Bando per lo sviluppo e l’innovazione del turismo montano veneto

AGGIORNAMENTO

La Regione Veneto ha disposto di prorogare i termini per la presentazione delle domande da parte dei destinatari al 14 febbraio 2017. Vedi Proroga Bando

La regione Veneto ha pubblicato un bando a favore delle imprese turistiche montane che prevede la concessione di contributi per interventi di sviluppo, innovazione e rigenerazione delle zone di montagna.
I fondi complessivi messi a disposizione della regione ammontano ad una cifra pari a 3,5 milioni di euro, somma che verrà ripartita nelle quattro aree provinciali di Belluno, Verona, Vicenza e Treviso in base alla quantità di strutture alberghiere presenti nelle aree montane; nello specifico:

  • nell’area di Treviso, con strutture turistico alberghiere pari allo 0,1%, è stanziato un fondo di 150 mila euro;
  • nell’area di Belluno, con strutture turistico alberghiere pari a circa il 63,9%, il contributo è di 2,050 milioni di euro;
  • nell’area di Verona, con strutture turistico alberghiere pari al 25%, sono stati previsti 900 mila euro di finanziamenti;
  • nell’area di Vicenza, con strutture turistico alberghiere pari all’11%, l’incentivo è di 400 mila euro.

Chi può fare domanda di partecipazione al bando per le imprese turistiche

La domanda di partecipazione al bando può essere presentata da tutti i proprietari o gestori di micro, piccole e medie imprese operanti in campo turistico, che rientrano nella tipologia di strutture alberghiere indicate nell’art. 25 della legge regionale n. 11/2013, che abbiano sede operativa in aree di montagna ubicate nelle province del territorio veneto e che intendano effettuare lavori di ristrutturazione ed innovazione volti ad ottenere una riqualificazione del territorio montano in questione, per un importo che va da un minimo di 500 mila euro fino ad un massimo di 1,5 milioni di euro; l’aiuto per le micro e piccole imprese sarà del 20% in conto capitale delle spese ammissibili, mentre per le imprese di medie dimensioni sarà del 10%, sempre in conto capitale.
Tutti gli interventi per i quali è possibile accedere all’erogazione dei contributi previsti dal bando devono rientrare nei seguenti progetti d’impresa:

  • ampliamento di una struttura turistico alberghiera già esistente, presente nelle province interessate dal bando;
  • aggiunta di nuovi servizi per i clienti, al fine di rendere la loro permanenza nella struttura sempre più gradevole;
  • realizzazione di aree complementari alla struttura e dedicate alla clientela, come ad esempio aree benessere, piscine, palestre;
  • realizzazione d’impianti che migliorino l’efficienza energetica della struttura;
  • miglioramento e innovazione di tutti i processi organizzativi dell’impresa.
Leggi anche:  Terzo Settore, via libera alla legge che segna la svolta

Per essere ammessi al bando è indispensabile che tutti i lavori per i quali si intende presentare domanda non siano iniziati prima della data di presentazione della stessa e che le spese vengano sostenute e pagate direttamente ed esclusivamente dal titolare, unico beneficiario del contributo che verrà erogato dalla regione.

Come fare domanda

Per fare domanda di partecipazione al bando per imprese turistiche bisogna presentare un progetto d’impresa che contenga:

  • una descrizione minuziosa del tipo d’intervento che si intende effettuare, indicando l’obiettivo da raggiungere in coerenza con le finalità degli aiuti economici previsti dal bando;
  • un resoconto dettagliato dei tempi previsti per l’effettuazione del lavoro e relativi importi di spesa per ogni fase di sviluppo progettuale;
  • l’annotazione precisa di ogni singola spesa prevista nel progetto con quantità, prezzo unitario e prezzo totale per ogni voce.

In caso di realizzazione di opere edili o d’impianti occorre presentare anche una valutazione del progetto attraverso un computo metrico estimativo insieme ad un elaborato grafico in scala che illustri tutti i lavori da effettuare.
Tutte le domande di partecipazione al bando devono essere presentate alla Direzione del Turismo della Regione Veneto attraverso il sistema informativo unificato della Regione; bisogna scaricare la domanda in pdf dal Siu, compilarla in ogni sua parte, firmarla digitalmente come il resto degli altri documenti richiesti e inviarla insieme a tutti gli allegati.
La scadenza è stata fissata al 28 gennaio 2017.

Fonte: Bando

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook