Aprire un franchising: cosa significa e quali vantaggi comporta

Aprire un’attività in franchising presenta un rischio di impresa meno elevato rispetto all’apertura di un’attività tradizionale. Tuttavia, il franchising non è adatto a tutti: scopriamo perché.

Secondo un recente studio condotto dal Centro Studi del Salone Franchising Milano (basato su dati forniti da Unioncamere, Confimprese e Assofranchising) aprire un franchising è meno rischioso che aprire un negozio tradizionale. Nel periodo 2011-2014, è stato infatti rilevato che il tasso di mortalità dei negozi in franchising è del 33 per cento inferiore rispetto a quelli tradizionali.

Questo perché aprire un franchising significa aderire ad una rete commerciale già consolidata che fornisce ai nuovi commercianti i prodotti, il know how, la formazione e il marketing, abbassando la quota di capitale necessaria ad avviare il negozio.

Attenzione, però. Non è tutto oro ciò che luccica. L’apertura di un’attività in franchising offre indubbiamente numerosi vantaggi; vi sono, tuttavia, anche notevoli limitazioni di cui è bene tenere conto.

Aprire un franchising: definizione

Prima di esaminare i pro ed i contro, vediamo insieme cos’è il franchising. Il franchising, detto anche affiliazione commerciale, è un contratto di collaborazione tra imprenditori, in base al quale una parte concede la disponibilità all’altra, dietro corrispettivo, di un insieme di diritti di proprietà industriale o intellettuale relativi a marchi, denominazioni commerciali, insegne, modelli di utilità, disegni, diritti d’autore, know-how, brevetti, assistenza o consulenza tecnica e commerciale.

Per dirlo altrimenti, l’azienda in possesso del marchio registrato autorizza il richiedente ad utilizzare il marchio in cambio di un corrispettivo economico, che può consistere nella c.d. fee d’ingresso (somma di denaro corrisposta una tantum), o nelle c.d. royalties (pagamento mensile di un determinato corrispettivo, spesso calcolato sulla base del fatturato).

Leggi anche:  Pensioni: le novità contenute nella Legge di stabilità

Aprire un franchising: i vantaggi

Come già anticipato, uno dei più grandi vantaggi offerti dalla formula del franchising consiste nella possibilità di avviare un’attività imprenditoriale senza, però, dover partire da zero. L’affiliato, infatti, spenderà il nome dell’azienda affiliante, godendo fin da subito di grandissima visibilità senza dover sostenere il costo di lunghe e costose campagne pubblicitarie.

Da parte sua invece, l’azienda madre godrà dell’indiscutibile opportunità di vedere il suo marchio sparso per il mondo, senza dover investire capitali propri; ma soprattutto, godrà della possibilità di non incorrere nelle normative antitrust, le quali impongono limiti alla quota di mercato che ogni singola società può detenere.

L’affiliato avrà accesso, inoltre, a tutte le conoscenze ed abilità operative per svolgere la propria attività imprenditoriale in maniera redditizia (il c.d. know how aziendale), sfruttando l’esperienza dell’azienda affiliante, ben funzionante e già insediata nel mercato.

Si badi, infine, che l’affiliazione viene autorizzata dall’azienda-madre solo a seguito di un’analisi di mercato, che tenga conto del luogo in cui dovrà essere aperta l’attività e dell’utenza potenzialmente raggiungibile dalla medesima; ciò per l’evidente finalità di evitare ogni genere di fallimento, che anche l’azienda madre ha interesse a scongiurare. Ottenere l’autorizzazione all’apertura di un franchising significa, pertanto, avviare un’attività in presenza dei giusti presupposti per aver successo, con un rischio d’impresa – appunto-molto minore.

Aprire un franchising: gli svantaggi

La casa madre impone delle precise regole nel contratto di utilizzo, che l’affiliato dovrà scrupolosamente osservare se vuole mantenere l’utilizzo del marchio. Proprio per questa ragione, il franchising non è una formula contrattuale adatta a tutti.

Se nel breve termine aprire un franchising permette la riduzione del rischio d’impresa, nel lungo termine tale attività finisce per limitare la creatività e l’autonomia imprenditoriale. Una persona creativa o che abbia l’ambizione di realizzare un proprio progetto imprenditoriale, prima o poi troverà difficoltà nel sottostare alle regole ferree del franchising. Diversamente, colui che preferisce la stabilità e la certezza di un lavoro sicuro, troverà nel franchising la formula contrattuale più idonea alle sue aspirazioni.

Leggi anche:  Piano olivicolo nazionale: approvato il progetto di valorizzazione delle olive

Attenzione, inoltre, al fenomeno del franchising “pirata”, cioè a quelle imprese che si infiltrano nel comparto per far firmare ai nuovi affiliati contratti iniqui, spesso ordendo vere e proprie truffe. Non mancano poi imprese che lanciano sistemi di franchising senza averli adeguatamene testati, con una struttura organizzativa e un piano di business inadeguati.

Tenete, infine, sempre in conto che spesso ci sono più marchi in franchising che offrono lo stesso prodotto. In questi casi, non lesinate a richiedere tutte le informazioni necessarie ai vari franchisor, che vi consentano di analizzare e capire quali di loro offrono il miglior prodotto al minor costo. Basta fare una veloce ricerca sui principali motori di ricerca del web, per rendersi conto delle moltissime alternative esistenti ed iniziare a farsi un’idea.

In conclusione, aprire un’azienda non è mai una decisione da prendere alla leggera. La paura di un insuccesso economico è sempre dietro l’angolo, specie in questa particolare fase storica. Aprire un franchising permette di ridurre notevolmente questo rischio, ma ponderate bene la vostra scelta: il franchising potrebbe non fare al caso vostro, oppure potreste trovarvi a firmare un contratto di collaborazione poco conveniente.

Pertanto, prima di sottoscrivere qualunque contratto di collaborazione, assicuratevi di aver ben compreso le regole ed i vincoli imposti dall’azienda madre. A tal fine, è consigliabile farsi assistere da un Professionista che possa mettervi in guardia dinnanzi a questi pericoli.

Approfondisci la LEGGE 6 maggio 2004, n. 129 sul franchising.

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook