Certificato di revisione auto, via alle nuove regole

Nuove regole in materia di revisione dei veicoli. L’Italia è tenuta ad adeguarsi alle normative introdotte dalla direttiva europea con il nuovo Certificato di Revisione.

Iniziamo nel chiarire che tutte le novità introdotte dalla Direttiva 2014/45 entreranno in vigore dal 20 maggio 2018 anche se il decreto ministeriale è stato pubblicato già in Gazzetta Ufficiale. Il nuovo documento introdotto, il certificato di revisione auto, dovrà contenere diversi dati tra cui i chilometri reali effettuati. La carta di circolazione e l’attuale certificato di proprietà saranno sostituiti dal Documento unico regolarmente consultabile presso il Portale dell’Automobilista.

È importante sapere che non vi è alcun cambiamento circa la frequenza relativa al periodo di revisione dell’auto, rammentiamo che il primo controllo deve avvenire dopo 4 anni dalla prima immatricolazione, successivamente le revisioni seguiranno con una cadenza biennale.

Che cos’è il Certificato di revisione auto?

Nello specifico il Certificato di revisione auto rappresenta un documento dove vengono registrati non solo i dati relativi al mezzo, o meglio indicati come dati identificativi dell’autovettura, ma contiene tutti i dati inerenti il controllo tecnico effettuato.

I centri di controllo hanno l’obbligo, a partire da maggio 2018, di comunicare al Ministero dei Trasporti e Motorizzazione Civile tutte le informazioni inerenti i certificati di revisione regolarmente rilasciati. Tali dati dovranno essere conservati dall’autorità competenti per circa 3 anni.

Cosa cambia nel certificato di revisione auto?

Il certificato di revisione regolarmente rilasciato dopo un controllo tecnico dovrà contenere alcuni elementi corrispondenti ai codici dell’Unione:

  • numero di identificazione del veicolo (numero VIN o numero di telaio);
  • targa di immatricolazione del veicolo e simbolo dello Stato di immatricolazione;
  • luogo e data del controllo;
  • lettura del contachilometri al momento del controllo, se disponibile;
  • categoria del veicolo, se disponibile;
  • carenze individuate e livello di gravità;
  • risultato del controllo tecnico;
  • data del successivo controllo tecnico o scadenza del certificato attuale, se questa informazione non è fornita con altri mezzi;
  • nome dell’Organismo che effettua il controllo e firma o dati identificativi dell’Ispettore responsabile del controllo;
  • altre informazioni.
Leggi anche:  Bando Agricoltura: la Regione Lombardia concede alpeggi da adottare

Quando può essere richiesto un controllo?

L’articolo 5 comma 4 della Direttiva Ue 2014/45, prevede che indipendentemente dall’ultimo controllo tecnico effettuato, l’autorità competente può richiedere un ulteriore controllo, in presenza delle seguenti circostanze:

  • dopo un incidente che pregiudichi le principali componenti rilevanti ai fini della sicurezza come ruote, sospensioni, zone di deformazione, sistemi airbag, sterzo o freni;
  • quando i sistemi e componenti ambientali e di sicurezza del veicolo siano stati alterati o modificati;
  • quando è cambiato l’intestatario di una carta di circolazione di un veicolo;
  • quando il veicolo ha raggiunto un chilometraggio di 160 mila km;
  • qualora la sicurezza stradale sia gravemente compromessa.

Resta da chiarire che le nuove norme non modificheranno i prezzi delle revisioni che sono di 45 euro se la revisione viene effettuata in una delle sedi provinciali della Motorizzazione Civile e di 66,88 euro nei centri privati convenzionati.

Il punto principale che interessa particolarmente è il chilometraggio del veicolo; infatti, questa misura mira a eliminare le frodi relative ai chilometraggi, specie durante una compravendita di automobili usate.

Approfondisci il Decreto Legislativo 29 maggio 2017, n. 98 

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook