Nuovi contributi agli agricoltori con la misura 13 del PSR Abruzzo

Premi per ettaro di superfici coltivate in zone più impervie della regione dove ottenere dei ricavi risulta essere un po’ più difficoltoso.

Sintesi bando PSR Abruzzo – sottomisura 13.1

Area geografica: Abruzzo

Settore: agricoltura

Dotazione finanziaria: 7 milioni di euro

Obiettivo: contrastare l’abbandono delle zone agricole montane allo scopo di proteggere la biodiversità e prevenire il rischio idrogeologico e di erosione dei suoli

Beneficiari: agricoltori

Spese ammissibili: spese necessarie alla coltivazione continuativa della Superficie Agricola Utilizzata

Tipo di finanziamento: premio annuale per ogni ettaro di superficie agricola coltivata

Procedura di selezione: non si prevedono criteri di selezione

Scadenza: 15 maggio 2019

Approfondimento Bando

Coltivare terreni montani è sicuramente più difficoltoso e meno remunerativo rispetto ai campi situati in altre zone meno impervie e questo spesso porta gli agricoltori ad abbandonare i propri campi per cercare nuove terre. Visto, però, che questo comporta una perdita della biodiversità e una minore resistenza del suolo all’erosione e un rischio idrologico maggiore, la Regione Abruzzo ha pensato di aiutare gli agricoltori attivi nelle zone montane con un contributo che serve a compensare i ricavi minori, e questo attraverso la sottomisura 13.1 del PSR Abruzzo 2014-2020.

Chi sono i beneficiari della misura 13 del PSR Abruzzo?

Può presentare la domanda l’agricoltore attivo, da solo o in associazione, che abbia determinati requisiti, tra i quali:

  • superfici coltivate che rientrano nelle zone montane individuate nell’allegato B del bando;
  • superfici coltivate almeno per l’anno di presentazione della domanda oppure con titolo in scadenza al 31 dicembre 2019; le particelle acquisite ad “uso civico”, invece, possono avere un periodo vincolato inferiore all’anno, ma comunque per un periodo di tempo che deve andare dal 15 maggio all’11 novembre 2019;
  • almeno per tutto il 2019 possesso da parte del beneficiario di partita IVA in campo agricolo con codice ATECO 01.
Leggi anche:  PSR Basilicata bandi aperti, Misure 10.1.1 e 10.1.4: presentazione domande di pagamento per il 2019

Quali sono le spese ammissibili per la misura 13 del PSR Abruzzo?

Il contributo viene erogato per compensare il ricavato minore dovuto alle condizioni difficili di coltivazione ed è destinato alle aziende zootecniche, quelle cioè che allevano bestiame bovino, ovino-caprino ed equino, con un carico di bestiame minimo di 0,2 UBA (Unità Bovino Adulto) per ettaro di Superficie Agricola Utilizzata (SAU). Se non si posseggono questi requisiti l’azienda non sarà considerata nella categoria “zootecnica”, ma farà parte della categoria “altre aziende”.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Il premio viene corrisposto per ettaro di SAU. In base alla dimensione l’importo sarà:

  • fino a 10 ettari: €160/ha per le aziende zootecniche e €120/ha per le altre aziende;
  • da 10 a 20 ettari: €80/ha per le aziende zootecniche e €60/ha per le altre aziende;
  • da 20 a 50 ettari: €40/ha per le aziende zootecniche e €30/ha per le altre aziende;
  • oltre i 50 ettari: €20/ha per le aziende zootecniche e €15/ha per le altre aziende;

Come fare per partecipare alla misura 13 del PSR Abruzzo?

La domanda può essere presentata esclusivamente online attraverso il portale SIAN entro il 15 maggio 2019, dopo aver aperto o aggiornato il fascicolo aziendale.

Scarica il bando della sottomisura 13.1 del PSR Abruzzo 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy