Olio d’oliva: secondo bando Ager per progetti scientifici

L’olio d’oliva è uno degli alimenti più tipici della dieta mediterranea, con un altissimo valore: è il miglior condimento in cucina, è molto digeribile, aiuta contro il colesterolo alto, è un concentrato di antiossidanti ed è utile nella prevenzione di tantissime malattie, per esempio diabete e tumori. L’elenco potrebbe continuare, poiché è un prodotto che non contiene controindicazioni e fa solo bene alla salute, ma in questa sede vogliamo informarvi, invece, che in virtù di tali proprietà benefiche, ma soprattutto per dare slancio e nuova linfa al settore, è stato indetto per il secondo anno il bando Ager – agroalimentare e ricerca.

L’obiettivo è realizzare progetti di carattere scientifico e multidisciplinare con la finalità di migliorare la quantità e qualità dell’olio extra vergine di oliva italiano, sin dalla produzione della materia prima.

Beneficiari, saranno enti organizzati in partenariati, che svolgano direttamente attività di ricerca scientifica negli ambiti identificati dal bando. La sede del capofila dovrà ricadere entro il territorio di intervento delle Fondazioni aderenti ad Ager. È ammessa anche la partecipazione di partner stranieri .

Il progetto è stato fortemente voluto e realizzato da un gruppo di Fondazioni che ha deciso di sostenere attività di ricerca scientifica al fine di dare nuovo impulso al settore agroalimentare italiano.

Con Ager collaboreranno Fondazione con il Sud e anche nove Fondazioni di origine bancaria: Fondazione di Bolzano, Fondazione Cariplo, Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, Fondazione Cassa di Risparmio di Parma, Fondazione Banco di Sardegna, Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Teramo, Fondazione Cassa di Risparmio di Udine e Pordenone.

Leggi anche:  PSR Sicilia: agevolazioni a fondo perduto per giovani agricoltori
Spese ammissibili:
  • Costi ammortizzabili (Amortizable costs);
  • Personale non strutturato (Temporary staff);
  • Prestazioni professionali di terzi (Sub-contractors and consultants);
  • Materiali di consumo (Consumables);
  • Spese correnti (Overheads);
  • Attività di comunicazione/disseminazione e altre spese gestionali (Communication and dissemination activities and other costs).

Il budget a disposizione del bando ammonta a 2,5 milioni di euro; il contributo Ager prevede la copertura del 100% dei costi totali di progetto. La scadenza è il 30 ottobre 2015.

 

Info: Ager – Fondazioni in Rete per la Ricerca Agroalimentare

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook