesoxerofili 72,24 €/ha/anno;
  • boschi a prevalenza di leccio 154,8 €/ha/anno;
  • boschi misti xerofili 235,29 €/ha/anno
Leggi anche:  Piemonte Film Tv Fund: contributi nel settore audiovisivo, cinematografico e televisivo

Tipologia 12.2.2

  • 140 euro/ha/anno per cedui maturi misti mesoxerofili;
  • 200 euro/ha/anno per gli altri tipi di bosco.

L’importo annuale per indennità legata all’utilizzo di tecniche di ceduazione sostenibili all’interno degli habitat forestali, è pari a 75 euro/ha/anno.

Come presentare la domanda per accedere alla sottomisura 12.2 del PSR Umbria?

Entro il 15 maggio 2019, i richiedenti che vogliono ottenere i contributi messi a disposizione dal bando devono inoltrare la loro domanda accedendo al Sistema Informativo Agricolo Nazionale (SIAN). Dopo questo passaggio, ed entro dieci giorni dalla chiusura della sottomisura, occorrerà inviare la stampa cartacea alla Regione Umbria – Servizio Foreste, montagna, sistemi naturalistici.

Scarica il bando della sottomisura 12.2 del PSR Umbria 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy