Ricerca e Sviluppo in Valle d’Aosta: contributi per l’innovazione e la specializzazione di alto livello

Agevolazioni a sostegno delle imprese industriali che realizzino progetti di ricerca e sviluppo innovativi negli ambiti della S3 e che attivino contratti di alto apprendistato e ricerca per i giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni.

Gli investimenti nella ricerca e nello sviluppo sono fondamentali per aumentare la redditività e la competitività di un’azienda, e quindi creare nuove ricchezze e nuova occupazione per il territorio circostante. Data una tale importanza, non possono che accogliersi con favore le politiche volte a stimolare processi di innovazione nelle aziende, mediante incentivi volti alla promozione della ricerca e sviluppo.

A tal proposito deve segnalarsi la recente approvazione, da parte dell’Assessorato Attività Produttive della Valle d’Aosta, del bando a favore di imprese industriali per la realizzazione di progetti di ricerca e sviluppo negli ambiti della Smart Specialisation Strategy (S3).

Con oltre 1,9 milioni di euro di risorse disponibili, la Valle D’Aosta mira a promuovere attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale di nuovi prodotti, processi produttivi o servizi mediante la concessione di contributi, eventualmente cofinanziati dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR); cercando, altresì, di favorire lo sviluppo delle risorse umane coinvolte che, attraverso contratti di apprendistato di alta formazione e ricerca, possano conseguire specializzazioni ad alto livello.

A chi si rivolge il bando ricerca e sviluppo della Valle d’Aosta?

Possono accedere ai contributi:

  • le PMI industriali con almeno 10 dipendenti;
  • i consorzi di ricerca fra imprese industriali con almeno 5 dipendenti e il cui capitale sia detenuto in misura non inferiore al 50% da imprese industriali;
  • le reti di impresa, composte da almeno 3 imprese, operanti nelle attività di ricerca e sviluppo;
  • i centri di ricerca con almeno 5 dipendenti e il cui capitale sia detenuto in misura non inferiore al 70% da imprese industriali.
Leggi anche:  POR FSE Sicilia 2014/2020: contributi iscrizione ai master per liberi professionisti siciliani

Si considerano industriali le imprese che esercitano come attività prevalente un’attività economica identificata nelle seguenti sezioni dei CODICI ATECO ISTAT 2007:

  1. sezione B (estrazione di minerali da cave o torbiere) limitatamente alle classi 8.11, 8.12, 9.90;
  2. sezione C (attività manifatturiere) con esclusione delle categorie 12, 19;
  3. sezione F (costruzioni);
  4. sezione J (servizi di informazione e comunicazione) limitatamente alle categorie 58, 59, 61, 62 e alle classi 63.11 e 63.12;
  5. sezione M (attività professionali, scientifiche e tecniche) limitatamente alle classi 71.2 e 72.1.

Le imprese possono presentare domanda sia in forma singola che congiunta (almeno 2 partner), attraverso appositi accordi di collaborazione della seguente tipologia: raggruppamenti temporanei di imprese; contratti di rete; altri contratti di collaborazione previsti dall’Unione europea.

Di cosa tratta il bando ricerca e sviluppo della Valle d’Aosta?

Coerentemente con la Smart Specialization Strategy, i progetti presentati dovranno prevedere ricadute nei tre ambiti tecnologici Montagna di eccellenza, Montagna intelligente e Montagna sostenibile.

I progetti dovranno poi avere una durata compresa tra 12 e 24 mesi e prevedere obbligatoriamente una o più fasi di sviluppo sperimentale, che abbia come risultato finale la creazione di un dimostratore o prototipo funzionante.

Per tutti i progetti, una parte significativa dell’attività di ricerca dovrà essere svolta in Valle d’Aosta. Tale requisito si intende soddisfatto quando le attività svolte sul territorio comporteranno costi ammissibili per un importo almeno pari al 60% del totale dei costi del progetto ammissibili a contributo.

I contributi verranno concessi nella seguente misura massima:

  • per le grandi imprese euro 500 mila (600 mila per le imprese insediate a Cogne di Aosta o a Point SaintMartin);
  • per le medie imprese euro 250 mila (300 mila per le imprese insediate a Cogne di Aosta o a Point SaintMartin);
  • per le piccole imprese: euro 150 mila (180 mila per le imprese insediate a Cogne di Aosta o a Point SaintMartin).
Leggi anche:  PSR Toscana sottomisura 4.3.2: ecco come potenziare l'accesso ai terreni agricoli

L’intensità in termini percentuali del contributo, calcolata sulla base delle spese ammissibili, concedibile per progetto è invece la seguente ( per progetti presentato individualmente):

  • per le grandi imprese: 40% per progetti di ricerca e 15% per progetti di sviluppo;
  • per le medie imprese: 50% per progetti di ricerca e 25% per progetti di sviluppo;
  • per le piccole imprese: 60% per progetti di ricerca e 35% per progetti di sviluppo.

Per la presentazione di un progetto in collaborazione sono previste percentuali proporzionalmente più elevate.

Per ogni progetto di ricerca e sviluppo, deve essere stipulato almeno un contratto di apprendistato, fino a un massimo di 4, della durata minima di 6 mesi, ai fini dell’acquisizione del titolo di dottore di ricerca o dell’attività di ricerca stessa.

Possono essere assunti con contratto di apprendistato i giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni, che siano domiciliati in Valle d’Aosta, inattivi o disoccupati, ed in possesso dei titoli richiesti rispettivamente per l’attività di ricerca o per l’acquisizione del titolo di dottore di ricerca.

Come presentare domanda per il bando ricerca e sviluppo Valle d’Aosta?

Le domande di contributo devono essere presentate online sul sistema informativo SISPREG2014, utilizzando l’apposito formulario, entro il 15 dicembre 2017, a seguito del versamento di una cauzione dell’ammontare di 750 euro.

L’innovazione è la chiave della crescita territoriale, aziendale, professionale. Approfitta delle agevolazioni offerte dalla Valle d’Aosta e contribuisci alla sua promozione. Rivolgiti, in caso di dubbio, a un Consulente esperto e prepara il tuo progetto: i termini scadranno a breve!

Approfondisci il bando ricerca e sviluppo della Valle d’Aosta.

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook