Mare, sole e SALDI

Se piogge e maltempo ci stanno facendo tanto desiderare l’estate, arrivano i SALDI ad annunciarci l’arrivo della bella stagione

Mancano, infatti, solo pochi giorni agli attesi saldi estivi, che partiranno il prossimo 2 luglio in tutte le città italiane con data unificata, con la sola eccezione della Sicilia.

Il Codacons evidenzia però che “la data di inizio dei saldi è puramente formale e simbolica e oramai da anni non trova più alcun riscontro nella realtà”: un negozio su tre secondo l’associazione dei consumatori si prepara ad anticipare i saldi.

“Sono sempre più numerosi i negozi che anticipano l’avvio degli sconti di fine stagione proponendo, prima della partenza ufficiale dei saldi, ribassi sul prezzo direttamente ai consumatori in fase di acquisto o accettando le richieste di sconti dei cittadini, oppure inviando mail e sms ai clienti fidati – spiega il presidente Marco Maria Donzelli -. Fenomeno questo – aggiunge – che si è intensificato nel corso degli anni a causa delle crisi economica e del commercio, al punto che in media 1 negozio su 3 applica i saldi in anticipo”.

“Questo avviene – prosegue Donzelli – perché gli sconti di fine stagione sono superati e obsoleti e non incontrano più le esigenze dei consumatori i quali, sempre più numerosi, approfittano delle offerte e delle promozioni presenti tutto l’anno sul web attraverso i negozi online”.

“È arrivato il momento di abolire definitivamente i saldi stagionali, lasciando ai commercianti la libertà di scegliere quando e come scontare la propria merce senza alcun vincolo e limitazione, incentivando così gli acquisti e consentendo l’attesa ripresa del commercio” conclude il presidente del Codacons.

Dal 2 luglio, quindi  via a svendite e ribassi, unica raccomandazione, occhio attento al cartellino per evitare le truffe e diffidate di sconti eccessivi dal 60% in su.

Leggi anche:  Le novità del DDL concorrenza nel testo approvato alla Camera

Ecco Regione per Regione il calendario dei saldi estivi 2016:

Abruzzo: dal 2 luglio al 30 agosto
Basilicata: dal 2 luglio al 2 settembre
Calabria: dal 2 luglio al 1° settembre
Campania: dal 2 luglio al 30 agosto
Emilia Romagna: dal 2 luglio al 30 agosto
Friuli Venezia Giulia: dal 2 luglio al 30 settembre
Lazio: dal 2 luglio per sei settimane
Ligura: dal 2 luglio al 15 agosto
Lombardia: dal 2 luglio al 30 agosto
Marche: dal 2 luglio al 1° settembre
Molise: dal 2 luglio al 30 agosto
Piemonte: dal 2 luglio per 8 settimane anche non consecutive
Puglia: dal 2 luglio al 15 settembre
Sardegna: dal 2 luglio al 30 agosto
Sicilia: dal 1 luglio al 15 settembre
Toscana: dal 2 luglio al 30 agosto
Umbria: dal 2 luglio al 30 agosto
Valle d’Aosta: dal 2 luglio al 30 settembre
Veneto: dal 2 luglio al 31 agosto

Che dire, mani al portafoglio e fatevi sotto!

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook