PSR Umbria sottomisura 16.3: contributi per favorire la cooperazione tra piccoli operatori agricoli e sviluppare il turismo rurale

La Regione Umbria, con il presente intervento, mira a supportare la nascita di partenariati tra piccoli operatori agricoli e soggetti, pubblici e privati, che operano per valorizzare il turismo rurale.
 
 

Sintesi del bando PSR Umbria Intervento 16.3.3

Area geografica: Umbria

Settore: agricoltura

Dotazione finanziaria: 1 milione di euro

Obiettivo: promuovere la cooperazione tra i piccoli operatori per ridurre i costi di produzione e sviluppare il turismo rurale della regione

Beneficiari: forme di partenariato

Spese ammissibili: spese per sostenere lo sviluppo dei prodotti e servizi turistici

Tipo di finanziamento: contributo in conto capitale

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 5 giugno 2018

Approfondimento bando

L’intervento 16.3.3 del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 “Sviluppo e/o commercializzazione di servizi turistici inerenti al turismo rurale” intende promuovere le forme di cooperazione tra piccoli operatori per rendere più vantaggiosi, in termini di costi, i processi di produzione e incrementare così la competitività del territorio locale.

Per essere visibili sul mercato, infatti, bisogna investire capitale e risorse materiali, di cui spesso le piccole aziende non sono dotate. Ecco, quindi, che la cooperazione, la condivisione e lo scambio reciproco di mezzi e risorse, diventano strumenti strategici per raggiungere lo stesso obiettivo: farsi spazio sul mercato.

Chi sono i beneficiari del PSR Umbria sottomisura 16.3?

Il sostegno economico previsto dal bando è concesso esclusivamente ai partenariati di nuova costituzione, o se già formati, che intraprendano una nuova attività. In particolare, tale partenariato può avvenire tra:

  • piccoli operatori, cioè imprese le cui dimensioni e caratteristiche corrispondono a quelle di micro impresa;
  • associazioni e consorzi;
  • piccoli operatori agrituristici, cioè produttori agricoli che possiedono una partita IVA con un codice d’attività ATECO 2007 prevalentemente agricolo, iscritti alla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura (CCIAA) e presenti nell’albo degli operatori agricoli;
  • piccoli operatori del settore turistico, cioè le imprese che hanno un codice ATECO 2007 che inizia con 55 e 56;
  • piccoli operatori dei servizi connessi al turismo, in questo caso le imprese devono avere un codice ATECO 2007 che inizia con 79. Rientrano inoltre in questa categoria anche quelle imprese che, indipendentemente dal loro codice ATECO, abbiano una consolidata esperienza nel territorio in termini di valorizzazione turistica.
Leggi anche:  POR FESR Emilia Romagna Azione 3.4.1, finanziamenti a fondo perduto per rilanciare l’export regionale

Quali sono le spese ammissibili dell’intervento 16.3.3 del PSR Umbria?

Le spese ammissibili previste dal bando sono:

  • spese propedeutiche per la realizzazione del progetto, per esempio costi effettuati per ottenere gli accrediti ai portali SIAN e SIAR per presentare la domanda di aiuto;
  • spese di gestione, come costi per il personale impiegato nella realizzazione del progetto;
  • costi sostenuti per analizzare il contesto su cui operare, studiarne la fattibilità e adottare buone strategie di marketing;
  • costi per la promozione e materiale pubblicitario;
  • costi di allestimento per la realizzazione di eventi, fiere o iniziative in linea con la promozione dei servizi/prodotti turistici.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Il contributo economico messo a disposizione dal bando è pari al 70% delle spese ammissibili. La spesa ammissibile è calcolata sul numero di posti letto offerti dai piccoli operatori agrituristici e turisti partner ed è riconosciuto un massimale di spesa pari a 300 euro per ogni posto letto. Tuttavia, ad ogni forma di partenariato potrà ricevere massimo 200 mila euro.

Come partecipare all’intervento 16.3.3 del PSR Umbria?

La domanda va presentata entro il 5 giugno 2018, utilizzando il portale del Sistema Informativo Agricolo Nazionale, SIAN che rilascerà una copia della domanda. Tale domanda, debitamente firmata, insieme alla documentazione prevista dal bando, dovrà essere inviata alla regione utilizzando il modello di adesione alla Misura 16, messo a disposizione dal portale SIAR .

Scarica il bando dell’intervento 16.3.3 del PSR Umbria 2014-2020.